Lingua   

Abril '74

Lluís Llach


Lingua: Catalano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Canção do camponês
(Fernando‎ Lopes-Graça)
Jornada
(Fernando‎ Lopes-Graça)
Cantaremos / Lutaremos
(Tonicha)


[1975]
Testo e musica di Lluís Llach
Album: Viatge a Itaca
Testo ripreso da questa pagina

llacha


In video, il fantastico duetto tra Lluís Llach e il tenore (catalano) Josep Carreras, più noto come José Carreras. Da non perdere, anche per ascoltare una canzone splendida, con tutta probabilità una delle più belle contenute in tutto questo sito. La registrazione è stata effettuata al Palau Sant Jordi di Barcellona. Questa canzone in catalano, scritta pochi mesi prima della caduta del franchismo, è probabilmente il più bell'omaggio che sia stato fatto alla Rivoluzione dei Garofani portoghese, che aveva liberato il vicino paese iberico da una dittatura fascista cinquantennale.

Nell'apposita sezione è presente anche il video del concerto del Camp Nou del 1985. [RV]

vtgi


"Finalmente Abril 74, una composición de una calidad excepcional tanto musicalmente como literariamente, es una pieza muy directa, que enlaza con la línea más testimonial de la producción de Llach, sin caer nunca, pero, en demagogias de ningún tipo y un texto bellísimo, nacido del contacto personal con la realidad portuguesa, es reforzado por una música de gran calidad, que cierra Viatge a Ítaca con unes esperanza lúcida, alejada de todas las concesiones pamfletarías."


A tutto questo ci piace aggiungere che Alessio Lega ha recentemente dato di questa canzone una versione italiana che sa riprodurre in toto la bellezza dell'originale.
Companys, si sabeu on dorm la lluna blanca,
digueu-li que la vull
però no puc anar a estimar-la,
que encara hi ha combat.

Companys, si coneixeu, el cau de la sirena,
allà enmig de la mar,
jo l'aniria a veure,
però encara hi ha combat.

I si un trist atzar m'atura i caic a terra,
porteu tots els meus cants
i un ram de flors vermelles
a qui tant he estimat,
si guanyem el combat.

Companys, si enyoreu les primaveres lliures,
amb vosaltres vull anar,
que per poder-les viure
jo me n'he fet soldat.

I si un trist atzar m'atura i caic a terra,
porteu tots els meus cants
i un ram de flors vermelles
a qui tant he estimat,
si guanyem el combat.

inviata da Riccardo Venturi - 16/5/2006 - 14:36




Lingua: Portoghese

La versione portoghese dal blog Valkirio.

Per quanto possa sembrare impossibile, di questa incredibilmente bella canzone dedicata alla rivoluzione dei Garofani era stato finora impossibile reperire in rete una traduzione in portoghese, tanto da farci meditare di approntarne una personalmente. Ci è venuto in ausilio il blog Valkirio, sulla quale abbiamo trovato la seguente traduzione. [CCG/AWS Staff]
ABRIL '74

Companheiros, se sabeis onde dorme a lua branca,
dizei-lhe que a quero
mas não posso ir amá-la,
porque ainda há combate.

Companheiros, se conheceis o canto da sereia,
lá no meio do mar,
eu iria vê-la,
mas ainda há combate.

E se um triste azar me atinge e caio por terra...
levai todos os meus cantos
e um ramo de flores vermelhas
a quem tanto amei,
se ganharmos o combate.

Companheiros, se procurais as primaveras livres,
convosco eu quero ir,
que para as poder viver
me fiz soldado.

E se um triste azar me atinge e caio por terra...
levai todos os meus cantos
e um ramo de flores vermelhas
a quem tanto amei,
quando ganharmos o combate.

inviata da CCG/AWS Staff - 12/12/2008 - 01:16




Lingua: Italiano

Versione italiana a cura del Nuovo Canzoniere Bresciano.
Da "Memorie resistenti" [2005]
[APRILE]

Compagni se sapete dove dorme la luna bianca
ditele che la cerco anch’io
vorrei trovarla però ho da lottar

Compagni se sapete il canto della sirena
andate in mezzo al mare, anch’io vorrei trovarla
io che faccio il soldato

E se dovrò morire in questa triste guerra
portate tutti i miei canti e un ramo di fiori rossi
a chi ho tanto amato quando ero soldato

Compagni se vedrete le libere primavere
anch’io con voi sarò, anch’io le voglio avere
io che ho da lottare

E se dovrò morire in questa triste guerra
portate tutti i miei canti e un ramo di fiori rossi
a chi ho tanto amato quando si combatteva.

inviata da Riccardo Venturi - 16/5/2006 - 14:38




Lingua: Italiano

Versione italiana da La musica dell'altra Italia
APRILE '74

Compagni, se sapete dove dorme la luna bianca,
Ditele che la voglio
Però non posso andare a amarla
Perché ancora si combatte.

