Lingua   

Non mi rompete

Banco Del Mutuo Soccorso


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Il fannullone
(Fabrizio De André)
Il grembiule
(Alda Merini)
Quando sarà abolito il capitale
(anonimo)


iosononato.
[1973]
Testo/Lyrics: Francesco Di Giacomo, Vittorio Nocenzi
Musica/Music: Vittorio Nocenzi
Album: Io sono nato libero ("I was born Free")

sleepingcat


FATE LA NANNA, NON LA GUERRA (E NEMMENO IL LAVORO)!

Non avevo mai pensato prima di mettere nel sito questa, che è una delle più autentiche canzoni contro la guerra (e il lavoro) che siano mai state scritte e cantate. Un capolavoro del vecchio "Banco", e proveniente per giunta da quell'album-monstre contro la guerra e per la libertà che è Io sono nato libero. Non a caso. Che cosa ci può essere più contro la guerra, la schiavitù del lavoro e i mille e mille servaggi imposti da una società capitalistica, del dormire? Il sonno come atto di ribellione: Non mi rompete! Andate voi a farvele tutte le vostre "attivissime" stronzate, ma non mi svegliate dai miei bellissimi sogni. Tanto il giorno arriverà, e la realtà che si mostra agli occhi fa soltanto piangere...[RV]

GO BYE-BYES, NOT TO WAR (AND TO WORK NEITHER!)

I had never thought before about including in the AWS website this song, that is one of the most authentic antiwar (and antiwork) songs ever written and performed. A masterpiece by the old “Banco”; in addition, drawn from their unequalled antiwar and freedom album Io sono nato libero (I was born Free). Not by chance. What better than sleep could oppose war, work slavery and the thousands of slavery forms imposed by the capitalist society? Sleep as an act of rebellion: Don't piss me off! Please go and make all your “hyperactive” bullshit, but don't wake me up from my wonderful dreams. Anyway, the morning is going to come, and the reality appearing to one's eyes makes only cry...[RV]
Non mi svegliate, ve ne prego,
ma lasciate che io dorma questo sonno,
sia tranquillo da bambino
sia che puzzi del russare da ubriaco.

Perché volete disturbarmi
se io forse sto sognando un viaggio alato
sopra un carro senza ruote
trascinato dai cavalli del maestrale,
nel maestrale... in volo.

Non mi svegliate ve ne prego
ma lasciate che io dorma questo sonno,
c'è ancora tempo per il giorno
quando gli occhi si imbevono di pianto,
i miei occhi... di pianto.

inviata da Riccardo Venturi - 1/1/2010 - 15:40




Lingua: Inglese

La versione inglese di Marva Jan Marrow, preparata per l'album in inglese Banco (1975)

The English translation by Marva Jan Marrow, prepared for the album in English Banco (1975)

bancoenglish
Marva Jan Marrow
Marva Jan Marrow


LEAVE ME ALONE

Please do not wake me, it’s too early
Let me keep on sleeping deep into this slumber
Sleep that’s peaceful as a baby’s
Sleep that’s roaring like a drunk with snores like thunder

Why must you bother for a dreamer
When I’m dreaming that I’m flying without an airplane
In a chariot you can see through
Pulled by horses from the kingdom of the south wind
of the south wind... with breezes

Please do not wake me, it’s too early
Let me keep on sleeping deep into this slumber
Time for daylight
Time for heartaches
Many hours that never fill with laughter,
You’ll see my eyes are crying...

inviata da Riccardo Venturi - 3/1/2010 - 15:33




Lingua: Inglese

English Version by Riccardo Venturi
January 1st, 2010

Banco del Mutuo Soccorso, 1973.
Banco del Mutuo Soccorso, 1973.
DON'T PISS ME OFF

Don't wake me up, I pray you,
But please let me use my sleep
Whether it's still as a child's
Or it stinks like a drunkard's snoring.

Why do you want to disturb me
If maybe I'm dreaming of a winged voyage
On a chariot without wheels
Drawn by the steeds of the North Wind,
In the North Wind...flying.

Don't wake me up, I pray you.
But please let me use my sleep
There's still time to the morning
When my eyes are filled up with tears,
My eyes...with tears.

