Lingua   

Modena City Ramblers: Quacet putèin

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Italiano (Emiliano modenese)


Ti può interessare anche...

Stelle sul mare
(Modena City Ramblers)
Altri mondi
(Modena City Ramblers)
S'ciòp e Picòun
(Modena City Ramblers)


2016
Primo brano del prossimo disco (uscita prevista marzo 2017) reso noto dai Modena City Ramblers.
Registrato in presa diretta al VoxRecording di Reggio Emilia

Quacet putèin


2017
Mani come rami, ai piedi radici
mani-radici
Quacet putèin c'al tira un bròt vèint
l'è n'aria giaza c'al fa sbater i deint
Prila al culèin a adesa fe la nana
fe d'i be insoni fin a dman mateina

In t'i to insoni dvinta un bandì
c'al ruba dàl ridudi per qui ch'i en semper arabi
Dvinta un pirata anch se ché àn ghé mia al mèr
E tos tuti al lusghi a qui chì en dre a zighèr

Ninnananna ninna oh
Questo bimbo a chi lo do
Lo darò alla sua mamma
Che gli canta una ninnananna

Quacet putèin ca fora l'è bur
e in t'i to insoni an suced gninta ed sicur
Prila al culèin cl'è ora ed durmir
e anca la me gnola ades agh toca finir

Ninnananna ninna oh
Questo bandito a chi lo do
Lo darò alla sua mamma
Che gli canta una ninnananna

Ninnananna ninna oh
Questo pirata a chi lo do
Lo darò al suo papà
Che questa canzone gli canterà

inviata da dq82 - 12/1/2017 - 15:18




Lingua: Italiano

Testo in italiano dal sito ufficiale
COPRITI PICCOLINO

Copriti piccolino
Che tira un brutto vento
É un’aria gelata
Che fa sbattere i denti

Gira il culetto
Adesso fai la nanna
Fa dei bei sogni
Fino a domani mattina

Nei tuoi sogni
Diventa un bandito
Che ruba dei sorrisi
Per quelli che sono sempre arrabbiati

Diventa un pirata
Anche se qui non c’è il mare
E prendi tutte le lacrime
A quelli che stanno piangendo

Ninnananna ninna oh
Questo bimbo a chi lo do
Lo darò alla sua mamma
Che gli canta una ninnananna

Copriti piccolino
Che fuori è buio
E dentro i tuoi sogni
Non ti succede niente di sicuro

Gira il culetto
Che è ora di dormire
E anche alla mia cantilena
Adesso tocca finire

Ninnananna ninna oh
Questo bandito a chi lo do
Lo darò alla sua mamma
Che gli canta una ninnananna
Ninnananna ninna oh
Questo pirata a chi lo do
Lo darò al suo papà
Che questa canzone gli canterà

inviata da dq82 - 12/1/2017 - 15:19




Lingua: Italiano (Emiliano Modenese)

E questa canzone è gemella ad un'altra ninnananna in dialetto scritta da Giovanni Rubbiani dei Modena City Ramblers dal disco "Viva la vida, muera la muerte" (2004)

MCR





LA FILA ED LA SIRA

Quèsta chè l'è la fòla ed la sira
Per salutèret e per fèret durmir
L'è la nenia di òcc quand ìss serèn
Quand a ghè scur e al dè l'è finii

Al veint al sòpia in dì èlber
Al pètna i camp e l'erba in di prèe
E la fòla la gira e la souna
In totti al cà, per tott i puteìn

Al vèrd l'è al culòr dal lusèrtli
Al blò l'è al cèl ca se specia in di fos
Al ros l'è al culòr dal falèstri
Ch'ii sèlten fòra a balèr in dal fògh

Al zal l'è al furmèin in campagna
In d'la stagiòun dal chèld e dal sòl
E la nenia la finès cun al négher
Cl'è al piò bròtt, l'è al culòr ed la nòt

T'en vàd cl'è gnuda la sira
C'an ghè piò ginta e c'an s'sèint piò rumòr
L'è al mumèint ed cuntères dal fòli
E stèr a sèder chè asvèin al fògh

Al sòl l'è andèe a lughères
Al vèint l'à sméss ed supièr
La lòna l'è gnuda a catères
Perchè l'è òra d'andèr a durmir

Dòrem e brisa zighèr
Se t'fe di sogn chi't fàn agitèr
Che mè a sùn chè e a stàg sèimper svèli
A sparir via tòtt i fulètt

A t'gnarò luntàn i lèder e i brigànt
I bròtt pinser e i spìrit catìv
A farò rivèr sol di be sogn
Qui d'òr brilant e qui ed ver argint

T'en vàd cl'è gnuda la sira
C'an ghè piò ginta e c'an s'sèint piò rumòr
L'è al mumèint ed cuntères dal fòli
E stèr a sèder chè asvèin al fògh

Al sòl l'è andèe a lughères
Al vèint l'à sméss ed supièr
La lòna l'è gnuda a catères
Perchè l'è òra d'andèr a durmir
Perchè l'è òra d'andèr a durmir

inviata da dq82 - 12/1/2017 - 15:24




Lingua: Italiano

Testo in italiano da lagrandefamiglia.it
LA FAVOLA DELLA SERA

Questa qui è la favola della sera
Per salutarti e farti addormentare
E' la nenia degli occhi che si chiudono
Quando c'è scuro e il giorno è finito

Il vento soffia tra gli alberi
Pettina i campi e l'erba nei prati
E la fiaba va in giro e suona
In tutte le case e per tutti i bambini

Il verde è il colore delle lucertole
Il blu è il cielo che si specchia nei fossi
Il rosso è il colore delle faville
Che saltano fuori a ballare nel fuoco

Il giallo è il frumento in campagna
Nella stagione del caldo e del sole
E la nenia finisce con il nero
Che è il più brutto, è il colore della notte

Non vedi che è scesa la sera
Che non c'è più gente e che non si sente più rumore
E' il momento di raccontarsi delle fiabe
E di starsene seduti qui vicino al fuoco

Il sole è andato a nascondersi
Il vento ha smesso di soffiare
La luna è venuta a trovarci
Perchè è ora di andare a dormire

Dormi e non piangere
Se fai dei sogni che ti agitano
Perchè io son qui e me ne sto sempre sveglio
A scacciare tutti i folletti

Ti terrò lontani i ladri e i briganti
I brutti pensieri e gli spiriti cattivi
Ti farrò arrivare solo dei bei sogni
Quelli di oro brillante e quelli di vero argento

Non vedi che è scesa la sera
Che non c'è più gente e che non si sente più rumore
E' il momento di raccontarsi delle fiabe
E di starsene seduti qui vicino al fuoco

Il sole è andato a nascondersi
Il vento ha smesso di soffiare
La luna è venuta a trovarci
Perchè è ora di andare a dormire
Perchè è ora di andare a dormire

inviata da dq82 - 12/1/2017 - 15:26


Tanto che ci siamo, a me questa ninna-nanna me ne ha ricordata un'altra: la "Nanin Pupin" che i Viulan, di Pavullo nel Frignano (Modena) fecero in piazza Maggiore a Bologna il 21 giugno 1984, invitati da Francesco Guccini per il concerto "Fra la via Emilia e il West"...150.000 persone, tra le quali il sottoscritto.



Trentatré anni fa. Vabbè. Salud.

L'Anonimo Toscano del XXI Secolo - 13/1/2017 - 20:16


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org