Compagni, se conoscete la grotta della sirena,
Là, in mezzo al mare,
Io andrei a vederla;
Ma ancora si combatte.

E se una triste sorte mi abbatte e cado a terra,
Portate tutti i miei canti
E un ramo di fiori rossi
Che tanto ho amato,
Se vinceremo la battaglia.

Compagni, se rimpiangete le primavere libere,
Con voi voglio andare,
Ché, per poterle vedere,
Io mi son fatto soldato.

E se una triste sorte m'abbatte e cado a terra,
Portate tutti i miei canti
E un ramo di fiori rossi
Che ho tanto amato,
Quando vinceremo la battaglia.

inviata da Riccardo Venturi - 15/1/2007 - 18:08




Lingua: Italiano

legles
Versione italiana di Alessio Lega
Ascoltabile (ma non scaricabile) da MySpace
MP3 scaricabile dal suo blog Venditor di sassi
28 novembre 2007



Alessio Lega - "Abril '74" al Camp Nou (Concert per la Llibertat) 29-6-2013


Da qualche parte veleggiava per la rete il provinaccio della mia versione (in italiano) di Aprile '74 del grandissimo cantautore catalano Lluis Llach.
M'ha scritto un giornalista dalla Catalogna chiedendomi di poterla utilizzare per un disco antologico di interpreti del maiuscolo Lluis. Io pensavo a qualcosa di molto alla buona, fatto in casa... e come ogni volta che me lo si chiede (e anche quando non me lo si chiede) ho dato il mio totale assenso.
Caso poi voleva che io di quella canzone stessi registrando una bella e nuova versione col meraviglioso contrabasso del maestro Bartoli e con la chitarra di Isa per un altro progetto di cui vi parlerò quanto prima.
Ho spedito la nuova registrazione.

Il disco esce fra pochissimo per la più prestigiosa etichetta catalana, la PICAP...

Questo è il testo di presentazione che - peraltro - menziona anche il vostro umile compagno, associato al meglio delle ugole di laggiù (e non solo)...

"El proper dia 3 de desembre sortirà al mercat un disc que farà història, una autèntica meravella, les grans cançons d’en Lluís Llach interpretades pels més grans. Os aniré informant sobre la sortida d’aquest disc....
En Lluís Llach ha estat un dels millors artistes catalans de tots els temps, fa uns mesos va decidir oferir el seu darrer concert i tal com diu ell “deixar de fer de Lluís Llach”, en Lluís no tornarà a enregistrar discos ni oferir concerts, però el seu llegat, la seva obra, quedarà per sempre amb nosaltres i aquestes precioses cançons que formen part de les nostres vides les podrem escoltar en diferents versions.
Si véns amb mi, és un homenatge a l’autor i a l’artista, són els seus companys i amics d’arreu del món que interpreten a la seva manera les cançons de l’empordanès. Una visió diferenciada i amb la personalitat de cada un d’ells li dona, una nova dimensió a cada una de les obres.
Un primer CD amb versions inèdites on hi trobem l’espectacular interpretació de “Penyora” a càrrec de la Maria del Mar Bonet que a més ha realitzat la il·lustració de la portada, unes palmeres fetes amb l’ungla sobre sorra. Un emotiu Pedro Guerra, un sorprenent Silvio Rodríguez, la força interpretativa de l’Adrià Puntí i d’en Miquel Gil, esplèndida versió del “Que feliç era mare” a càrrec de la Marina Rossell, pell de gallina a l’escoltar la versió a veu i piano del “Laura” per part d’en Roger Mas, Joan Isaac amb “Vida” una cançó que sembla que fos escrita per ser interpretada per ell, Josep Tero, Joan Amèric, Túrnez & Sesé, Gorka Nnörr, Manu Guix etc.
Un segon CD amb versions ja existens, algunes de prou conegudes com la de l’Ana Belén “Nube blanca” i d’altres de desconegudes pel gran public, però molt i molt bones i sorprenents, com la que fa l’italià Alessio Lega d’“Abril 74”, Jean-Michel Jarre de “l’Estaca”, la brasilera Zizi Possi de “Cançó d’amor”, la francesa Catherine Ribeiro de “Lluna”, els Pomada del “Que tinguem sort”, Zéspol Reprezentacyjny del “Encara” o dels Inadaptats amb “La gallineta” entre d’altres.
Un disc homenatge a un dels més grans, per gaudir de les seves bones cançons en versions i visions absolutament diferents. Un disc que dona l’autèntica visió internacional del cantant de Verges."
APRILE '74

