Lingua   

The Black Liberation Movement Suite

Cal Massey
Lingua: Strumentale


Ti può interessare anche...

Ciutat Morta
(Fault Won't Fade)
Marcus Garvey
(Burning Spear)
State of Arkansas (My Name Is Terry Roberts)
(Pete Seeger)


[1970]
Composizione jazz in nove movimenti scritta da Calvin “Cal” Massey (1928-1972), trombettista e compositore afroamericano

Cal Massey

1 - Prayer (4:01)
2 - (Hey God-damn-it) Things Have Got to Change (7:10)
3 - Man at Peace in Algiers (for Eldridge Cleaver) (5:12)
4 - The Black Saint (for Malcolm X) (3:56)
5 - The Peaceful Warrior (for Martin Luther King, Jr.) (5:31)
6 - The Damned Don’t Cry (for Huey P. Newton) (4:50)
7 - Reminiscing About Dear John (for John Coltrane) (2:14)
8 - Babylon (2:00)
9 - Back to Africa (for Marcus Garvey) (6:21)


Cal Massey è oggi sconosciuto ai più, anche perchè morì giovane – un infarto, a 43 anni – nel pieno della sua migliore stagione artistica. Inoltre – com'è chiaro da questa sua composizione – fu molto vicino ai movimenti radicali e in particolare alle Black Panthers e per questo fu blacklisted (anzi, “whitelisted”) dal mondo della produzione musicale, avendo soltanto un disco pubblicato (in dedica a John Coltrane)
Eppure Cal Massey fu un musicista e soprattutto un compositore raffinato, ritenuto al pari di Duke Ellington, Thelonious Monk e Sun Ra. Infatti Cal Massey scrisse musica per molti giganti del jazz dell'epoca, come il già citato Coltrane, Lee Morgan, Philly Joe Jones, Freddie Hubbard, Jackie McLean, Archie Shepp e molti altri.

The Black Liberation Movement Suite


“The Black Liberation Movement Suite” fu eseguita solo tre volte durante la vita del suo autore, sempre in concerti benefit per il Black Panthers Party. E' stata incisa soltanto nel 2011, su iniziativa dei musicisti Fred Ho e Quincy Saul, da un orchestra diretta da Whitney George.

Di Cal Massey si veda anche Bakai, interpretata da John Coltrane.
[Strumentale]

inviata da Bernart Bartleby - 16/2/2017 - 22:41


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org