Lingua   

Να με θυμάσαι

Killah P [Pavlos Fyssas / Παύλος Φύσσας]




Ti può interessare anche...

Εκτός ελέγχου
(Killah P [Pavlos Fyssas / Παύλος Φύσσας])
Σιγά μην κλάψω, σιγά μη φοβηθώ
(Killah P [Pavlos Fyssas / Παύλος Φύσσας])


Na me thymásai
[2012]
Parole e musica: Pavlos Fyssas (Killah P)
Lyrics and music: Pavlos Fyssas (Killah P)
Στίχοι και μουσική: Παύλος Φύσσας (Killah P)
Album: Μια μαλακία και μισή

killahp


E così ce l'hanno fatta a spegnere un'altra voce antifascista. Pavlos Fyssas era uno dei più noti rapper greci, “Killah P” (“Killah” sta per “killer”), nonché militante nel gruppo antifascista di sinistra Ανταρσία (“Resistenza”, ma con un termine che riporta agli αντάρτες, i partigiani greci della resistenza contro l'occupazione nazifascista e nella successiva guerra civile). Aveva pubblicato numerosi album, tra i quali Μια μαλακία και μισή (“Una stronzata e mezzo”, ma anche, volendo, “Una sega e mezzo”) dal quale è tratta questa canzone che, a due giorni dal suo assassinio, presentiamo incompleta nel testo. Solo questo (la seconda strofa) abbiamo potuto per ora reperire in rete, ma le ricerche continuano di questa e altre canzoni. E' il nostro modo perché la parola “solidarietà” non resti, appunto, una parola; far sì che le parole e le canzoni di un antifascista ammazzato in quanto tale siano conosciute. E questo pur breve brano, un frammento di una canzone, ci fa capire meglio come mai Killah P sia stato assassinato.

Nelle prime ore di mercoledì 18 settembre 2013, Pavlos Fyssas, 34 anni, è stato provocato da una persona in un bar di Amfiali, nel municipio di Keratsini al Pireo. I media riportano che la discussione sarebbe iniziata su questioni calcistiche, per poi proseguire su questioni politiche; qui è avvenuto l'assassinio. Tutto però lascia credere che Killah P, noto per la sua militanza, abbia subito un'azione premeditata da una squadraccia fascista: l'assassino, innanzitutto, è un 45enne che ha dichiarato subito dopo l'arresto di essere membro di “Alba Dorata” (Χρυσή Αυγή), il partito neonazista greco che, sguazzando nella devastante crisi greca, è riuscito ad ottenere sempre più consensi e seggi in parlamento. All'assassinio di Killah P hanno partecipato, secondo le testimonianze, da cinque a quindici altre persone. Una squadraccia vera e propria, quindi: Pavlos Fyssas è stato accoltellato a morte sotto gli occhi delle unità DIAS (la polizia in moto). Un omicidio non casuale, programmato, che arriva proprio nel momento in cui i movimenti riprendevano slancio, con lo sciopero a oltranza dei professori (adesioni sopra il 90%) e lo sciopero generale di 48 ore (oggi e domani) convocato contro gli ennesimi licenziamenti, di circa 25.000 lavoratori. Già stamattina ci sono stati i primi assalti alle sedi del partito nazista. A Creta, decine di antifascisti hanno assaltato gli uffici di Alba Dorata e si sono scontrati con la polizia. A Patrasso, la sede del partito è stata data alle fiamme. Durante gli scontri un uomo ha minacciato con un'arma i manifestanti. Dopo il suo arresto si è scoperto che si tratta di un ufficiale della marina italiana.

Un delitto infame, ma anche un delitto ampiamente annunciato, perché al di là di luogo, circostanza e identità della vittima era purtroppo soltanto questione di tempo perché l’escalation di violenze da parte del partito neonazista greco, Alba Dorata, sfociasse nell’omicidio. Aggressioni a migranti, gay e militanti della sinistra sono ormai all’ordine del giorno e soltanto una settimana fa è stata sfiorata la tragedia, allorché un gruppo di militanti del KKE (partito comunista greco) è stato aggredito a freddo e a suon di sprangate.

D’altronde, i neonazisti sono galvanizzati dal consenso che riescono a canalizzare in una Grecia devastata dalle politiche d’austerità della Troika (siedono in Parlamento e i sondaggi li danno al 13% delle intenzioni di voto) e dalle ampie complicità di cui godono all’interno della polizia greca. Insomma, sono un fenomeno in preoccupante crescita, come ci ricorda anche l’ottima inchiesta di Leonardo Bianchi, Nazisti sull’orlo del potere. Il caso Alba Dorata, pubblicata pochi giorni fa su MicroMega. [RV]
[...]
Eίναι που κάποιες στιγμές
Οι φίλοι γίνονται φίδια
Και παίζουν πίσω απ'την πλάτη σου
Περιέργα παιχνίδια
Είναι που νιώθεις ότι όλο το θέμα έχει στραβώσει
Και ξεκίνησε σιγά σιγά η ελεύθερη σου πτώση
Ψάχνεις να βρεις το χέρι αυτό που θα σε σώσει
Κι απεγνωσμένα κάποιον που ελπίδα θα σου δώσει
Εν πάσει περιπτώσει σταμάτα ρε να κλαίγεσαι
Έχεις πολλά να δώσεις έχεις πολλά να κάνεις
Θυμήσου κάποτε πως ήθελες τα αστέρια να φτάνεις
Κάθε φορά που το κουράγιο σου χάνεις
Βάλε καινούριους στόχους και ας μην τους φτάνεις
Δε τους άφησα να φαντάζουν γίγαντες στα μάτια μου
Ακόμα και στα χειρότερα κομμάτια μου
Έχτισα τοίχους πελώριους με τα όνειρα μου
Και γέμισαν τραγούδια με στίχους τα δάκρυα μου.
[...]

inviata da CCG/AWS Staff - Ελληνικό Τμήμα - 19/9/2013 - 11:00



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
(Con interventi di Giuseppina Dilillo)
19 settembre 2013

killahpall
RICORDATI DI ME

C'è che in certi momenti
Gli amici diventano serpenti
E ti giocano dietro alle spalle
Degli strani tiri
C'è che senti che niente è andato per il verso giusto
E che pian piano è cominciata la tua caduta libera
Cerchi di trovare una mano che ti salvi
E, disperatamente, qualcuno che ti dia speranza
In ogni caso, ehi, smettila di piangere
Hai molto da dare hai molto da fare
Ricordati che un tempo volevi arrivare alle stelle
Ogni volta che perdi il tuo coraggio
Poniti nuovi obiettivi anche se non li raggiungi
Non ho permesso che apparissero giganti ai miei occhi
Perfino nei miei frammenti più piccoli
Ho costruito mura immani coi miei sogni
E le mie lacrime hanno riempito di versi le canzoni.

19/9/2013 - 11:01


La traduzione italiana è stata in alcuni punti rivista dalla "nostra" Giuseppina Dilillo, che così torna sul sito. Non servirà a granché, ma è una cosa per la quale si deve ringraziare Pavlos...

Riccardo Venturi - 20/9/2013 - 20:58


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org