Compagni che sapete dove dorme la luna bianca
anch'io vorrei vederla
ma devo stare qui
la lotta non è stanca.

Compagni che al mattino col sole dell'aurora
sentite le sirene
vorrei sentirle anch'io
ma qui si lotta ancora.

E se un triste destino mi chiuderà in un fosso
portate dal mio amore
questo canto che muore
e un fiore rosso rosso

Se si vincerà al mattino col sole dell'aurora
sentite le sirene,
vorrei sentirle anch'io
ma qui si lotta ancora.

Compagni che volete liberare la primavera
con voi combatterò
prendendo le armi solo
sotto quella bandiera.

E se un triste destino mi chiuderà in un fosso
portate dal mio amore
questo canto che muore
e il fiore rosso rosso
se si vincerà.

inviata da daniela -k.d.- - 30/11/2007 - 18:41





Μετἐφρασε στα Ελληνικά ο Ρικάρντος Βεντούρης
14.12.12

Grecia e Portogallo, 1974. Grêcia e Portugal, 1974. Ελλάδα και Πορτογαλία, 1974.
Grecia e Portogallo, 1974. Grêcia e Portugal, 1974. Ελλάδα και Πορτογαλία, 1974.


In Portogallo fu l'aprile, in Grecia l'agosto; ma quell'anno 1974 vide la fine di due dittature fasciste in Europa. Non è forse un caso che dall'ultima rimasta, quella spagnola, sia provenuta questa che, a lungo andare, continuo a ritenere la più bella canzone mai scritta sulla rivoluzione portoghese. Questo stupefacente miscuglio di gioia e dolore, di felicità per dei fratelli che si sono liberati e di tristezza per il proprio paese che ancora rimane sotto il giogo senza per questo cessare la dura lotta e sperare nella prossima libertà. Ancora per più di un anno ebbero ad attendere gli spagnoli, e Abril 74, canzone originariamente scritta in lingua catalana, è il monumento a quest'attesa di lotta. E non è un caso che dalla Catalogna siano provenute anche bellissime canzoni dedicate alla Grecia. Però una traduzione in greco di Abril 74 mancava, e allora mi sono messo a farla non coi soliti intenti di “servizio”, ma cercando di renderla, se possibile, cantabile. [RV]
ΑΠΡΙΛΙΟΣ 74

Ξέρετε, σύντροφοι, που κοιμάται το άσπρο φεγγάρι,
κι εγώ θέλω να το δω
αλλά πρέπει να μένω
δε τελείωσε η πάλη.

Τις ακούτε, σύντροφοι, τις πρωινές γοργόνες
με τον της αυγής ήλιο,
κι εγώ θέλω ν' ακούσω
μα δε τελείωσε η πάλη.

Κι αν μοίρα θλιβερή θα με κλείσει στον τάφο
στην αγάπη μου φέρτε
πεθάμενο τραγούδι
και κόκκινο λουλούδι

αν νικήσουμε, τις ακούτε τις πρωινές γοργόνες
με τον της αυγής ήλιο,
κι εγώ θέλω ν' ακούσω
μα δε τελείωσε η πάλη.

Τη θέλετε, σύντροφοι, ελέυθερη την ανοίξη,
μαζί σας θα παλεύω,
και τ' άρματα θα πάρω
υπό κείνης της σημαίας.

Κι αν μοίρα θλιβερή θα με κλείσει στον τάφο
στην αγάπη μου φέρτε
πεθάμενο τραγούδι
και κόκκινο λουλούδι
αν νικήσουμε.

14/12/2012 - 14:12




Lingua: Spagnolo

Versione spagnola (castigliana) dal sito ufficiale
ABRIL 74

Compañeros, si sabéis donde duerme la luna blanca
decidle que la quiero
pero que no puedo acercarme a amarla
porque aún hay combate.

