Lingua   

Aurons-nous point la paix ?

Colette Magny


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

Alep Syriacon Valley
(Beppe Chierici)
On croyait pouvoir s'en tirer
(Colette Magny)
Richard II Quarante
(Colette Magny)


[1967]
Album "Vietnam 67"
 Colette Magny


Musica di Colette Magny
Testo di Olivier de Magny, poeta francese del XVI secolo.
Gordes, que ferons-nous ? Aurons-nous point la paix ?
Aurons-nous point la paix quelquefois sur la terre ?
Sur la terre aurons-nous si longuement la guerre,
La guerre qui au peuple est un si pesant faix ?

Je ne vois que soudards, que chevaux et harnois,
Je n'ois que deviser d'entreprendre et conquerre,
Je n'ois plus que clairons, que tumulte et tonnerre
Et rien que rage et sang je n'entends et ne vois.

Les princes aujourd'hui se jouent de nos vies,
Et quand elles nous sont après les biens ravies
Ils n'ont pouvoir ni soin de nous les retourner.

Malheureux sommes-nous de vivre en un tel âge,
Qui nous laissons ainsi de maux environner,
La coupe vient d'autrui, mais nôtre est le dommage.

inviata da Alessandro - 22/2/2009 - 17:16



Versione italiana di Beppe Chierici e Daisy Lumini in "La cattiva erba" del 1970.

La cattiva erba
Autori: Beppe Chierici, Olivier De Magny, Daisy Lumini



La Cattiva Erba (Contro la guerra e le armi) è un album del 1970 di Beppe Chierici e Daisy Lumini che raccoglie 15 canzoni in italiano frutto di traduzioni e reinterpretazioni di poesie e canzoni che vanno da Archiloco e Lao Tsu ad Antoine attraverso più di 2500 anni di storia. Credo che il titolo piacesse particolarmente a Beppe Chierici, visto che lo ha riutilizzato recentemente per un album su Brassens.
Il tema della guerra, della sua inutilità, del dolore delle madri o delle mogli che attendono il ritorno è ricorrente, essendo alcuni brani molto antichi, non possiamo però attenderci invettive contro la guerra.

Il disco è purtroppo introvabile, se non fosse stato per Flavio Poltronieri che ce ne ha fornito una copia, con tanto di fruscii del vinile inclusi nei brani, perchè in vinile uscì l'LP nel 1970, non saremmo mai riusciti a trovarlo. L'edizione era assai scarna, quindi priva dei testi che abbiamo dovuto pertanto sbobinare all'ascolto. Per quanto riguarda invece i testi originali, alcuni erano già presenti, altri li abbiamo trovati e inseriti.
Adesso l'album è interamente ascoltabile

Perchè quei cannoni? (Antoine) - Nenia (dalla guerra dei trent'anni) - Eravamo tre compagni - Compianto popolare - Il soldato morto in terra straniera - Alla guerra chi ci va - Il soldato dormiente (Rimbaud) - La guerra è truccata (Boris Vian) - Contro la guerra e le armi (Lao Tsu) - Lo scudo perduto (Archiloco) - Non avremo mai la pace, fratello? (Oliver De Magny) - Il condannato a morte - Testamento (Lermontov) - Il malcontento del soldato - Torna da in guerra un soldato



NON AVREMO MAI LA PACE, FRATELLO?

Fratello che faremo, non avremo mai la pace?
Non avremo mai la pace infine sulla terra?
Avremo dunque in terra sempre ancora la guerra?
La guerra che al popolo è si grave fardello

Io non vedo che fanti, che cavalli e armature
Io non ho che ordini di conquista e macello
Io non sento che trombe, che tumulti, boati
Non vedo, non sento che rabbia e sangue che morti, fratello

I principi prendono la vita, ne ridono a piacere
Non vogliono nè possono ridarcela loro

Che disgrazia fratello viver giorni così bui
Si è lasciato distruggere dall'odio e dal male
La colpa vien d'altrui ma il dolore è per noi
La colpa vien d'altrui ma il dolore è per noi

inviata da B.B. + Dq82 - 18/5/2017 - 08:17


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org