Lingua   

Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Aquitania
(Massimo Priviero)
Cara Laura
(Fabio Ghelli)
Le Droit à la paresse
(Georges Moustaki)


[2009]
"giannY sYmbolo e i Geni del Picco e Pala" sono
Fabio Ghelli e Gabriele D'Ascoli
Album: Le confessioni di un eiaculatore precoce

Le confessioni di un eiaculatore precoce

Tutto l'album è scaricabile da questa pagina
C'è un bianco di occhi nel buio e notte notte nera all'intorno

C'è una mano che cala sugli occhi a chiudere i sogni, a cancellare il ritorno.
Ci son corpi che si stendono lenti come pesanti cordami
gambe che si sciolgon frementi e mani che s'avvinghiano a mani.
C'è una voce che bussa alla porta un rumore di passi lontano
C'è chi cerca di scacciare quei sogni come mosche levando una mano;
C'è chi nasconde la faccia tra le piaghe tumide del ricordo
Chi sul fondo del fondo si schiaccia per scivolare in acque più scure

Fuoribordo.

E io che li pesco uno a uno all'amo di questa torcia

E li traggo magri e tremanti dai loro sogni tra le mie braccia
Io che li vedo gettare sempre uno sguardo vinto all'indietro
Mentre sbarcano con le loro coperte strette addosso
A volte penso a San Pietro che lasciava cadere boccheggianti
Quelle anime che strappava al mare dentro reti
Di speranze e di sogni e di sogni che non fanno svegliare
Io di ciascuno di quei volti vorrei
Portarmi addosso un'istantanea
Vederli sparire adesso sotto le arcate d'un centro d'accoglienza temporanea.

Vedere qugli occhi e quelle mani,
Trascinati ad un burocratico auto-da-fé
Mi direbbero "non c'è casa, non c'è ritorno, non c'è domani"
E mi sarebbe allora forse più facile, forse mi sarebbe più facile allora

Prendere il largo da te.

inviata da adriana - 20/6/2009 - 08:31



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org