Lingua   

Ungaretti

Riserva Moac
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

La Giudecca
(Riserva Moac)
Komba Bomba
(Riserva Moac)


Dall'album "Bienvenido"(2005)
riserva bienvenido
Jesce sole, ‘ngoppa a case cadute, terre bruciate, mure crepate
Jesce sole, ‘ngoppa a la gente ca trema, for a ru fridd’, brucia paura.

Guarda sole 'sta mamma bella ca chiane: nu figlio ha perdut, se ru so purtat.
Guarda sole quill’ om chin’ d’fang, ‘mmiez a ru sangh’, rusc’ seccato.

Jesce sole, ‘ngoppa a ssì muort cajuti, dent a 'stu fuoss, me stann vicino.
Jesce sole, ’ngoppa a mme ca steng sott a 'ste fronne, tutte bucate.
Guarda sole, quill criatur che corre, vò pazzià, nun po’ scuppià;
guarda sole, nu curpciell’che vola, l’odio dell’om, ‘n’ce fa pazzià.

Pecchè je l’eja vedè?

I nen capisc buon pè quale mutiv
A nù c’hann’ pigliat e c’hann’ purtate qua.
E c’hann’ buon arregnute d’armi e munizioni,
E c’hann’ditt “nen te ne fotte e spara a chill’llà!”

I nen capisc po’ pecchè ce so venute
Ma po’ chiss’atr a me che cazz’ m’hann’ fatt?
A me che so sul’ ‘uaglione de paese
E so lassate famija e terra pè venì a murì!

Jesce sole ‘ngoppa a la ggente distratta, ‘mmiez a ru munn’, scappa e nen pensa.
Jesce sole ‘ngoppa a nù ca stem buon, rapace l’uocchie, c’abbaglia la luce.

Luce vera ‘ngoppa a nu munn’luntan, tropp’ vicin, ma ce ne fregam’
Jesce sole ‘ngoppa all’indifferenza, cul’assettate, voci luntane.

Jesce sole ‘ngoppa a case cadute, terre bruciate, mure crepate.
Jesce sole ‘ngoppa a nu fije che chiane, ‘na mamma ha perduta, se la so purtata.

E jesce pure ‘ngoppa a la ggente distante, se crope l’uocchie, se chiude le recchie.
Jesce sole ‘ngoppa a case cadute, terre bruciate, mure crepate.

Jesce pure pe’ mme!

Jesce sole ‘ngoppa a þtu pover crist’ nen l’ha, vuluta nen l’ha cercata
Chesta guerra ‘nfame, ca ru mette frate contr’a frate.
Je sce sole ‘ngoppa a 'stu povero cuore, nen riesce a capì, nen riesce a vedè
Ggente ca nen c’entra niente, faccia a faccia a nu fucile.

Oh, Marò, fa ascì stu sole
‘ngoppa a sti ccase abbruciate.
Fall’ ascì pe’ sti ccriature
e pe’ stu core e mamma.

inviata da Donquijote82 - 3/7/2008 - 11:36



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org