Lingua   

I carbonari

Armando Trovajoli


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

‘O padrone
(Pino Daniele)
Eusko gudariak
(José María De Garate)
E io ero Sandokan
(Armando Trovajoli)


Sito scomunicato
[1969]
Musica di Armando Trovajoli
Testo di Giorgio Calabrese
Dalla colonna sonora del film Nell'anno del Signore (1969) di Luigi Magni
Interpretazione dal vivo di Fabrizio De André (1997), poi inserita nell'album Ed avevamo gli occhi troppo belli (2001), edito da A-Rivista Anarchica.
occhibelli

Il maestro Armando Trovajoli.
Il maestro Armando Trovajoli.
Come un semplice sbaglio di lettera può ingenerare equivoci che poi, spesso con l'ausilio della Rete, si tramandano fino a fuorviare tutti quanti. Nel libretto dell'album "Ed avevamo gli occhi troppo belli", la canzone "I carbonari", che Fabrizio de André aveva improvvisato dal vivo durante la tournée del 1997 pescandola probilmente dai propri ricordi cinematografici (non rammentando peraltro bene il testo), era stata attribuita a tali "Travajoli e Calabrese", di cui sarebbe stato impossibile cercare notizie. La canzone, invece, faceva parte della colonna sonora del bel film di Luigi Magni "Nell'anno del Signore" (1969), ambientato nel 1825 a Roma e incentrato sulla vicenda di due carbonari, il modenese Leonida Montanari e il bresciano Angelo Tanghini, giustiziati in piazza del Popolo il 23 novembre di quell'anno. In questa pagina ripristiniamo quindi la verità storica; la canzone fu composta dal maestro Armando Trovajoli, uno dei massimi musicisti cinematografici; le parole sono di Giorgio Calabrese, autore anche della più celebre versione italiana de Le Déserteur di Boris Vian. Per il carattere apertamente anticlericale del film di Magni, inseriamo volentieri questa canzone anche nell'apposita categoria. [CCG/AWS Staff]

Nell'anno del signore

annosig


Nell'anno del Signore è un film del 1969, diretto da Luigi Magni e basato su un fatto realmente accaduto, l'esecuzione capitale nella Roma papalina di due carbonari.

Roma, 1825. Due carbonari, Leonida Montanari, modenese e vissuto a Cesena, e Angelo Targhini, romano nato a Brescia, hanno accoltellato un loro adepto di famiglia nobile che minacciava di svelare i segreti della Carboneria e alla fine dopo un processo sommario, sono ghigliottinati in Piazza del Popolo. La loro storia autentica va di pari passo con un'altra tutta di fantasia che propone, in chiave serio-faceta, le vicende sentimentali e politiche di un ciabattino da tutti ritenuto analfabeta e che si rivela invece essere Pasquino, autore di quelle satire anonime in cui si riassumeva da anni il malcontento del popolo romano. Nel film viene sottolineato l'atteggiamento della Santa Sede nei confronti delle comunità ebree, e come per impedire rivolte venne istituito il coprifuoco.

E' il primo di una trilogia di film di Magni dedicati alla Roma papalina del periodo risorgimentale. A questo film seguiranno infatti In nome del Papa Re (1977) e In nome del popolo sovrano (1990), che proseguono sullo stesso solco. In Nell'anno del Signore, come negli altri due film, viene raffigurata una Roma sottomessa e assuefatta al potere temporale della Chiesa, in un graffiante alternarsi di situazioni farsesche e drammatiche, che smascherano le ipocrisie del potere. Un film che, attraverso la falsariga della commedia, vuole far luce sugli aspetti meno edificanti del potere pontificio nel secolo XIX disegnando sarcasticamente una amara parabola sul potere più in generale. Il film ebbe grande successo in Italia, consacrando Luigi Magni come uno dei migliori registi italiani, grazie anche alla contemporanea presenza di molti dei migliori attori della commedia all'italiana, che all'epoca erano ancora tutti nel pieno della loro carriera e maturità artistica, come Ugo Tognazzi, Alberto Sordi, Nino Manfredi, Claudia Cardinale, Enrico Maria Salerno.

In Piazza del Popolo, addossata alla caserma e postavi all’inizio del Novecento da un’associazione libertaria, c’è una targa alla memoria di Targhini e Montanari che vi furono decapitati nel 1825. All'uscita dalle sale il pubblico romano faceva la fila per andare a vedere questa targa.

it.wikipedia

trovacarbo
La colonna sonora di "Nell'anno del signore"

Durata: 52'09''

Una delle ost più celebri di Armando Trovaioli per un film di Luigi Magni: Nell'anno del Signore. Un cast d'eccezione per un grande film dalla colonna sonora dominata dal celeberrimo Tema di Giuditta che vede la performance di Edda Dell'Orso, la voce più famosa della musica da film italiana.

