Lingua   

U pumu

Rosa Balistreri


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Suttaterra
(Pupi di Surfaro)
La Sicilia havi un patruni
(Rosa Balistreri)
Morsi cu morsi
(Rosa Balistreri)


[1974]
Scritta da Rosa Balistreri con Gianni Belfiore (1941-), paroliere e compositore (che iniziò proprio con “Rusidda ‘a Licatisa”, fece fortuna con Julio Iglesias ed è di recente finito malamente, autore di una canzone “di corte” dedicata al bel ministro Maria Elena Boschi…)
Testo trovato su Cultura Siciliana, sito curato da Nicolò La Perna, autore della biografia “Rosa Balistreri - Rusidda... a Licatisa”.
Nell’album di Rosa Balistreri intitolato “Amuri senza amuri”

Amuri senza amuri
Quannu me matri mi fici vattiari
comu na zita mi vosi fasciari
la so ricchezza era sulu ddu velu
ammia lassau 'n pizzuddu di cielu

Pani e cipudda cunzatu cu nnenti
chistu è lu piattu di la me genti
sulu a li festi si mancia la carni
disiu d'un pumu crisciva cu l'anni

Tanti cristiani sutta lu munti
cu la fatica scritta 'nta frunti
ad aspittari la terra prumissa
sempri 'n parrinu ca dici la missa.

Terra scurdata di Diu e di santi
'n manu ci resta chiddu chi chianci
tutta la vita sempri aspittari
aspetta aspetta a cu veni 'n veni mai.

Gira sta rota gira stu munnu
o arrivi 'n cielu o resti 'n funnu
chi sorti amara ristari sulu
senza putiri manciari ddu pumu.

Quannu me matri mi fici vattiari
comu na zita mi vosi fasciari
la so ricchezza era sulu ddu velu
ammia lassau 'n pizzuddu di cielu

Gira sta rota gira stu munnu
o arrivi 'n cielu o resti 'n funnu
chi sorti amara ristari sulu
senza putiri manciari ddu pumu
chi sorti amara ristari sulu
senza putiri manciari ddu pumu

inviata da Bernart Bartleby - 10/4/2015 - 15:42



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal sito di Gianni Belfiore
LA MELA

Quando mia madre mi fece battezzare
come una sposa mi volle fasciare
la sua ricchezza era solo quel velo
e mi lasciò un pezzetto di cielo.

Pane e cipolla condito con niente
questo è il piatto della mia gente
solo alle feste si mangia la carne
il desiderio di una mela cresceva con me.

Tanti uomini sotto quel monte
con la fatica scritta sulla fronte
ad aspettare la terra promessa
c'è sempre un prete che dice la Messa.

Terra scordata da Dio e dai santi
in mano ci resta quello che piangi
tutta la vita sempre aspettare
aspettare ciò che non arriva mai.

Gira la ruota gira il mondo
o arrivi in cielo o resti in fondo
che sorte amara restare soli
senza poter mangiare la mela.

Quando mia madre mi fece battezzare
come una sposa mi volle fasciare
la sua ricchezza era solo quel velo
e mi lasciò un pezzetto di cielo.

Gira la ruota gira il mondo
o arrivi in cielo o resti in fondo
che sorte amara restare soli
senza poter mangiare la mela
che sorte amara restare soli
senza poter mangiare la mela.

inviata da Bernart Bartleby - 10/4/2015 - 15:43


GIORGIOOO!!!
Ma che fine hai fatto?!?
Turna cu nuàutri!!!


(terzo ed ultimo appello)

Bernart Bartleby - 10/4/2015 - 15:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org