Compañeros, si conocéis el canto de la sirena
allá en medio del mar,
yo me acercaría a buscarla
pero aún hay combate.

Y si un triste azar me detiene y doy en tierra
llevad todos mis cantos
y un ramo de flores rojas
a quien tanto he amado.

Compañeros, si buscáis las primaveras libres
con vosotros quiero ir
que para poder vivirlas
me hice soldado.

Y si un triste azar me detiene y doy en tierra
llevad todos mis cantos
y un ramo de flores rojas
a quien tanto he amado.
Cuando ganemos el combate.

16/5/2006 - 14:48




Lingua: Francese

Version française de Riccardo Venturi
(d'après la version italienne d'Alessio Lega)
10 décembre 2008
AVRIL 74

Camarades, vous qui savez où dort la lune blanche,
moi aussi j'aimerais la voir
mais il faut que je reste ici,
la lutte n'est pas encor' lasse.

Camarades, vous qui entendez le chant des sirènes
au matin dans le soleil de l'aurore
moi aussi j'aimerais les entendre
mais ici on combat encore.

E si un triste sort m'enfermera dans une fosse,
apportez à mon amour
ce chant qui va mourir
et une flour toute rouge.

Et si on gagnera au matin, avec le soleil de l'aurore,
écoutez le chant des sirènes
moi aussi j'aimerais les écouter
mais ici on combat encore.

Camarades, vous qui voulez libérer le printemps
moi je combattrai avec vous
en prenant les armes seul
sous ce drapeau.

E si un triste sort m'enfermera dans une fosse
apportez à mon amour
ce chant qui va mourir
et la fleur toute rouge
si on gagnera.

10/12/2008 - 15:20




Lingua: Francese

Versione francese da lluislach.fr
AVRIL 74

Camarades si vous savez où dort la lune blanche
dites-lui combien je la désire, mais que je ne
peux encore aller l'aimer parce qu'il y a encore le combat.

Camarades si vous connaissez le chant de la sirène
là-bas au large de la mer, un jour j'irai la voir
mais il y a encore le combat.

Et si un triste sort m'arrête et que je tombe
portez tous mes chants et un bouquet de fleurs vermeilles
à celle que j'ai tant aimée
si nous gagnons le combat.

Camarades si vous cherchez les printemps libres
j'irais alors avec vous,
Car c'est pour pouvoir les vivre
que je me suis fait soldat.

Et si un triste sort m'arrête et que je tombe
portez tous mes chants et un bouquet de fleurs vermeilles
si nous gagnons le combat.

Camarades si vous cherchez les printemps libres
j'irais alors avec vous,
c'est pour pouvoir les vivre que je me suis fait soldat.

Et si un triste sort m'arrête et que je tombe
portez tous mes chants et un bouquet de fleurs vermeilles
à celle que j'ai tant aimée
quand nous gagnerons le combat.

13/6/2010 - 23:22




Lingua: Inglese

English version by Riccardo Venturi
(based upon the Italian version by Alessio Lega
December 10, 2008
APRIL 74

Comrades, you who know where the white moon's sleeping,
I'd love watching it, too,
Yet I have to stay here,
The struggle isn't over yet.

Comrades, you who can hear with the sun at dawn
The mermaids sing in the morning,
I'd love hearing them, too,
But the struggle's going on, here.

And if a sad destiny would shut me up in a grave,
Pray, bring to my love
This song fading away
And a fully red flower.

And if we'd win one morning, with the sun at dawn,
Pray, listen to the mermaids,
I'd love listening to them, too,
But the struggle's going on, here.

Comrades, you who want to set the spring free,
I will fight by your side
Taking the weapons all alone
Under this banner.

And if a sad destiny would shut me up in grave,
Pray, bring to my love
This song fading away
And a fully red flower
If we should win.

10/12/2008 - 15:32




Lingua: Ungherese

Magyar nyelvre fordította Riccardo Venturi
2008-12-10én
74 ÁPRILISA

Társak, ti, akik tudjátok hol alszik a fehér hold,
Én is szeretném látni őt
De itt kell maradnom,
Még nem faradt a harc.

Társak, ti, akik meghalljátok a szirénák dalát
A hajnali napban
Én is szeretném meghallni,
De itt tovább kell harcolnunk.

