Lingua   

Ninna Nanna

Cantacunti


Lingua: Italiano (Pugliese Otrantino)


Ti può interessare anche...

Capitano uomini a mare
(Cantacunti)
Zarafina
(Cantacunti)
Il bosco di betulle
(Cantacunti)


Grazie a Maria Rosaria Coppola dei Cantacunti che ci ha fatto avere le parole e la traduzione italiana di questa bellissima Ninna Nanna tratta da "Il martirio di Otranto", dov'è raccontata la sanguinosa presa di Otranto da parte dei Turchi nel 1480.

cantacunti

Anche prima della caduta della città, le campagne di Otranto ed il borgo sono saccheggiati e la popolazione giovane e sana viene deportata in Turchia.

Forse tra quei bimbi deportati c'è il vecchio rematore che nel suo sogno meridiano ancora ricorda il canto disperato di sua madre che, sola per le strade insaguinate, ricerca la sua "pecorella".
(dalle note del disco)
Tinìa tre anni, tre anni tinìa
lu fiju ti mamma, lu fiju mia..
Mpastati ti meli li carni tinìa,
lu fiju ti mamma, lu fiju mia.

Poni lu soli, s’ozza la luna
Stu cori ti mamma no si ni ddona;
ai tuzzannu a tutti li porti
ai ddummannannu mienzu alli strati
comu la Ndulurata Maria
"Ci le bbistu lu fiju mia?"

Tinìa tre anni, tre anni tinìa
lu fiju ti mamma, lu fiju mia.
Mpastati ti meli li carni tinìa,
lu fiju ti mamma lu fiju mia.

Ddo t’onna purtatu ddo t’onna purtatu
Fiju ti zzuccuru e meli mpastatu
A ci la cantu la nannaredda
Ci m’onna rrubbata la picuredda?
Ni l’onna purtata luntanu in Turchia
E mienzu alli strati lu sangu currìa

Tinìa tre anni tre anni tinìa
Lu fiju ti mamma lu fiju mia
Mpastati ti meli li carni tinìa
E mienzu alli strati lu sangu currìa

inviata da Lorenzo Masetti - 31/8/2005 - 10:16



Lingua: Italiano

Versione italiana
NINNA NANNA

Aveva tre anni, tre anni aveva
Il figlio di mamma, il figlio mio.
Di miele impastato aveva le carni,
il figlio di mamma, il figlio mio.

Tramonta il sole, sorge la luna
Questo cuore di madre non se ne accorge;
Va, bussando per tutte le porte,
chiedendo per le strade,
come (già fece) l’Addolorata Maria
"Chi ha visto mio figlio?"

Aveva tre anni, tre anni aveva
Il figlio di mamma, il figlio mio.
Di miele impastato aveva le carni,
il figlio di mamma, il figlio mio.

Dove t’hanno portato, dove t’hanno portato
figlio, impastato con zucchero e miele,
a chi canto la ninna nanna (*)
se mi hanno rubato la pecorella?
l’hanno portata lontano, in Turchia,
e per le strade scorreva il sangue.

Aveva tre anni, tre anni aveva
Il figlio di mamma, il figlio mio.
Di miele impastato aveva le carni,
il figlio di mamma, il figlio mio.
NOTE

(*) Anche qui, così come nella nannaredda tradizionale, il bimbo è tutt’uno con la pecorella ("Lu lupu si manciou la picuredda, ohi picuredda mia, c’è ti sintisti quannu mmocca a lu lupu ti sciì cchiasti?") , la madre, quindi non ha più nessuna pecorella-bimbo a cui cantare la sua ninna-nanna.

31/8/2005 - 10:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org