Lingua   

Simmo 'e Napule, paisà

Peppino Fiorelli


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Da che parte stai
(Clementino)
Gli occhi di Salgado
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Rappresaglia
(99 Posse)


[1944]
Testo di Peppino Fiorelli
Musica di Nicola Valente

Napoli, 1944.
Napoli, 1944.
Era il 1944, la guerra si era allontanata e Napoli si ritrovò sommersa dalle macerie e occupata da inglesi e americani. La polvere di piselli non domava la fame, la spruzzata di DDT non allontanava le malattie. Perdizione e "signorine",le donne in vendita per procurare una medicina ai genitori e un tozzo di pane ai figli. Tanti languivano,qualcuno si arricchì con il mercato nero, e lo dissero "pescecane".

Una canzone di Peppino Fiorelli, "Simme e'Napule,paisà'", si levò a esprimere la speranza. L'aveva musicata Nicola Valente sul ritmo di tarantella. Più di un libro dotto, più di un'invettiva politica, la canzone divise i napoletani, e non solo loro. I cultori (molti avevano goduto del colpo di spugna sul ventennio fascista) dissero che era un giusto appello alla rinascita. Chi aveva combatuto il regime disse che invece si trattava di un qualunquistico invito all'oblio.

Avevano torto tutti e non soltanto perché una canzone è solo una canzone. Furono tratti in inganno da un vecchio motto popolare - "chi ha avuto...chi ha dato..."- e trascurarono la dignità delle altre strofe, che contenevano dolenti e dolorosi inviti a riscoprire la vita, restituendo un senso individuale alla tragedia collettiva :

Caccia oje nénna 'o crespo giallo,
miette 'a vesta cchiù carella,
(...cu na rosa 'int''e capille,
saje che 'mmidia 'ncuoll' a me...)


E che non nascondevano,inoltre l'enormità delle ferite della città:

Signurí', - nce dice a nuje -
ccá nce steva 'a casa mia,
só' rimasto surtant'i'..."


Sì, c'era l'appello a godere del sole, del mare e di qualche canzone da cantare, ma in filigrana si leggeva la verità. A lanciare il brano, destinato a un duraturo successo, fu Vera Nandi. E' stata ripresa da tanti, forse si fa piu' presto a dire chi non l'ha fatto, ma sono da ricordare Fausto Cigliano e la Nuova Compagnia di canto Popolare, Roberto Murolo e Gabriella Ferri, Giacomo Rondinella e Claudio Villa, l'italo-americano Jimmy Roselli e Peppino di Capri, Carlo Buti e Massimo Ranieri, Mario Maglione e l giardino dei Semplici, Bruno Venturini, il singolare Mario da Vinci e Gigi Sabani. L'ha canticchiata in tv Teo Teocoli nel ruolo del napolatano Felice Caccamo. Da "Simme e' Napule, paisà'" venne ricavata una rivista che fu esportata in America Latina (vi recitava Nuccia Fumo) e un film del 1949 intitolato "Torna Napoli/Simme 'e Napule paisà'" di Domenico Gambino, con un giovane Nino Manfredi, Maria D'Ayala, Marina Bonfigli e Carlo Lombardi; le canzoni le interpretavano Claudio Villa e Alberto Jandolo.

La canzone fini'poi nelle colonne sonore di tante pellicole e spettacoli teatrali, perfino nell'opera dei pupi. I 99 Posse citano il ritornello in un loro brano di protesta, "A' finanziaria". Di recente Sandro Pannunzio ha dato il nome di "Simme e' napule, paisà" a uno spettacolo. Tutto si aspettava Fiorelli, generoso autodidatta, tranne che di trovarsi al centro di una disputa intellettuale e di lasciare tracce profonde nella nella cultura di base. Aveva attinto l'idea di partenza da un comune detto popolare, l'ha trasformato: nel bene e nel male.

Ogni tanto,quando si spara in qualche vicolo di Napoli, il quotidiano della Lega di Bossi, "La Padania", scrive: Simmo a Napule, paisà'.

(Articolo di Pietro Gargano da "Il Mattino" 11/2/07)
Tarantella, facennoce 'e cunte,
nun vale cchiù a niente
'o ppassato a penzá.