1/1/2010 - 19:28




Lingua: Francese

Version française – NE ME LES BRISEZ PAS – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – Non mi rompete – Banco del Mutuo Soccorso – 1973


Faites un somme pas la guerre (et moins encore le travail)

Je n'avais jamais pensé avant de la mettre sur ce site qu'elle fut une des plus authentiques chansons contre la guerre (et le travail) qui aient jamais été écrites et chantées. Un chef d'œuvre du vieux BANCO, et de plus provenant de cet album-monstre contre la guerre et pour la liberté qu'est Io sono nato libero. Ce n'est pas un hasard. Que peut-il y avoir de plus contre la guerre, l'esclavage du travail et les mille et mille servitudes possibles imposés par une société capitaliste, que DORMIR ? Le sommeil comme acte de rébellion. Ne me les brisez pas ! Allez les faire vous-mêmes vos activissimes conneries, mais ne m'éveillez pas de mes très beaux songes. Bientôt, viendra le jour et la réalité qu'il montre à nos yeux est à pleurer... [R.V.]

Tu as vu, Marco Valdo M.I. mon ami et l'ami de Kouna le chat tigré à la bavette blanche, on dirait Kouna sur la photo. La même position de combat...

C'est vraiment lui... dirait-on, quoique à y regarder de près... Mais tu fais bien de le faire remarquer, car souviens-toi, Kouna est déjà présent sur ce site... C'est lui le héros de la chanson Dormir, la chanson fatiguée de Marco Valdo M.I.... Mais cette chanson du BANCO, Riccardo Venturi a raison, est elle aussi une chanson de combat, mais comme la chanson fatiguée, elle est une chanson de combat terriblement, obstinément pacifique... Elle me paraît avoir certaine parenté également avec ce songe au long cours d'un guerrier-prisonnier-interné-malade-fatigué que raconte le Cycle du Cahier Ligné... C'est un épisode de guérilla (déjà dans Virgile... recubans sub tegmine fagi..;) dans la Guerre de Cent Mille Ans que les riches mènent contre les pauvres, les obligeant à travailler ou à périr. Du sommeil comme acte énergique de résistance...

C'est le cas, dit Lucien l'âne au sommeil profond et rempli de songes antiques où des ânesses volent par dessus le toit dans un ciel si bleu si calme..., c'est le cas contre le honteux Service de Travail Obligatoire (STO) d'appliquer notre devise : Ora e sempre : Resistenza !

Ainsi Parlaient Marco Valdo M.I. et Lucien Lane
NE ME LES BRISEZ PAS

Ne m'éveillez pas, je vous en prie,
Laissez-moi à mon sommeil
Tranquille comme une petite fille
Ou puant le remugle d'un ivrogne

Pourquoi voulez-vous me troubler
Si ça tombe, je rêve que je vole
Sur un char ailé, je vole
Tiré par les chevaux du mistral
Je vole .... dans le mistral

Je vous en prie, pas de réveil
Laissez-moi à mon sommeil
Il reste encore bien du temps pour l'heure
Quand les yeux s'embuent de pleurs,
Mes yeux... de pleurs.

inviata da Marco Valdo M.I. - 1/1/2010 - 22:47





La versione greca di Riccardo Venturi (3.1.10)
Ελληνικἠ μετάφραση από τον Ρικάρντο Βεντούρη (3.1.10)

Tamara de Lempicka, Femme qui dort, 1935.
Tamara de Lempicka, Femme qui dort, 1935.


Stante il commento felino di Gian Piero Testa, l'Ελληνικό Τμήμα delle CCG non poteva che scendere in campo (a dormire, ovviamente; noi, qui, si scende in campo solo per dormire o, al limite, per fare un'altra cosa altrettanto tradizionale!). Propongo quindi questa ellenizzazione piuttosto letterale del capolavoro ronfante del Banco, con la speranza che il GPT raccolga il guanto e ci sforni una delle sue traduzioni ben più artistiche...[RV]
ΜΗ ΜΟΥ ΤΑ ΠΡΗΖΕΙΣ

Μη ξυπνήστε με, σας παρακαλώ
αλλ'άστε με να κοιμάμαι τον ύπνό μου
είτ' είν' ήσυχος σαν παιδιού,
είτε βρομά σαν ροχάλισμα μεθυσμένου

