Lingua   

Yo soy Juan

León Gieco


Lingua: Spagnolo

Guarda il video

Video:
Yo soy Juan

Purtroppo il video è stato rimosso da YouTube

Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

No existe fuerza en el mundo
(León Gieco)
Los Guardianes de Mugica
(León Gieco)
María Pilar
(Teresa Parodi)


[2005]
Letra y música de León Gieco
Testo e musica di León Gieco

Dedicata a tutti i bambini nati nei giorni di prigionia e tortura da giovani donne incinte durante la dittatura militare, questa canzone racconta la storia di Juan Cabandié, nipote "recuperato" dalle Abuelas de Plaza de Mayo.
Dopo la sua nascita, Juan, fu sotratto a sua madre per essere consegnato ad un poliziotto che lo allevò come figlio naturale.

Juan Cabandié, hoy. Juan Cabandié, oggi.
Juan Cabandié, hoy. Juan Cabandié, oggi.




Dal blog di Juan Cabandié:

Soy Juan, nací en la ESMA en marzo del 78, lugar donde mi mamá y yo compartimos sólo 20 días. Viví casi 26 años con un nombre que no era propio y creyendo que mis padres eran un policía y su mujer. Gracias a la ayuda de Abuelas, supe que era hijo de desaparecidos. Damián, mi papá, tenía 19 cuando fue secuestrado. Alicia, mi mamá, tenía 16 y estaba embarazada de cinco meses. Así es mi historia, la que despertó el deseo de involucrarme, porque no podemos dejar que se pierdan dos generaciones, la de nuestros viejos y la nuestra, donde el individualismo nos alejó de ser protagonistas.
Yo soy Juan, el último aparecido
Soy el hijo de la sangre
Me puse solo el alma dentro mío
Puedo ser viento que acaricia los prados
Puedo ser río del mar
Puedo ser vuelo de pájaros
Aunque un golpe fuerte una zanja me abrió
Te inundaré de risa con la risa que me quedó

Porque Dios no estuve allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací.

Yo soy Juan, el último aparecido
Todas las sombras ya danzaron
Alrededor y adentro mío
Nunca probé otros senos
Que los que alimentaron mis gritos
Llevo tus olores adentro
Desde cuando fuiste mi abrigo
Aunque sea hijo de un castigo y del rigor
Voy a poner el pecho a un corazón que se enfermó

Porque Dios no estuvo allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací.

Yo soy Juan, el último aparecido
Mi sangre con oraciones
Reza donde no hay Cristos
Me abrazo a tus brazos y hablo con voces en secreto
Lloro tus lágrimas con mis ojos bien abiertos
Y aunque salí de un pozo de sepultura y suciedad
Voy a pregonar en voz alta y la memoria remendar

Porque Dios no estuvo allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací.

Yo soy Juan, el último aparecido
Soy el hijo de la sangre que me guía en los caminos
Canto mi canción de cuna y el dolor me lo duelo yo
Llevo tu nombre adentro, me pongo y me saco sueños
Y aunque me han matado un poco nomás
Buscaré las palabras para contártelo y gritar

Dios no estuvo allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací
Dios no estuvo allí donde nací

inviata da Marcia Rosati - 6/8/2007 - 19:25



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
7 agosto 2007
SONO JUAN

Sono Juan, l'ultimo apparso
sono il figlio del sangue
solo l'anima mi son messo dentro di me
posso essere vento che accarezza i prati
posso essere corrente marina
posso essere volo d'uccelli
anche se una botta forta mi ha aperto un fossato
t'inonderò di risa con il riso che mi è rimasto

Perché Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato

Sono Juan, l'ultimo apparso
tutte le ombre hanno già danzato
attorno e dentro di me
non ho mai provato altro seno
di quello che ha nutrito le mie grida
i tuoi odori li porto dentro
da quando sei stata il mio riparo
anche se sono figlio di un castigo e del rigore
darò il mio petto a un cuore ammalato

Perché Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato

Sono Juan, l'ultimo apparso
il mio sangue, con orazioni,
prega dove Cristo non c'è
mi stringo alle tue braccia e parlo con voci in segreto
piango le tue lacrime con gli occhi bene aperti
e anche se sono uscito da un pozzo di tomba e sporcizia
urlerò tutto quanto, rammenderò la memoria

Perché Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato

Sono Juan, l'ultimo apparso
sono il figlio del sangue che mi guida per le strade
mi canto la ninna-nanna e il dolore me lo dolgo da me
mi porto il tuo nome dentro, mi metto e mi levo sogni
e anche se mi hanno ammazzato un poco
cercherò le parole per raccontarelo e gridare

Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato
Dio non c'era dove sono nato

7/8/2007 - 18:55


"Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c'era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all'uomo, dall'uomo al maiale e ancora dal maiale all'uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due."

Che delusione tornare a casa e scoprire che c'e' una nuova dittatura, che nel 2013 il vero rivoluzionario e' ancora quello che muore in battaglia perche' quello che la vince si trasforma in dittatore.Eppure Orwell l'ho letto da piccola...mi sembrava di aver imparato...invece mi sento come se avessi alzato il pugno e quello stesso pugno mi avesse colpito in faccia.

marcia - 9/7/2013 - 19:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org