Lingua   

'A seggia elettrica [Mamma sfurtunata]

E.A. Mario


Lingua: Napoletano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Sacco e Vanzetti
(Dolcelete)
The Ballad Of Sacco And Vanzetti, Part Three
(Joan Baez)
Sacco e Vanzetti
(Askra)


[1924]
Parole di Gaetano Esposito (Pasqualotto)
Lyrics by Gaetano Esposito (Pasqualotto)
Musica di E.A. Mario
Music by E.A.Mario
Prima interpretazione di Maria Rosa Liberti (Ria Rosa)
First performed by Maria Rosa Liberti (Ria Rosa)

E.A.Mario
E.A.Mario
Maria Rosa Liberti (Ria Rosa)
Maria Rosa Liberti (Ria Rosa)




"Mamma sfurtunata" (sottotitolata "A seggia elettrica") è un brano scritto da Gaetano Esposito (Pasqualotto) e musicato da E.A. Mario nel 1932 (come ha affermato il poeta E.A. Mario nel fascicolo musicale di Piedigrotta del 1959). Dopo diverse ricerche, invece, si è trovata la vera data di pubblicazione del motivo: 24 marzo 1924.

La canzone, scritta nel 1924, non è mai stata inserita in nessun fascicolo di Piedigrotta (in questa data), poiché la polizia americana perseguita chiunque spendesse una parola a favore di Sacco e Vanzetti. Gli stessi dischi sono considerati materiale sovversivo e quindi da tenere sotto sequestro. E.A. Mario, per paura d'eventuali percosse, nonostante nel 1959 siano passati 32 anni dalla morte degli anarchici italiani, non è ancora tranquillo (il caso è sempre stato molto scottante) ed omette, quando pubblica "A seggia elettrica" nel fascicolo musicale del 1959, la reale data della canzone. Nel fascicolo piedigrottesco la canzone appare con la seguente dicitura: "Canzone ispirata da un fatto di cronaca giudiziaria americana e edito a New York".

La composizione descrive il dolore della mamma di uno dei due sventurati quando dall'Italia apprende la notizia che il figlio è condannato alla sedia elettrica. In fretta e furia la povera madre vende i gioielli di famiglia per racimolare una somma di denaro necessaria a finanziare la difesa del figlio. Quando all'ultimo processo degli anarchici conosce la sentenza finale di morte, anche lei muore di crepacuore.

La prima incisione del 78 giri della canzone "A seggia elettrica (Mamma sfurtunata)" (Vocalium 17003) avviene nel marzo del 1924 per merito della cantante napoletana trapiantata a New York Ria Rosa (vero nome Mariarosaria Liberti). La coraggiosa artista avrà, in seguito all'incisione, non pochi guai con la polizia americana che considera il suo disco materiale sovversivo da distruggere. La canzone è incisa nel 1925 dal cantante partenopeo Salvatore Papaccio (Phonoelectro E 4270) il quale tenta da Napoli di sollevare la folla contro l'ingiustizia subita da Sacco e Vanzetti.
Quanno liggette 'o nomme int'e giurnale
dette 'nu strillo forte 'nnanze a gente:
No! Nun è overo! Figlieme è 'nnucente…
chi l'ha accusato fa 'na 'nfamità!
'E core e tutt'e mamme nun senteno raggione:
si 'e figlie nun so bbuone, nisciuno ce 'o ppo dì,
ma chella mamma s'accurgette subito
ca 'ncopp'a seggia elettrica 'o figlio jeva a murì.

Tutt'e gioielle, tutt'e cose care,
chesto ha vennuto, chello s'ha 'mpignato,
speranno c"a parola 'e l'avvocato
facesse 'o figlio a casa riturnà.
I' sulo a chille tengo, diceva a tutt'a ggente,
voglio campà pezzente, ma voglio c'hadd"ascì!
Io ca so a mamma, pozzo dì chi è figliemo:
No! 'ncopp'a seggia elettrica nun adda i' a murì!

Sta a mamma muribonda dint'o lietto,
sta 'o figlio 'ncopp'o banco 'e ll'imputate.
A uno a uno tornane 'e ggiurate:
"Micidio 'e primo grado: addà murì!"
nun ce 'o dicite a mamma ca a casa mia nun torno,
dicite: 'O tale juorno 'o vedarraie venì!
Malata, a mamma prega e aspetta a grazia…
Ma 'ncopp'a seggia elettrica 'o figlio và a murì!

inviata da Riccardo Venturi - 6/1/2006 - 13:52




Lingua: Italiano

Versione italiana di einemass
LA SEDIA ELETTRICA (MAMMA SFORTUNATA)

Quando lessi il nome sul giornali
urlai forte davanti a tutti
No, non è vero. Mio figlio è innocente...
Chi lo ha accusato commette un'infamia!
I cuori di tutte le mamme non sentono ragione:
Nessuno può dire alle mamme che i loro figli non sono bravi ragazzi
ma quella mamma si accorse subito
che suo figlio andava a morire sulla sedia elettrica

Tutti i gioielli e tutte le cose care,
questo l'ha venduto, quell'altro lo ha impegnato,
sperando che la parola dell'avvocato
rendesse possibile il ritorno a casa del figlio.
Io solo a lui tengo, diceva a tutta la gente,
voglio vivere da pezzente ma voglio che mio figlio esca!
Io che sono madre, posso dire chi è mio figlio:
No! non deve morire sulla sedia elettrica

Questa mamma moribonda nel suo letto
mentre il figlio è sul banco degli imputati.
A uno a uno i giurati ritornano:
"omicidio di primo grado, deve morire"
Non lo dite a mia madre che non tornerò a casa,
ditele: "un giorno lo vedrai ritornare"
La madre malata prega e aspetta la grazia...
Ma suo figlio sta morendo sulla sedia elettrica!

inviata da einemass - 29/4/2010 - 18:41




Lingua: Inglese

Traduzione inglese da youtube
THE ELECTRIC CHAIR

When she read the name on the newspaper
she cried loudly in front of the people.
No, it is not true, my son is innocent
he was accused of an infamous crime.

All mothers' heart
Does not want to listen any reason
If their sons are not good
Nobody can tell them it
But that mother soon understood
that on the electric chair
her son goes and die.

All the jewels, all the dear things,
this she had and this she sold
hoping that the lawyer's defence
would make her son to come back home.
I have only him,
she said to all the people
I want to live in misery,
but I want that he has to go out.
I, his mother,
say to my son
that on the electric chair
he will not go and die.

A dying mum in bed
with her son in the accused's desk,
one by one the jurors come in
murder in first grade, he must die!

Do not tell mum
that I do not come back home
one day you will see
that I will come back again.
But that mum
hopes and waits for the pardon
but on the electric chair
her son goes and die.

inviata da [ΔR-PLU] - 22/12/2015 - 00:16


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org