Lingua   

Lili Marleen (alla triestina)

anonimo


Lingua: Italiano (Veneto Triestino)


Ti può interessare anche...

La vita xe tuto un bidon
(Angelo Cecchelin)
Fuma el camin
(Alfredo Lacosegliaz)
Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]
(Hans Leip)


Riprendo il testo di questa canzone triestina (da cantare sull'aria di Lili Marleen) dal forum del sito Trieste mia dove si trova anche questo commento, naturalmente in dialetto, di "Kasteliz".

«Come che te vedi la xe una canzon dei ani dela fame, ‘sai poco romantica.
Ai triestini sempre ‘sai ghe ga podudo le luganighe col cren...

A proposito de questo piato soprafino, tanto che zercavo le parole de Lili Marleen ala triestina, go trovado una cartuza con altri verseti germanico-triestini, con la data 1973, sarà stà de carneval, mi calcolo:

Ich bin die frische Lola
genannt Dietrich Marlen
mir smaecht ja Coca Cola
e luganighe col cren.

Ich bin l’Angelo Azuro
von dreissig jahre fà
und halte ancora duro
fin che la va, lava.

Ich bin in Televisore
jeden mercoledì
und mit del profesore
canto kirikiki.

Questa ultima strofa la xe un poco ermetica, chisà mai perché la cantavimo cusì. Che programa i dava ogni mercoledì? Boh.»
Quando che i tedeschi
Xe rivai a Rojan,
de le nostre tesere
ne ga cavado ‘l pan,
e no se trova più fasoi,
poveri noi,
cosa farem?
De fame morirem…
Con te… Lilì Marleen !

Soto la Defonta
Se stava tanto ben,
se magnava ovi
e luganighe col kren;
‘deso che i gnochi xe rivai
se magna poco
e squasi mai.
Lerai, semo fregai!
Con te… Lilì Marleen!

Prima dela guera
Stavimo ‘sai ben,
magnavimo capuzi
e luganighe col kren,
inveze adeso a lavorar
ne toca andar
senza magnar,
cusì ne morirem
con te… Lilì Marleen!

Fora se la caserma
Stemo ad aspetar,
co’la pignata
un poco de magnar.
Gnanca ai soldai
No i ghe la dà più
E li fa star
Sempre a digiun,
cusì ne morirem
con te… Lilì Marleen!

Quando a mesogiorno,
stanco del lavor
mi torno a casa,
i me canta el "Trovator",
per zena monto in tranvai
e vadu su
de i sfratai
con te… Lilì Marleen!
Con te… Lilì Marleen!

Se sero i oci
Me par de magnar
Come una volta polenta e bacalà,
ma co li verso vedo che
no ghe xe più
gnanca ‘l cafè,
la guera vinzerem!?!
Con te… Lilì Marleen!?!

inviata da Lorenzo Masetti - 21/11/2004 - 15:51


Il kikiriki probabilmente è allusione a un momento della degradazione del prof. Unrat nell'"Angelo azzurro" (interpretato da E. Jannings) - va da sè che è trascinato dalla rima. Ma forse il mercoledì di qualche anno in Tv si passavano i film classici...

22/11/2013 - 14:54


questa canzone fu cantata e ovviamente composta da Angelo Cecchelin...

stefano - 27/5/2014 - 13:33


Ciao Stefano la canzone di Angelo Cecchelin "La vita xe tuto un bidon", anch'essa sull'aria di Lili Marleen e' veramente diversa da questa ma ci ripromettiamo di inserirla al più presto perche merita sicuramente una pagina sua.

CCG Staff - 27/5/2014 - 13:53



Lingua: Italiano (Veneto Triestino)

Una versione un po' diversa ripresa da wikitesti
PRIMA DELA GUERA

Prima dela guera
stavimo assai ben,
magnavimo capuzi
e luganighe col cren
adeso che i tempi xe cambià
neanche patate, no i ne dà
patate noi ne da, patate no i ne dà.....

quando che i tedeschi
i ga ciapà Roian,
tuti i rioni
xe stadi senza pan,
ma cosa mai sarà de noi,
co' i caverà anche i fasoi,
co' i caverà i fasoi, co' i caverà i fasoi....

anche sta guera,
no la vol terminar,
e un posto in cimitero
ne toca prenotar,
se de magnar no i ne vol dar,
alora ne tocherà crepar,
ne tocherà crepar, ne tocherà crepar....

e quando le caserme
le se ga svodà,
gavemo fato festa
in tuta la cità,
ma adeso che via i xe andai,
cantemo in coro, disperai,
adio mi bei soldai, adio mi bei soldai...

inviata da Silva - 22/3/2015 - 22:02


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org