Quanno nun ce stanno 'e tramme,
na carrozza è sempe pronta
n'ata a ll'angolo sta giá.

Caccia oje nénna 'o crespo giallo,
miette 'a vesta cchiù carella,
cu na rosa 'int''e capille,
saje che 'mmidia 'ncuoll' a me.

Tarantella, facènnoce 'e cunte,
nun vale cchiù a niente
'o ppeccomme e 'o ppecché.

Basta ca ce sta 'o sole,
ca c'è rimasto 'o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe' cantá.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
scurdámmoce 'o ppassato,
simmo 'e Napule paisá!.

Tarantella, stu munno è na rota
chi saglie 'a sagliuta,
chi sta pe' cadé!

Dice buono 'o mutto antico
ccá se scontano 'e peccate,
ogge a te...dimane a me!

Io, nu poco fatto a vino,
penzo ô mmale e penzo ô bbene,
ma 'sta vocca curallina
cerca 'a mia pe' s''a vasá!

Tarantella, si 'o munno è na rota,
pigliammo 'o minuto
che sta pe' passá.

Basta ca ce sta 'o sole,
ca c'è rimasto 'o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe' cantá.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
scurdámmoce 'o ppassato,
simmo 'e Napule paisá!.

Tarantella, 'o cucchiere è n'amico,
nun 'ngarra cchiù 'o vico
addó mm'ha da purtá.

Mo redenno e mo cantanno,
s'è scurdato 'o coprifuoco,
vò' surtanto cammená.

Quanno sta a Santa Lucia,
"Signurí', - nce dice a nuje -
ccá nce steva 'a casa mia,
só' rimasto surtant'i'..."

E chiagnenno, chiagnenno, s'avvía...
ma po', 'a nustalgía,
fa priesto a ferní.

Basta ca ce sta 'o sole,
ca c'è rimasto 'o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe' cantá.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
scurdámmoce 'o ppassato,
simmo 'e Napule paisá!.

Basta ca ce sta 'o sole,
ca c'è rimasto 'o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe' cantá.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
scurdámmoce 'o ppassato,
simmo 'e Napule paisá!

inviata da Willy - 11/2/2007 - 21:20




Lingua: Italiano

Versione italiana tratta dal sito di Pino Ulivi L'Italia in Brasile
SIAMO DI NAPOLI, PAESANO

Tarantella, facendoci i conti,
non serve più a niente
pensare al passato.

Quando non ci sono i tram,
una carrozza è sempre pronta
un'altra all'angolo sta giá.

Prepara, o donna, lo scialle giallo,
indossa la veste più bella,
con una rosa tra i capelli,
vedrai che invidia per me.

Tarantella, facendoci i conti,
non serve più a niente
il come e il perché.

Basta che c'è il sole,
che c'è rimasto il mare,
una ragazza cuore a cuore,
una canzone da cantare.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
dimentichiamoci il passato,
siamo di Napoli paesano!

Tarantella, questo mondo è una ruota,
chi va in salita,
chi sta per cadere!

Dice bene il detto antico:
qua si scontano i peccati,
oggi a te...domani a me!

Io, un po' ubriaco,
penso al male e penso al bene,
ma questa bocca color corallo
cerca la mia per baciarla!

Tarantella, se il mondo è una ruota,
cogliamo il minuto
che sta per passare.

Basta che c'è il sole,
che c'è rimasto il mare,
una ragazza cuore a cuore,
una canzone da cantare.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
dimentichiamoci il passato,
siamo di Napoli paesano!

Tarantella, il cocchiere è un amico,
non trova più il vicolo
dove deve portarmi.

Ora ridendo e ora cantando,
ha dimenticato il coprifuoco,
vuole solo camminare.

Quando arriva a Santa Lucia,
"Signori, - ci dice -
qui c'era la casa mia,
sono rimasto solamente io..."

E piangendo, piangendo, si avvia,
ma poi, la nostalgia,
fa presto a finire.

Basta che c'è il sole,
che c'è rimasto il mare,
una ragazza cuore a cuore,
una canzone da cantare.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
dimentichiamoci il passato,
siamo di Napoli paesano!