Tracklist

1 Nell'anno del Signore 4'25''
2 Castel S. Angelo 3'28''
3 Paolina 2'17''
4 Angelo e Giuditta 1'52''
5 I Carbonari 0'57''
6 Addio 1'45''
7 Sotto la ghigliottina 1'54''
8 Ouverture nell'anno del Signore 1'52''
9 Tema di Giuditta 2'11''
10 La processione dei condannati 2'05''
11 Dichiarazione d'amore 1'43''
12 Pasquino 2'08''
13 Sapessi quanto amore 3'09''
14 Coro della morte 0'54''
15 Piazza del popolo 2'32''
16 Nell'anno del Signore (suite) 7'15''
17 Serenata di Giuditta 11'32''


NOTA.

Nella pagina riportiamo il testo reale della canzone, comunicatoci direttamente dalla visione del film da Franco Senia, seguito dal testo improvvisato da De André a memoria. [CCG/AWS Staff]
a. Il testo originale dal film

La bella che guarda il mare
lalalà, lalalà, lalalà
aspetta il suo cavaliere
lalalà, lalalà, lalalà

La bella che è prigioniera
lalalà, lalalà, lalalà
ha un nome che fa paura
libertà libertà libertà.

b. Il testo improvvisato da De André

La bella che è addormentata,
lalalà, lalalà, lalalà
ha un nome che fa paura
libertà libertà libertà

La bella che è addormentata,
lalalà, lalalà, lalalà
ha un nome che fa paura
libertà libertà libertà

inviata da adriana - 15/4/2008 - 16:06




Lingua: Inglese

English Version by Riccardo Venturi
April 18, 2008
THE CARBONARI

a. Movie version

The fairest looking at the sea
la la la, la la la, la la la
is waiting for her knight
la la la, la la la, la la la

The fairest sitting as a prisoner
la la la, la la la, la la la
bears a name that gives fright
liberty, liberty, liberty

b. Fabrizio de André's improvised version

The fairest who is now asleep
la la la, la la la, la la la
bears a name that gives fright
liberty, liberty, liberty

The fairest who is now asleep
la la la, la la la, la la la
bears a name that gives fright
liberty, liberty, liberty

18/4/2008 - 15:26




Lingua: Francese

Version française de Riccardo Venturi
18 avril 2008
LES CARBONARI

a. Paroles originelles tirées du film

La belle qui regarde la mer
la la la, la la la, la la la
attend son chevalier
la la la, la la la, la la la

La belle qui est prisonnière
la la la, la la la, la la la
a un nom qui fait peur
liberté, liberté, liberté

b. Version improvisée par Fabrizio De André

La belle qui est endormie
la la la, la la la, la la la
a un nom qui fait peur
liberté, liberté, liberté

La belle qui est endormie
la la la, la la la, la la la
a un nom qui fait peur
liberté, liberté, liberté

18/4/2008 - 15:28




Lingua: Esperanto

Esperantigis Nicola Ruggiero
LA KARBONAROJ

a. La teksto originala de la filmo

Knabino vidanta l' maron
la-la-la' la-la-la' la-la-la'
atendas la kavaliron
la-la-la' la-la-la' la-la-la'

La bela knabin' kaptitas
la-la-la' la-la-la' la-la-la'
ŝi havas timigan nomon:
Liberec', Liberec', Liberec'

b. Versio improvizita de Fabrizio De André

La bela knabin' ekdormas,
la-la-la' la-la-la' la-la-la'
ŝi havas timigan nomon:
Liberec', Liberec', Liberec'

La bela knabin' ekdormas
la-la-la' la-la-la' la-la-la'
ŝi havas timigan nomon:
Liberec', Liberec', Liberec'

inviata da Nicola Ruggiero - 22/4/2008 - 13:14




Lingua: Finlandese

Versione finlandese di Riccardo Venturi
(per la kaunotar di Nicola Ruggiero esperantista)
KARBONARIT

a. Alkuperäinen toisinto

Kaunotar, joka katsoo merta
la la la, la la la, la la la
odottaa ritariansa
la la la, la la la, la la la

Vangitulla kaunottarella
la la la, la la la, la la la
on pelkoa herättävä nimi,
vapaus, vapaus, vapaus

b. Fabrizio De Andrén improvisoitu toisinto

Nukkuvalla kaunottarella
la la la, la la la, la la la
on pelkoa herättävä nimi,
vapaus, vapaus, vapaus.