És ha szomorú sors egy sírba engem bezárna,
Hozzátok a szerelmemnek
Ezt a haldokló dalt
És piros-piros virágot

Ha legyőznénk, egy reggelen a hajnali napban
Halljátok meg a szirénák dalát
Én is szeretném meghallni,
De itt tovább kell harcolnunk.

Társak, ti, akik fel akartok szabadítani a tavaszt,
Mellettetek harcolni fogok,
Fegyvert fogok egyetlen
Ez a lobogó alatt.

És ha szomorú sors egy sírba engem bezárna,
Hozzátok a szerelmemnek
Ezt a haldokló dalt
És piros-piros virágot,
Ha legyőznénk.

10/12/2008 - 16:23


Medicine
di Riccardo Venturi





Lo conoscete questo medicinale? Sinceramente, mi auguro di no; se lo conoscete, vuol dire che voi (o, comunque, qualcuno che vi è vicino) avete avuto un infarto del miocardio, un ictus o altre belle cosette del genere. Il clopidogrel (questo il nome del principio attivo) è un antiaggregante piastrinico, o antiplacca cardiaca; viene prescritto, ad esempio, ad uno come me cui hanno impiantato nelle coronarie intasate delle reti metalliche a maglie chiamate stent, mediante un intervento detto angioplastica.


Il compito del clopidogrel è, quindi, quello di impedire che le piastrine non intasino di nuovo i vasi sanguigni, provocando quindi un nuovo infarto. Robetta così, insomma. Fin dal primo giorno che me lo hanno dato e prescritto mi hanno avvertito ufficialmente, in modo scritto, firmato e timbrato, che la sua interruzione comporta rischi elevatissimi; in pratica dovrò prenderlo per sempre. Mi direte tutti: oh, mica sarai così scemo da smettere di prenderlo! Come si fa, poi, senza l'Asocial Network? Rispondo: fossi matto, nonostante il farmaco abbia comunque i suoi bravi effetti collaterali che, a lungo andare, comportano a sua volta problemi abbastanza grossi. Oh, prima o poi si dovrà pur morire, c'è poco da fare. Il problema è un altro, e non dipende da me; vi racconto una storia.


Qualche tempo fa, il clopidogrel veniva prescritto soltanto dal medico di famiglia sulla "ricetta bianca"; vale a dire, uno se lo doveva pagare. In caso di infarto o altra malattia che ne giustificava l'assunzione, il clopidogrel veniva passato su ricetta rossa (a carico del SSN) soltanto per sei mesi dopo l'intervento e la terapia intensiva; dopodiché, passava a carico del paziente. Una confezione di Plavix contiene 28 pastiglie e costa 31 euro


Va da sé che la maggior parte dei pazienti, passati i sei mesi, lo interrompevano perché non potevano permetterselo (e io sarei stato uno di questi); e dopo un po', parecchi di loro si ribeccavano un bell'infarto perché le piastrine tornavano ad aggregarsi sugli stent, eccetera, eccetera. Oppure, tout court, morivano. Ad un certo punto, le autorità sanitarie si sono accorti che un ricovero in terapia intensiva costa circa 1000 euro al giorno, e che quindi conveniva loro assai di più rimettere il clopidogrel interamente a gratis (in quanto previene nuovi ricoveri); e così il Plavix è tornato sulla ricetta rossa, e ad esempio il Venturi può continuare a prenderlo semplicemente facendone richiesta al medico curante e andando in farmacia.


Da quando ho avuto l'infarto sono passati quasi 11 mesi, e di Plavix, prendendone una pastiglia al giorno, ne ho consumate tredici scatole. Poi ci sono le metformine per il diabete, il metoprololo, la cardioaspirina, il ramipril, la statina (altro bell'elemento...) e i famosi esteri etilici di acidi grassi poliinsaturi, altresì detti "pesce marcio"; si tratta di un anticolesterolico ricavato, appunto, dai cascami della lavorazione del pesce. In tutto, prendo dodici pastiglie al giorno. La sera prima me le preparo e me le metto in una scatolina che mi segue ovunque; quelle della mattina si chiamano "le chicche", quelle del pomeriggio "il digestivo" e quelle della sera "il dessert". Prima o poi, chiaramente, le scorte che mi faccio finiscono; e allora vado all'ambulatorio di Piazza dell'Isolotto, me ne faccio prescrivere un'altra scorta, e quando ci sono le ricette vado alla farmacia accanto e ne esco fuori con una sacchettata di roba.





