Lingua   

A serva

Voce Ventu
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

A Palatina
(Canta u Populu Corsu)
L’emigratu
(Voce Ventu)
Corsica mea
(Voce Ventu)


Eu, paisanu fieru
Ghjurnatante è disgraziatu
Vogliu cantà l'addisperu
Di lu mio amore scunciatu
Anghjula, pura è fantina
Di u veranu più bellu fiore
Si n'andò quella matina
À fà serva à li signori.
Anghjula, Anghjula mea
A ruvina mi purtasti
Stu ghjornu duv'è n'andasti
In li sgiò
È ne francasti lu purtò.
L'estate l'aria infiarava
Eri stanca à la funtana
A to ciretta pisava
Sott'à quella sciappittana
Eu, rozu travagliadore
Ùn truvai mai la stonda
Ellu, giovanu signore
Bellu, ti girava in tondu.
Anghjula, Anghjula mea
Fù cusì, nun ricusasti
A to giuventù li dasti
À stu sgiò
Chì in la so casa t'ingannò.
Trà a cardellina è u corbu
Matrimonii ùn ne pò nasce
Puru un criaturu in corpu
U sgiò ingratu ti tralascia
Stu ghjornu era festa in piazza
Misurasti a to sciagura
Spusava una di razza
Ricca, di ceppu sicuru.
Anghjula, Anghjula mea
Issa pistola ch'è tù purtasti
A ti cacciai, ùn la mi dasti
È u sgiò
Fù a mio manu chì u tumbò.

inviata da adriana - 8/3/2014 - 17:43



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org