Lingua   

Saluta il Senegal

Andrea Sigona
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Viaggi di sabbia
(GenteStranaPosse)
Quelli della Thyssen Krupp
(Andrea Sigona)
Dio stanotte non abita qui
(Andrea Sigona)


Non so quale sia il vero titolo di questo brano, preso dallo spettacolo Il lavoro rende liberi
Volevo un'altra vita
un'altra strada
altri perché
senza confini e nuvole
e un orizzonte solo per te
colori di stagioni
e altalene gli occhi miei
lo stesso cielo insieme
anche se tu, tu non ci sei

Ho inseguito un sogno
un desiderio che oggi è realtà
cooperativa, integrazione
progetti, immagini
di questa città
amici indissolubili
e gente che non perderei
gli stessi mondi capovolti
anche se tu, tu non ci sei

E quanto può costare
questa mia vita senza te
adesso mi rispettano
riconoscenze e nomine da re
sapessero le pietre
che hanno offeso la mia dignità
e ancora non riesco a capire
perché tu, tu non sei qua

Profumo di candele
non le ricordo più
anche i nostri prati verdi
e la mia gioventù
momenti che non torneranno
momenti di felicità
saluta il Padre Nostro e prega
saluta il Senegal
momenti che non torneranno
momenti di felicità
saluta il Padre Nostro e prega
saluta il Senegal

inviata da DoNQuijote82 - 13/4/2012 - 10:47


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org