Questa qui che, invece, avete appena ascoltato, è una famosa canzone antifranchista catalana. Non stupitevi che sia, qui, in italiano; un cantautore anarchico leccese, che si chiama Alessio Lega, l'ha tradotta alcuni anni fa. Nell'originale si chiama Abril '74 ed è stata scritta da uno dei più grandi cantautori in lingua catalana, Lluís Llach. Ve la faccio sentire anche nell'originale:








Ho detto antifranchista; sì, perché nella Spagna del 1974 il caudillo era ancora vivo, reprimeva, garrotava e fucilava; e lo avrebbe fatto fino al 22 novembre 1975, data in cui gli interruppero il clopidogrel, definitivamente. Nel vicino Portogallo, invece, il 25 aprile 1974 successe una cosa parecchio strana: le forças armadas si ribellarono e spazzarono via una dittatura fascista che durava da ancor prima di quella spagnola. Un venticinque aprile, pensate un po'; la chiamarono Rivoluzione dei Garofani perché quella mattina, una signora altra un metro e 45 che vendeva fiori nella Praça do Comércio si mise a infilare garofani nelle canne dei fucili dei militari rivoltosi. E il catalano Llach, l'autore dell'Estaca, dedicò a quei fatti una canzone straordinariamente bella, dove si esprimeva sì felicità per un popolo che si era liberato, ma dove si diceva che che nel suo paese di doveva lottare e, forse, morire ancora.






Talmente bella, che me la canto spesso. A volte ho parlato di questa mia abitudine, che ho fin da piccolo: io canto ovunque. Per strada, in macchina, nei negozi, al supermercato, una volta persino in un tribunale dove andavo a divorziare. Nulla di quel che mi è successo mi ha fatto cessare questa abitudine; e se sentirete, un giorno, cantare da una data tomba non vi stupite, e saprete subito chi c'è dentro senza nemmeno darvi pena di leggere il nome.






Siccome fra un po' devo partire per qualche giorno, ho pensato bene di farmi una scorta supplementare di medicine; non si sa mai. Sono andato a farmi fare le ricette in ambulatorio e, stamani, sono andato in farmacia. Stamani era, per l'appunto, il turno di Abril '74; e quando una canzone è di turno, mi ci faccio la doccia, colazione, ci esco, ci monto in macchina e me la tengo per tutto il giorno. E così ci sono entrato anche in farmacia, in piazza dell'Isolotto, accanto all'ambulatorio.






I casi della vita sono sorprendenti. Ad esempio, mettono in una farmacia dell'Isolotto un farmacista che non conoscevo, il quale, giunto il mio turno, mi serve; e non è una cosa semplice, servire uno come me. Una paccata di ricette, i bollini da staccare, io che chiedo rigorosamente i generici (se ci sono), le firme sulla mia infima "fascia di reddito", la ricerca nei cassetti; in pratica, chi è dopo di me come numero, deve aspettare un bel po' e, magari, mi manda anche parecchi accidenti.






Mentre mi serve continuo a cantare. Il farmacista fa una faccia indefinibile, poi mi punta un dito a dosso e mi chiede:






- Lluís Llach...?






E' il mio turno di fare la faccia indefinibile. Gli punto un dito addosso e gli rispondo, con aria compunta:






- Lluís Llach.






Così, nella farmacia dell'Isolotto, stamani hanno sentito per un po' due tizi, il farmacista e un cliente, cantarsi assieme (non dico a squarciagola, ma a voce alta) Abril '74 in catalano. Sì, perché proprio non sapevo che uno dei farmacisti dell'Isolotto è nativo di Barcellona e che, stamani, sentiva riparlare la sua lingua dopo molt temp. E come 'gni se ne dava, lì, io con la mia pronuncia probabilmente atroce e lui col camice bianco, in mezzo a metoprololi, a metformine, a rosuvastatine e a cardioaspirine. Finché il dottore non ce l'ha fatta più, e da dietro al bancone è spuntato un pugnetto chiuso. Bello sodo, non librato al vento, ma comunque pugno e comunque chiuso. E ne ha ricevuto uno in risposta. E ho saputo anche che il farmacista si chiama Raimon, esattamente come un altro famoso cantautore catalano. E sono uscito che stavo bene, parecchio bene, senza aver preso nemmeno il clopidogrel. Ho preso un antifrancol garofanato, con un eccipiente particolare, la llua blanca, che non si trova in altri farmaci.






