Lingua   

London London

Caetano Veloso


Lingua: Inglese

Guarda il video


London London video live 2007


Altri video...


Ti può interessare anche...

Bangladeshot hijrot gorilam boyonda ghor feli
(anonimo)
É proibido proibir
(Caetano Veloso)
Una finestra aperta
(Inti-Illimani)


da "Caetano Veloso" (1971)
Caetano Veloso 71

Alla fine degli anni '60 Caetano Veloso e Gilberto Gil furono costretti all'esilio dalla dittatura militare che governava il Brasile. Si rifugiarono a Londra, dove Caetano scrisse (in inglese) questa malinconica canzone, una descrizione idilliaca della vita nella capitale inglese, dove i poliziotti sono insolitamente gentili ed è così bello vivere in pace. Il tutto ovviamente contrapposto alla violenza e alla repressione del Brasile da cui era fuggito.

La musica della strofa è sorprendentemente simile a "Che sarà" interpretata da José Feliciano e i Ricchi e Poveri nello stesso anno a Sanremo...
I'm wandering round and round, nowhere to go
I'm lonely in London, London is lovely so
I cross the streets without fear
Everybody keeps the way clear
I know I know no one here to say hello
I know they keep the way clear
I am lonely in London without fear
I'm wandering round and round, nowhere to go

While my eyes go looking for flying saucers in the sky
While my eyes go looking for flying saucers in the sky

Oh Sunday, Monday, Autumn pass by me
And people hurry on so peacefully
A group approaches a policeman
He seems so pleased to please them
It's good at least, to live and I agree
He seems so pleased, at least
And it's so good to live in peace
And Sunday, Monday, years, and I agree

While my eyes go looking for flying saucers in the sky
While my eyes go looking for flying saucers in the sky

I choose no face to look at, choose no way
I just happen to be here, and it's ok
Green grass, blue eyes, grey sky
God bless silent pain and happiness
I came around to say yes, and I say

While my eyes go looking for flying saucers in the sky
While my eyes go looking for flying saucers in the sky

inviata da Lorenzo Masetti - 14/8/2007 - 08:46




Lingua: Portoghese (Português brasileiro)

Versione portoghese cantata da Gal Costa
LONDON LONDON

Vou vagando por ai não sei quem sou
Estou sozinho em Londres, não sei pra onde vou
Atravesso as ruas
Vou sem medo o meu caminho
Sem conhecer ninguém pra dizer "hello" (alô)
Sei que estou sozinho
Vou tentando o meu caminho
Sem medo minha vida vai seguindo

E os meus olhos
Procuram por qualquer coisa que vem do céu

As estações do ano passam por mim
Verão, outono, inverno, depois a primavera
Me lembro o ano inteiro
Do sol da minha terra
É tudo diferente por aqui
Enfim a vida é boa
E eu não sei mais o que ficou pra trás
Sem pressas vou levando a vida á toa

E os meus olhos
Procuram por qualquer coisa que vem do céu

Eu não escolhi nem decidi
Acontece que nem sei como vim parar aqui
A grama é tão verde o céu cinza olhos azuis
Eu vim pra dizer sim
E eu digo sim
A grama é tão verde, olhos azuis em toda a parte
Eu vim pra dizer sim
E eu digo sim

E os meus olhos
Procuram por qualquer coisa que vem do céu

14/8/2007 - 08:49




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di desafinado64 Lyrics translate
con alcune limitate modifiche
LONDRA LONDRA

Gironzolo di qua e di là, nessun posto dove andare
Sono solo a Londra, e Londra è così bella
Attraverso le strade senza paura
Tutti mi lasciano passare
Lo so, non conosco nessuno qui da salutare
So che mi lasciano passare
Sono solo a Londra senza paura
Gironzolo di qua e di là, nessun posto dove andare

Mentre i miei occhi vanno in cerca di dischi volanti nel cielo
Mentre i miei occhi vanno in cerca di dischi volanti nel cielo


Oh, Domenica, Lunedì, Autunno mi passano accanto
E la gente si affretta così tranquillamente
Un gruppo si avvicina a un poliziotto
Lui sembra così contento di accontentarli
In fondo la vita è bella e io sono d'accordo
Almeno lui sembra così contento
Ed è così bello vivere in pace e
Domenica, Lunedì, anni e io sono d'accordo

Mentre i miei occhi vanno in cerca di dischi volanti nel cielo
Mentre i miei occhi vanno in cerca di dischi volanti nel cielo

Non scelgo nessuna faccia da guardare, nessuna strada
Semplicemente mi è capitato di essere qui e va bene così
Erba verde, occhi blu, cielo grigio,
Dio benedica il dolore silenzioso e la felicità
Sono venuto per dire sì, e lo dico

Mentre i miei occhi vanno in cerca di dischi volanti nel cielo
Mentre i miei occhi vanno in cerca di dischi volanti nel cielo

8/10/2018 - 21:29




Lingua: Italiano

Versione italiana di Janaìna Truffi della versione portoghese
da Musica e Memoria
LONDON LONDON

Vado senza meta, non so chi sono
sono solo a Londra, non so dove andare
attraverso le strade
percorro senza timori il mio cammino
senza conoscere nessuno per dire "ciao"
so che sono solo
percorro a tentativi il mio cammino
senza paura la mia vita continua

e i miei occhi
guardano qualche cosa che viene del cielo

le stagioni se ne vanno
estate, autunno, inverno e dopo la primavera
mi ricordo per tutto l'anno
del sole della mia terra
è tutto differente qui
In fondo la vita e' buona
ed io non so piu che cosa è rimasto
senza fretta conduco la vita alla ventura

e i miei occhi
guardano qualche cosa che viene del cielo

io non scelsi, ne decisi
nemmeno so come sono arrivato qui
l'erba è verde, il cielo e grigio, gli occhi azzurri
io venni per dire si
io dico si
l'erba e' verde, occhi azzurri da tutte le parti
io venni per dire si
ed io dico si

e i miei occhi
guardano qualche cosa che viene del cielo

14/8/2007 - 09:57


Caetano Veloso dedica "London London" a Jean Charles

O cantor Caetano Veloso dedicou a música "London London" a Jean Charles de Menezes, o brasileiro morto em julho do ano passado pela polícia britânica, durante um show no domingo no Centro Barbican de Londres.

"Dedico 'London London' a Jean Charles", disse Caetano, cujo espetáculo no Barbican Arts Centre, com platéia lotada, inaugurou o ciclo musical da grande mostra "Tropicália", que homenageia o movimento vanguardista que transformou a cultura brasileira há quase quatro décadas.

Caetano gravou "London, London" em 1971, quando estava exilado na cidade com Gilberto Gil, o agora ministro da Cultura brasileiro, e outros artistas contrários à ditadura militar.

O artista descreve na canção as ruas nas quais se caminha sem nenhum temor, assim como uma cena na qual um grupo de pessoas se encontra com um policial, "Ele parece tão feliz em servi-los", canta Caetano, em uma música que resumia Londres para todos os brasileiros que chegavam à capital inglesa.

Isto acontecia há alguns meses, até que em 23 de julho do ano passado Jean Charles de Menezes, de 27 anos, foi morto a tiros na entrada de uma estação de metrô da zona sul de Londres por policiais que o confundiram com um terrorista.

UOL noticias

14/8/2007 - 08:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org