Lingua   

The Cardinal

Tom Paxton
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

All Clear in Harrisburg
(Tom Paxton)
No More War
(Jacqueline Sharpe)
Johnny Got a Gun
(Tom Paxton)


[1967]

Canzone pubblicata su Broadside Magazine n.80 dell’aprile/maggio 1967.


“Pass the Lord and Praise the Ammunition” , (1967) vignetta satirica di Edward Sorel raffigurante il cardinale Francis J. Spellman

“Pass the Lord and Praise the Ammunition” , (1967) vignetta satirica di Edward Sorel raffigurante il cardinale Francis J. Spellman



La canzone si riferisce al porporato Francis J. Spellman, arcivescovo di New York dal 1939 e per quasi trent’anni.
Fanatico anti-comunista, Spellman se ne uscì spesso con dichiarazioni tipo “un vero americano non può essere un comunista o giustificare in alcun modo il comunismo”. Fervente sostenitore del senatore Joseph McCarthy, come costui non esitò ad ingiuriare chiunque non fosse delle sue opinioni, perfino Eleanor Roosvelt (a proposito dei finanziamenti alle scuole cattoliche) e papa Giovanni XXIII (“Non è un papa, dovrebbe andare a vendere banane”; “E’ solo uno che ha subito il lavaggio del cervello, un fantoccio dei comunisti”). Nel 1959, recatosi ad una conferenza episcopale in Centro America, soggiornò in Nicaragua, contravvenendo agli ordini del Vaticano, per rendere pubblico omaggio al dittatore Anastasio Somoza Debayle. Al Concilio Vaticano II, il combattivo Spellman – sicuramente un riferimento per il nostro Don Curzio Nitoglia - si oppose fieramente alla riforma liturgica che incoraggiava l’uso delle lingue nazionali al posto del “latinorum” nella Messa e negli altri Sacramenti
Nel 1964 il cardinale sostenne la candidatura di Lyndon B. Johnson alla presidenza degli USA e l’anno seguente benedisse i marines che invadevano la Repubblica Dominicana. Convinto fin dagli anni ’50 della necessità che l’America andasse a schiacciare i comunisti nel sud-est asiatico, Spellman fu un’entusiasta sostenitore dell’invasione del Vietnam, a tal punto che in patria la guerra veniva spesso chiamata "Spelly's War". E a Natale del 1965 “Spelly” era ad incitare i marines in Sud Vietnam dicendo loro che si trattava di una “guerra di civiltà" e che era necessario “uccidere i comunisti in nome di Cristo".


Il Cardinale, camminando sulle acque, arriva in Vietnam per incoraggiare le truppe…
“Cristo è con voi! Se Lui fosse qui in carne ed ossa imbraccerebbe come voi l’M-16!”
Ma un soldato di fede ebraica gli fa notare la prima contraddizione… soluzione: il Cardinale lo fa crocifiggere.
Subito dopo alcuni guerriglieri vietnamiti gli fanno notare che anche loro sono cristiani… soluzione, dopo un attimo di impasse: il Cardinale dispensa i marines che così possono massacrare i correligionari insolenti.
Poi l’elicottero del Cardinale viene abbattuto, ma egli dopo tre giorni risorge, più gagliardo che pria…
“E se il Papa parla di pace, non statelo ad ascoltare! S’è bevuto il cervello! Sta diventando comunista! Non dategli retta, la nostra è una Guerra Santa! Ammazzatene più che potete, ammazzateli tutti, sterminateli senza pietà!!!”
The Card’nal dressed in olive drab,
He went across the see.
He walked across the water crying
“Come and pray with me
Come and pray with me.”

“For you are Christian soldiers
With Christ’s own work to do.
If Our Lord were living still
I know he’d be with you
I know he’d be with you.”

“For Jesus was no sissy
But a strong and fearless man.
He’d lead you through this jungle
His M-16 in hand
His M-16 in hand.”

Then up there spoke a soldier,
“Oh what am I to do?
I’d like to fight this Christian war
But, alas, I am a Jew
But, alas, I am a Jew.”

The Cardinal and his soldiers met
They found themselves at loss.
They found the best solution
When they hung him on a cross
When they hung him on a cross.”

Then up there spoke some Viet Cong,
“Oh, what are we to do?
We cannot join your army
But we are Christians, too
But we are Christians, too.”

Then consternation swept the ranks,
No answer could be found.
Till the Cardinal dispensation came
And they moved the bastards down
And they moved the bastards down.

The Viet Cong shot his ‘copter down,
He landed with is men.
But on the third day, suddenly,
The Cardinal rose again
The Cardinal rose again.

And when he heard the Pope was mad
The Cardinal shook his fist.
“Don’t trust the Pope!” the Cardinal cried,
“The Pope’s gone Communist!
The Pope’s gone Communist!”

“Don’t trust the Pope!” the Cardinal cried,
“This is a holy war,
You’ve killed a lot of Vietnamese,
For Christ’s sake, kill some more.
In Christ’s name kill some more!”

inviata da Alessandro - 8/6/2009 - 11:49


"uccidere i comunisti in nome di Cristo".

Detto con la stessa logica e razionalita' di chi vuol "schiacciare l' infame"... inutile dire che
"l' infame" in questione sia Gesu' Cristo.

Spelmann ha luci ed ombre dietro di se. Ignorava che
comunismo e capitalismo nord americano sono due faccie
della stessa medaglia (Jalta docet)

Don Curzio Nitoglia - 12/6/2009 - 00:58



Lingua: Italiano

Versione italiana tratta dall'LP Vietnam Ieri e oggi canzoni e ballate a cura del comitato Vietnam di Milano. Traduzione e adattamento di Marco Tutino

Vietnam
Il cardinale era vestito,
vestito di grigiolina,
gridava dall'acqua così:
"venite a pregare con me,
venite a pregare con me"

"poiché voi siete Cristiani
e a Cristo dovete la vita
se nostro Signore ci fosse
io so che sarebbe con voi
io so che sarebbe con voi"

"Gesù non fu donnicciola,
ma uomo senza paura
vi mostrerebbe la strada
con il suo mitra in mano
con il suo mitra in mano"

E allora un soldato parlò:
"Ed io cosa dovrei fare,
la guerra la voglio cristiana,
ma Dio mio sono un ebreo,
ma Dio mio sono un ebreo"

Il cardinale e i suoi soldati
rimasero senza parole
e infine decisero di
di metterlo sopra una croce
di metterlo sopra una croce

Parlarono allora i Vietcong:
"E noi cosa faremo
con voi non possiamo marciare
perché non siamo Cristiani
perché non siamo Cristiani"

Tra i ranghi nessuno parlava,
rispondere non si poteva
finché il cardinale parlò:
"Io tutti vi sterminerò
Io tutti vi sterminerò"

Spararono allora i Vietcong
ed egli morì con i soldati
ma all'alba del terzo giorno
di colpo lui resuscitò
di colpo lui resuscitò

Il papa si dice impazzito
e il cardinale ci sgridava:
"voi non ascoltatelo il papa
il papa è comunista
il papa è comunista"

"voi non ascoltatelo il papa,
che questa è una guerra Cristiana
se state sparando ai Vietcong,
per Dio sparate di più,
per Dio sparate di più"

inviata da DonQuijote82 - 9/7/2009 - 14:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org