Γιατί θέλετε να μ'ενοχλήσετε
αν ονειρεύομ' ίσως φτερωτό ταξίδι
σ'ένα άρμα χωρίς τροχούς
που με σύρουν οι ίπποι του μαΐστρου,
του μαΐστρου...πετώ

Μη ξυπνήστε με, σας παρακαλώ
αλλ'άστε με να κοιμάμαι τον ύπνό μου
καιρός μέν' ακόμα ως το πρωί
που τα μάτια μου γεμίζουν με δάκρυα,
τα μάτια μου...με δάκρυα.

inviata da Riccardo Venturi - CCG/AWS Ελληνικό τμήμα - 3/1/2010 - 18:22


E sì, il gatto fa delle dormite dolci e prolungate e non pensa né al lavoro né alla pensione né al mutuo. Ma io lo conosco il gatto, e per questo lo amo e lo stimo. Non c'è bestia più in armi di quella. Provare (anzi: meglio non provare) i suoi denti le sue unghie la sua velocità. Nei sonni si carica, la belvetta, e quando si sveglia non sbaglia un colpo. Ne avevo uno, rosso naturalmente, che riusciva a portarmi sul letto fino a tre topi per notte, che delizia, e si faceva splendide dormite durante il giorno. Poi, a furia di andare a caccia per ristorarsi delle gran dormite, finì schiacciato da qualche bastardo che passava sulla sua strada. Un bastardo amico dei topi. O un topo lui stesso, ché ce n'è tanti/troppi in giro.

Gian Piero Testa - 1/1/2010 - 22:43




Lingua: Inglese

Un'idea simile dai Beatles nel 1966 (naturalmente dall'album Revolver)
I'M ONLY SLEEPING
Lennon/McCartney

When I wake up early in the morning,
Lift my head, I'm still yawning
When I'm in the middle of a dream
Stay in bed, float up stream

Please don't wake me, no
don't shake me
Leave me where I am
I'm only sleeping

Everybody seems to think I'm lazy
I don't mind, I think they're crazy
Running everywhere at such a speed
Till they find, there's no need

Please don't spoil my day
I'm miles away
And after all
I'm only sleeping

Keeping an eye on the world going by my window
Taking my time

Lying there and staring at the ceiling
Waiting for a sleepy feeling

Please don't spoil my day
I'm miles away
And after all
I'm only sleeping

Keeping an eye on the world going by my window
Taking my time

When I wake up early in the morning,
Lift my head, I'm still yawning
When I'm in the middle of a dream
Stay in bed, float up stream

Please don't wake me, no
don't shake me
Leave me where I am
I'm only sleeping

2/1/2010 - 18:03


Interessante davvero! O stai a vedere che, prima o poi, si farà un percorso tipo Nanna contro la guerra... Con una marmotta come simbolo, ovviamente! :-) Adrianaaaa...!!!

sleepingmarmot

Riccardo Venturi - 3/1/2010 - 14:06


Dimostrazione pratica

Livorno, 11 luglio 2009. Poco prima del 1° raduno de Il Deposito - Canti di Lotta. L'amministratore delle CCG/AWS Riccardo Venturi (a sinistra) e il cantautore Lello Vitello (a destra) impegnatissimi in un serrato confronto dialettico e culturale.


cadaveri


cariestinti

CCG/AWS Staff - 3/1/2010 - 14:39


Un'avvertenza: Il brano à musicalmente tratto da un'altra vecchia composizione del Banco del Mutuo Soccorso, intitolato, curiosamente, Vedo il telefono.

Riccardo Venturi - 3/1/2010 - 15:27


È un po' quello che viene descritto nella canzone "Il fannullone" di De André: ci fanno nascere e crescere in una società in cui se non hai un lavoro, se non hai un autobus da prendere, se non hai soldi da spendere in cellulari, non sei nessuno. Devono per forza dare la nostra vita a qualcun altro - che sia datore di lavoro, che sia chiunque altro - che deve condizionarci la vita, come dentro un carcere. Devi fare quello che dicono loro, non puoi vivere come vuoi.
Io credo semplicemente che se abbiamo questa vita - e purtroppo o per fortuna credo che non ci sia stata data da alcun dio - è perché ognuno la deve vivere come vuole. Allora ammirerò sempre le persone che rifiutano ogni tipo di controllo, che preferiscono mangiare una volta sola volta al giorno (oppure digiunare, molto spesso) ma godersi la tanto chacchierata e, spesso negata, libertà.