Nukkuvalla kaunottarella
la la la, la la la, la la la
on pelkoa herättävä nimi,
vapaus, vapaus, vapaus.

22/4/2008 - 16:37




Lingua: Kelartico

Poteva a questo punto mancare il kelartico?....
TO KARBONĀRĀI

a: Nevināi laiputīrig ap to filăm

To vānhein, yos glăk to mieren
la la la, la la la, la la la
unnŭk yān rheidātārăn
la la la, la la la, la la la

To vānhein, yos sī ingekārsyion
la la la, la la la, la la la
hē trunnerŭsig nāino:
yatisūr yatisūr yatisūr

b. Nevināi gedimprovisār păr Fabrizio De André

To ingedărt vānhein
la la la, la la la, la la la
hē trunnerŭsig nāino:
yatisūr yatisūr yatisūr

To ingedărt vānhein
la la la, la la la, la la la
hē trunnerŭsig nāino:
yatisūr yatisūr yatisūr.

inviata da Riccardo Venturi - 22/4/2008 - 17:28




Lingua: Basco

Versione basca (euskara) effettuata da tre compagne basche dei dintorni di Donostia / S.Sebastian al centro sociale CPA Firenze Sud, 26 aprile 2008
KARBONARIAK

b. Fabrizio De Andrén bertsioa

Lotan dagoen neska polita
la la la, la la la, la la la
beldurra ematen duen izena dauka:
askatasuna, askatasuna, askatasuna

Lotan dagoen neska polita
la la la, la la la, la la la
beldurra ematen duen izena dauka:
askatasuna, askatasuna, askatasuna.

inviata da daniela -k.d.- e Riccardo Venturi - 26/4/2008 - 23:03




Lingua: Spagnolo

La versione spagnola (preparata in fretta e furia per farla tradurre in basco e poi riguardata):
LOS CARBONAROS

a. Palabras originales de la canción

La hermosa mirando a la mar
la la la, la la la, la la la
está esperando a su caballero
la la la, la la la, la la la

La hermosa que está prisionera
la la la, la la la, la la la
tiene un nombre que hace miedo:
libertad libertad libertad.

b. Versión improvisada por Fabrizio De André

La hermosa que está adormecida
la la la, la la la, la la la
tiene un nombre que hace miedo:
libertad libertad libertad.

La hermosa que está adormecida
la la la, la la la, la la la
tiene un nombre que hace miedo:
libertad libertad libertad.

inviata da Riccardo Venturi - 27/4/2008 - 19:02


Bisogna aggiungere anche l'inciso:
"Con tre corone in testa
han comandato i re;
tenetela nascosta,
perché, perché, perché"

Gabriele - Gamma83 - 5/3/2009 - 10:19


Salutando - insieme a Lou Reed - anche il grande regista Luigi Magni, ne approfitto per sottolineare l'ultimo commento che nel lontano 2009 fece "Gabriele - Gamma83" a proposito de "I carbonari"...
Il testo completo della canzone - strofe ripetute comprese - dovrebbe essere il seguente:

La bella che guarda il mare
tralalà tralalà tralalà la la la
Aspetta il suo cavaliere
tralalà tralalà tralalà

La bella che è prigioniera
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
Libertà Libertà Libertà

La bella che guarda il mare
tralalà tralalà tralalà la la la
Aspetta il suo cavaliere
tralalà tralalà tralalà

La bella che è addormentata
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
Libertà Libertà Libertà

Con tre corone in testa ‎
han governato i re
tenetela nascosta
Perchè? Perchè? Perchè?

La bella che è addormentata
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
libertà libertà libertà

La bella che è prigioniera
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
Libertà libertà libertà

Con tre corone in testa ‎
han governato i re
tenetela nascosta
Perchè? Perchè? Perchè?

La bella che è addormentata
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
Libertà libertà libertà

La bella che è prigioniera
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
Libertà libertà libertà

La bella si è ridestata
tralalà tralalà tralalà la la la
ha un nome che fa paura
Libertà libertà libertà

Quindi, la bella che guarda il mare aspetta il suo cavaliere, è prigioniera, è addormentata, è tenuta nascosta dai potenti ma, alla fine, si ridesta, e allora... Viva la Libbertà!

Bernart - 28/10/2013 - 10:58


Simone - 16/8/2014 - 23:27


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org