Lingua   

Una finestra aperta

Inti-Illimani
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Palimpsesto
(Inti-Illimani)
Gipsy (El gitano)
(Inti-Illimani)
Kein Meer lag uns zu Füßen
(Mariella Mehr)


[1981]
José Seves - Horacio Salinas
Album: Palimpsesto

Gli Inti Illimani hanno passato diciassette anni in Italia, ma hanno scritto e cantato una sola canzone in italiano, Una finestra aperta. Fa parte dell'album Palimpsesto del 1981. Fin da quando l'ho sentita la prima volta, vale a dire quando il disco era appena uscito, mi rimasero impressi dei versi: Io volevo partire, partire non è permesso; intanto farò del vostro il mio tempo.... Come la certificazione dell'integrazione in un esilio, sottolineata proprio dalla lingua del paese accogliente. [RV]
Da una finestra aperta
da tempo vi sto guardando passare,
scendo alle vostre strade
che son nuove per le mie vecchie scarpe
io cercavo dei fiori
i fiori non li ho trovati
ma gesti che mi disegnano le mani
Da una finestra aperta
da tempo vi sto guardando passare.

Ma che rumori son quelli
che sorgono e che mi assalgono l'orecchio?
ma cosa fa nel mercato
mio figlio giocherellando in italiano?
io cercavo canzoni
canzoni non ho trovato
ma nuove parole per leggere il passato
ma che rumori non quelli
che sorgono e poi non sembrano più strani?

Che sole questa mattina
magari togliesse il freddo dei ricordi,
ho i giorni davanti agli occhi
invece la notte in altra latitudine
lo volevo partire,
partire non è permesso
intanto faro del vostro il mio tempo.
Che sole questa mattina,
magari togliesse il freddo dell'inverno.

Io sono dello stormo un uccello
che scrive con le ali sul foglio celeste.
Per mestiere la primavera inseguo,
fugge da me l'amante
quando chiedo un seme.
Vola, vola illusione
e portaci dove nasce l'orizzonte
che sole questa mattina
magari togliesse il freddo dei ricordi.

inviata da Riccardo Venturi - 6/12/2011 - 03:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org