Questo post ha parlato di medicine. Sto ancora chiedendomi se la seconda sia o meno più efficace delle prime. Però sono uscito dalla farmacia che stavo bene; e questo è un dato di fatto. Ora vi lascio, ché fra poco devo prendere il dessert.

CCG/AWS Staff - 4/8/2012 - 20:09


Carissimi,
due parole su una roba che mi riguarda.

Sono in partenza per Camp Nou, il grande stadio di Barcellona, dove canterò Aprile '74, la mia traduzione di Abril '74 di Lluis Llach, nel grande Concerto per la Libertà che si terrà il 29 giugno prossimo.

Un'occasione straordinaria di condividere la scena coi massimi cantori catalani e alcuni dei più grandi interpreti di tutto il mondo. La lista è impressionante.

Mi fa particolare effetto trovarmi a cantare con Lluis Llach, perché è un piacere nel quale non speravo più, essendosi lui ritirato dalle scene ormai da qualche anno, e interrompendo la sua assenza solo per quest'occasione specialissima. Ma mi emoziona anche reincontrare dopo parecchi anni un altro dei miei miti: Paco Ibanez.

Spero di riuscire a condividere il piacere e l'emozione dell'incontro con gli 80.000 spettatori previsti...

Se ci sarà occasione mi piacerebbe anche dire le ragioni della mia presenza lì, in quanto cantore, ma anche in quanto libertario.

"El mil nou-cents trenta-vuit els feixistes del meu país van bombardejar aquest país i aquesta ciutat. Però aquí també hi havia molts italians vinguts per defensar la llibertat en nom de l'internacionalisme i de l'anarquia. Per aquell antic pacte jo sóc aquí avui per cantar una canço del Lluís Llach dedicada a la revolució portuguesa i a tota lluita per la llibertat."

Nel mille novecento trentotto i fascisti del mio paese hanno bombardato questo paese e questa città. Però qui c'erano anche molti italiani venuti a difendere la libertà in nome dell'internazionalismo e dell'anarchia.
Per quell'antico patto io sono qui oggi a cantare una canzone di Lluis Llach dedicata alla rivoluzione portoghese e ad ogni lotta per la libertà.



Alessio Lega

El Concert per la Llibertat és un espectacle inèdit que farà un recorregut per diverses cançons que formen part de l’imaginari col•lectiu del país i d’arreu del món que han servit per reclamar la llibertat de les persones i dels pobles. Entre aquestes cançons n’hi ha algunes de les més emblemàtiques de Lluís Llach, interpretades pel propi autor i per artistes de diversos països i diverses generacions.

La direcció artística i escenogràfica del Concert per la Llibertat és a càrrec de Lluís Danés i Gerard Quintana.

La direcció musical anirà a càrrec de Carles Cases, Dani Espasa i Xavi Lloses.

ARTISTES QUE HI PARTICIPARAN:

Alessio Lega
Andreu Rifé
Amadeu Casas
Beth
Bikimel
Brams
Carles Santos
Castellers de Vilafranca
Cesk Freixas
Companyia Elèctrica Dharma
Cobla de Cambra de Catalunya
Cobla per la Independència
Cor per la integració
Cris Juanico
David Alegret
Dyango
Eduard Costa, Ferran Piqué, Joan Enric Barceló (Els Amics de les Arts)
Enric Casasses
Fermín Muguruza
Franca Masu
Gerard Quintana
Gisele Jackson
Gorka Knörr
Gossos
Grup de Folk
Gwen Perry
Ismail
Ivette Nadal
Joan Amèric
Joan Dausà
Joan Isaac
Joan Pau Cumellas
Joana Serrat
Jofre Bardagí
Jordi Batiste
Lídia Pujol
Lluís Llach
Manel Camp
Maria del Mar Bonet
Marina Rossell
Massil
Mercedes Peón
Meritxell Gené
Miquel Gil
Nabil Mansour
Nena Venetsanou
Orfeó Català
Orquestra Simfònica de Barcelona i Nacional de Catalunya (OBC)
Paco Ibáñez
Pascal Comelade
Pastora
Pau Alabajos
Pedro Guerra
Pep Sala
Pere Jou (Quart Primera)
Peret
Projecte Mut
Quico Pi de la Serra
Sabor de Gràcia
Sopa de Cabra
Theo
Xavier Baró
Yacine Belahcene
Yannis Papaiannou

CCG/AWS Staff - 25/6/2013 - 16:49


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org