Lingua   

A travers le grillage

La Cantarana


Lingua: Francese

Guarda il video

Lou Dalfin, da "En franso i ero de grando guero", il loro disco d'esordio risalente al 1982 (34 anni fa, e sono ancora in pista!)



Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

Ohi, metti pure le scarpe ai piè
(La Cantarana)
Il destino delle donne
(La Cantarana)
No, prigioniero no!
(Rita Pavone)


Una canzone tratta dal cosiddetto "Cahier Tron", un quaderno di canzoni raccolte da tal Enrico Tron della borgata Roberso di Massello, in val Germanasca, nel 1898, e trascritte dai cantori de La Cantarana.
Si tratta di un quaderno di cm. 14x21, contenente 143 canti.
Sul frontespizio, la scritta "Tron Enrico / l'anno 1898 / Roberso"
Alcune canzoni sono in francese, altre in piemontese ad altre in italiano.
Il brano contrassegnato col n.17, che inizia con il verso "A travers le grillage", è una dolentissima canzone di prigionia...
A travers le grillage
Je vois de ma prison
Reverdir le feuillage
Fleurir le vert gazon
Je vois de ma fenêtre
L’hirondelle accourir
Le printemp va renaître
Et moi je vois mourir
Et moi je vois mourir

Philomène plaintive est-ce toi que jattend
Violette craintive
Est-ce toi que je sens
La rose aussi peut-être
Déjà songe a s’ouvrir
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir

Malgrés la double porte
Pour moi close à jamais
L’écho lointain m’apporte
Ce refrain que j’amais
Le chalumeau champêtre
Déjà songe a s’ouvrir
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir

Sur ce lit de souffrances
Où je suis retombé
Couronné d’espérance
Enfin j’ai succombé
Un froid mortal pénètre
Jusqu'à mes souvenirs
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir

La nature s’éveille
A la voix de son Dieu
Présente ses merveilles
A l’aspect de son Dieu
La vie de tout être
Semble se rajeunir
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir

Sur le bord de la tombe
Je dirige mes pas
Il faut que je succombe
A la mort au trépas
L’agneau content va paraître
L’autre se réjouit
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir

Amis que je regrette
Vivez encore longtemps
Ce que je vous souhaite
C’est un cœur bien content
Soyez ce qu’il faut être
Espoir et souvenirs
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir

Prisonnier dans les chaines
Que mon sort est affreux
Je sens ma mort prochaine
Adieu, adieu, adieu
Je m’en vais disparaître
Pour ne plus revenir
Le printemp va renaître
Et moi je vais mourir
Et moi je vois mourir.

inviata da Alessandro - 23/1/2009 - 15:54




Lingua: Francese

Versione trovata su questo sito
A travers le grillage je vois, de ma prison,
reverdir le feuillage, fleurir le vert gazon.
Je vois de ma fenêtre, l'hirondelle accourir:
Le printemps va renaître et moi, je vais mourir.

La nature s'éveille à la voix de son Dieu;
prisonnier dans les chaînes que mon sort est affreux
je m'en vais disparaitre pour ne plus revenir.
Le printemps va renaître et moi, je vais mourir.

J'entend ma douce mère qui m'appelle par nom
je vois aussi mon père au près de ma prison
près de vous je veux être o mon Dieu vient m'ouvrir
Le printemps va renaître et moi, je vais mourir.

Adieux mon jeune frère, adieux ma tendre soeur
je quitte cette terre pour un monde meilleur
Arrière! Maudit prêtre qui veut me convertir
Le printemps va renaître et moi, je vais mourir.

inviata da dq82 - 26/6/2016 - 10:51




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della seconda versione da valdesi.org
Attraverso l'inferriata vedo dalla mia prigione
rinverdire gli alberi e fiorire i verdi prati
dalla mia finestra vedo la rondine che ritorna
la primavera sta rinascendo ed io sto per morire

La natura si risveglia alla voce del suo Dio
prigioniero in catene, quanto terribile è la mia sorte
sto per scomparire per non ritornare più
la primavera sta rinascendo ed io sto per morire

Sento la mia dolce madre che mi chiama per nome
vedo anche mio padre presso la mia cella
vorrei essere vicino a voi, oh Dio vieni ad aprirmi
la primavera sta rinascendo ed io sto per morire

Addio mio giovane fratello, addio mia cara sorella
lascio questa terra per un mondo migliore
indietro! prete maledetto che vuoi convertirmi
la primavera sta rinascendo ed io sto per morire

inviata da dq82 - 26/6/2016 - 10:52


Questa stessa canzone, con il titolo d "Le prisionnier de Saluces", viene attribuita ad un certo Buffa dei Peyrots di Luserna (Val Pellice), detenuto nelle carceri di Saluzzo. Costui sarebbe stato tra quei valdesi che languirono nelle prigioni del Piemonte dopo la persecuzione del 1686.

Dopo la fine della pace religiosa (revoca dell'Editto di Nantes), molti ugonotti di Francia trovarono rifugio nelle Valli presso i riformati valdesi. Ma Luigi XIV indusse Vittorio Amedeo II, il Duca di Savoia, ad allinearsi alla politica francese si repressione dei riformati. Nel 1686 i vladesi e i loro ospiti si trovarono presi tra due fuochi. Un paio di migliaia furono massacrati; 8500 furono trascinati in catene nelle prigioni piemontesi, tra cui Saluzzo, dove circa una metà trovarono la morte per stenti e malattie. I sopravvissuti vennero liberati e costretti all'esilio in Svizzera...
Ma gli irriducibili montanari di Valdo non si diedero per vinti e solo qualche anno più tardi (1688) ritornarono, beidana alla mano, nel corso di quell'epica impresa che è nota come "Glorieuse Rentrée", dal cantone di Vaud in Svizzera fino a Pragelato in Val Chisone, 200 Km sulle vette in puro stile "Annibale" (ma senza gli elefanti!)...

Notizie tratta dal libretto del disco "12 canti popolari delle valli che salgono dal Piemonte", volume 1, della "Badia Corale di Val Chisone" di Abbadia Alpina diretta da Pier Giorgio Bonino (1974).

Alessandro - 26/1/2009 - 21:04


Leggo su "La Beidana" (n.63, novembre 2008) un articolo in cui Daniele Tron, noto studioso di cultura valdese, confuta l'ipotesi che si tratti di un canto tipicamente valdese. L'impianto musicale sarebbe assai più moderno di quello dell'epoca delle persecuzioni; si tratta poi di canzone molto diffusa anche in Val d'Aosta, dove il protestantesimo non si diffuse; infine, il testo pare essere largamente mutuato da una poesia di Antoine-Vincent Arnault (1766-1834) intitolata "Le prisionnier"...

Detto questo, "A travers le grillage" resta una bella e struggente canzone di prigionia che sta a buon diritto su questo sito...

Alessandro - 27/1/2009 - 08:06



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org