Basta che c'è il sole,
che c'è rimasto il mare,
una ragazza cuore a cuore,
una canzone da cantare.

Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
dimentichiamoci il passato,
siamo di Napoli paesano!

7/4/2008 - 00:00




Lingua: Portoghese (Português brasileiro)

Versione portoghese di Pino Ulivi dal sito L'Italia in Brasile
SOMOS DE NAPOLES PAISANO!

Tarantella, fazendo as contas,
não serve mais a nada
pensar no passado.

Quando não tem mais bondes,
uma carroça é sempre pronta,
outra na esquina está já.

Prepare, o mulher, o xale amarelo,
vista o vestido mais belo
com uma rosa entre os cabelos,
vai ver quanta inveja para mim.

Tarantella, fazendo as contas,
não serve mais a nada
o come e o porque.

Basta que tem o sol,
que permaneceu o mar,
uma garota coração a coração,
uma canção para cantar.

Quem teve, teve, teve,
quem deu, deu, deu,
esquecemos do passado,
somos de Nápoles paisano!

Tarantella, este mundo é uma roda,
quem sobe a ladeira,
quem está para cair!

Diz bem o ditado antigo:
aqui se pagam os pecados,
hoje a ti...amanha a mim!

Eu, um pouco embriago,
penso no mal e penso no bem,
mas esta boca cor de coral
busca a minha para beijá-la!

Tarantella, se o mundo é uma roda,
colhemos o minuto
que está para passar.

Basta que tem o sol,
que permaneceu o mar,
uma garota coração a coração,
uma canção para cantar.

Quem teve, teve, teve,
quem deu, deu, deu,
esquecemos do passado,
somos de Nápoles paisano!

Tarantella, o cocheiro é um amigo,
não acha mais o beco
onde deve me levar.

Hora rindo e hora cantando,
se esqueceu da hora,
quer somente andar.

Quando chega a Santa Lucia,
"Senhores, - nos diz -
aqui estava a casa minha,
sobrei somente eu..."

E chorando, chorando, se encaminha,
mas depois, a nostalgia,
logo termina.

Basta que tem o sol,
que permaneceu o mar,
uma garota coração a coração,
uma canção para cantar.

Quem teve, teve, teve,
quem deu, deu, deu,
esquecemos do passado,
somos de Nápoles paisano!

Basta que tem o sol,
que permaneceu o mar,
uma garota coração a coração,
uma canção para cantar.

Quem teve, teve, teve,
quem deu, deu, deu,
esquecemos do passado,
somos de Nápoles paisano!

7/4/2008 - 00:02


Siete magnifici! Per favore non mollate!

mi chiamo Chiara Salvini e vi pubblico ogni tanto sul mio blog

http://www.neldeliriononeromaisola.it/

---adesso prendo solo la foto bellissima (se si può dire...) del bimbo e del ragazzo--

9/9/2014 - 07:34


Non abbiamo la benché minima intenzione di mollare, Chiara; tutt'altro. E ti ringraziamo davvero enormemente per le parole su questo sito che viene, sarà bene ricordarlo, mandato avanti da meno di dieci persone sparse in mezzo mondo. Vorremmo però pregarti di una cosa, se ci leggi: il link al tuo blog che hai fornito non è attivo e dà un bel 404. Potresti per cortesia mettere un link attivo? Grazie!

CCG/AWS Staff - 9/9/2014 - 08:55


Errore mio. Ora il link è attivo!

adriana - 9/9/2014 - 10:59


Segnaliamo l'interpretazione di Francesca Rondinella, filia di Luciano e legata da parentela con Peppino Fiorelli, cugino del nonno materno.

Maria Rosaria Fiorelli - 6/11/2015 - 17:38


Complimenti per il sito.
Ho appena postato questo bellissimo articolo sul mio blog su facebook "Teen Town: brani celebri, Music Topics, Musicology, Promozione".
Date un'occhiata! Consulto sempre questo bellissimo spazio web ed ho intenzione di linkarlo molto più spesso sulla mia pagina...
A presto!
[A.]

Andrea - 7/11/2015 - 16:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org