Luca 'The River' - 8/1/2010 - 01:10


È morto Francesco di Giacomo

Era la grande voce del progressive italiano, il simbolo di un'epoca aurea del rock italiano. Francesco Di Giacomo, imponente cantante del Banco del Mutuo Soccorso, è morto oggi per le conseguenze di un grave incidente stradale accaduto a Zagarolo, in Via Valle Del Formale, nei pressi del centro sportivo.

digia


Secondo le prime ricostruzioni il cantante, che viaggiava da solo, sarebbe stato colto da un malore che gli avrebbe fatto perdere il controllo dell'auto: dopo aver invaso l'altra corsia, la vettura si è schiantata contro una Rover che viaggiava in senso opposto. Vana la corsa in ospedale.

Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, nel 1947, Francesco Di Giacomo è stato uno dei più significativi rappresentanti della scena progressiva italiana. Fisico corpulento, barba e voce da tenore, fu contattato dal tastierista Vittorio Nocenzi durante il Festival Pop di Caracalla del 1971. Insieme al fratello di Vittorio, Gianni, al chitarrista Marcello Todaro, al bassista Renato D'Angelo e al batterista Pierluigi Calderoni fondò il Banco del Mutuo Soccorso, che fin dal primo, omonimo album, pubblicato nel 1972, stabilì i nuovi confini del pop italiano. Il disco, salutato da unanimi da parte della critica, divenne celebre anche per l'inedita copertina a forma di salvadanaio.

Il Banco, insieme ad altri gruppi come la Premiata Forneria Marconi, gli Area e le Orme, contribuì in maniera decisiva a una delle rare stagioni in cui la scena rock italiana è riuscita a stare al passo con quella anglosassone. La voce di Di Giacomo, potente e ricca di sfumature, era il segno distintivo di una band che riuscì a imporsi anche all'estero, al punto di firmare un contratto con la Manticore, l'etichetta di Emerson, Lake & Palmer, e di partecipare come supporter al tour europeo dei Gentle Giant.

Di Giacomo era anche l'autore di gran parte dei testi del gruppo: immaginifici, carichi di suggestione e assolutamente inediti, come il timbro della sua voce. I primi tre album del Banco ("Banco del Mutuo Soccorso" del 1972, "Darwin" dello stesso anno e "Io sono nato libero" del 1973) sono profondamente segnati dalla sua creatività. Le performance live di Francesco erano lo specchio della sua personalità: potenti, oniriche, cariche dei suoi umori, a volte anche cupi. Ma proprio l'autenticità dei quelle interpretazioni ha fatto di lui un antidivo senza epigoni, capace di creare uno stile canoro ineguagliabile e suggestivo.

Di Giacomo ha sempre rifiutato qualsiasi forma di divismo: viveva in campagna e coltivava la sua passione per la cucina regionale, ma non ha mai abbandonato la musica. Negli ultimi anni, insieme al Banco, aveva ripreso una intensa attività live, accompagnata anche dalla ripubblicazione dei primi, storici album.

Nella sua lunga carriera, Di Giacomo aveva anche recitato con Federico Fellini, prendendo parte a film celeberrimi "Satyricon", "Roma" e "Amarcord".

Anche nei momenti meno felici della sua carriera (specie negli anni Ottanta, quando il progressive aveva perso gran parte del suo appeal e la creatività del Banco era un po' appannata), Di Giacomo aveva mantenuto integrità e passione. "Quando ha un'anima vera, la musica scavalca tempi e momenti", sosteneva. Adesso, come chiedeva in "Non mi rompete", uno dei brani più famosi del Banco, nessuno arriverà più a disturbare: potrà dormire il suo sonno da bambino. Pieno di sogni silenziosi.

Un tristissimo Riccardo Venturi - 21/2/2014 - 23:36


un abbraccio...sempre vivo

Krzysiek Wrona - 21/2/2014 - 23:47


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org