Lingua   

I Pity The Poor Immigrant

Bob Dylan


Lingua: Inglese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

A Hard Rain's A-Gonna Fall
(Bob Dylan)
Lu meu patruni
(Mimmo Cavallaro)
Gates Of Eden
(Bob Dylan)


[1968]

Da/From: "John Wesley Harding"
Interpretata anche da Joan Baez e Judy Collins.


Bob Dylan

Sul tema dell'emigrazione Bob Dylan ha scritto da par suo questa canzone nel 1968, con un testo decisamente da conoscere.
I pity the poor immigrant
Who wishes he would've stayed home
Who uses all his power to do evil
But in the end is always left so alone
That man whom with his fingers cheats
And who lies with ev'ry breath
Who passionately hates his life
And likewise fears his death.

I pity the poor immigrant
Whose strength is spent in vain
Whose heaven is like ironsides
Whose tears are like rain
Who eats but is not satisfied
Who hears but does not see
Who falls in love with wealth itself
And turns his back on me.

I pity the poor immigrant
Who tramples through the mud
Who fills his mouth with laughing
And who builds his town with blood
Whose visions in the final end
Must shatter like the glass
I pity the poor immigrant
When his gladness comes to pass.

inviata da Renato Stecca - 7/5/2007 - 00:02




Lingua: Italiano

Versione italiana.

"Non voglio essere frainteso; trovo il testo interessante, perchè dice cose controcorrente, ma non certo impugnabili da gente come Calderoli per le sue ignobili cazzate." [Renato Stecca]
HO PIETA' DEL POVERO IMMIGRANTE

Ho pietà del povero immigrante
Che avrebbe desiderato rimanere a casa
Che adopera tutto il suo potere per fare del male
Ma alla fine rimane così solo
Quell’uomo che inganna con le sue mani
E che mente con ogni respiro
Che odia appassionatamente la sua vita
E ugualmente teme la morte.

Ho pietà del povero emigrante
Che consuma tutta le sue forze invano
Il cui cielo ha cancelli d’acciaio
Le cui lacrime sono come la pioggia
Che mangia ma non è soddisfatto
Che ascolta ma non vede
Che ama soltanto la ricchezza
E a me volta le spalle.

Ho pietà del povero emigrante
Che cammina in mezzo al fango
Che si riempie la bocca di risate
E che costruisce la sua città col sangue
I cui sogni alla fine cadranno
Frantumati come vetro
Ho pietà del povero emigrante
Quando la sua gioia sarà scomparsa.

inviata da Renato Stecca - 7/5/2007 - 00:05




Lingua: Portoghese

versione portoghese da musicas.mus.br
TIVE PENA DO POBRE IMIGRANTE

Tive pena do pobre imigrante
que do seu pais não queria ter saido
que usa todo seu poder para o mal
mas no final sempre acaba sozinho
o homen que com seus dedos trapaceia
e que mente como toda sua voz
que com paixão odeia sua vida
e do mesmo modo, teme sua morte.

Tive pena do pobre imigrante
qUe a força é gasta em vão
que o céu é que nem uma prisão
que como chuva são suas lagrimas
que come mas não se satisfas
que escuta mas não vê
que ama sua riqueza propria
e se vira de costas para min.

Tive pena do probre imigrante
que anda pela lama
que enche sua boca com gargalhadas
e que constroi sua cidade com sangue
de que suas visões no final
devem quebrar como o vidro
tive pena do pobre imigrante
quando sua alegria vier a acabar.

inviata da Marcia Rosati - 8/11/2007 - 18:56




Lingua: Italiano

Versione cantabile in italiano di Andrea Buriani

HO A CUORE LA SORTE DELL'EMIGRANTE

Ho a cuore la sorte dell’emigrante, che un giorno ha lasciato il nativo suolo,
che a volte anche sbaglia poi fa del male, così si ritrova più solo.
Quell’uomo che bara con le sue dita e ad ogni respiro lui mente
che teme la morte ed odia la vita, così come ama il presente.

Ho a cuore la sorte dell’emigrante, che ha forza ma spesso la usa invano,
che ha lacrime come le gocce di pioggia e il suo paradiso è d’acciaio.
Che mangia ma non si sfama, che sente ma non ci vede,
e si innamora di ciò che lui stesso ama e poi dice che a me non crede.

Ho a cuore la sorte dell’emigrante, che avanza nel fango con il cuore in mano,
che costruisce città col sangue, ma lui ride e guarda lontano.
Vede il mondo riflesso in un cristallo, ma il suo vetro si infrangerà.
Ho a cuore la sorte dell’emigrante, che ora ride ma piangerà.

inviata da Andrea Buriani - 12/11/2011 - 14:33




Lingua: Svedese

Versione svedese di Mikael Wiehe da Dom Ensligas Alle (1982)
De Ensligas Alle
JAG ÖMKAR EMIGRANTERNA

ag ömkar emigranterna
som önskar att dom aldrig gett sej av
som offra’ allt dom trodde på
och ändå inte fick nånting tillbaks
som drar sej fram med list och svek
och lurendrejeri
som bara fruktar döden mer
än dom hatar sina
liv

Jag ömkar emigranterna
vars liv har bli’tt en lögn
vars himmel blev ett helvete
och som gråter sej till sömns
vars öron inte hör nånting
vars ögon inget ser
som fåfängt jagar makt och guld
och bara vill ha
mer

Jag ömkar emigranterna
som trampar runt i dyn
vars väg till makt och rikedom
är kantad utav lik
vars drömmar och förväntningar
ska krossas liksom glas
Jag ömkar emigranterna
när deras välde går i
kras

inviata da dq82 - 21/3/2017 - 10:30




Lingua: Ceco

Versione ceca di Jan Řepka
Il testo da YT
IMIGRANT


Jsem jenom chudej imigrant
se ví - raději doma bych spal
svou duší ďáblu otročím
a s tím vědomím usínám sám
mý prsty samej švindl
bezelstnost jsem dávno škrt
vlastní život nesnáším
ale stejně tak děsí mě smrt

Jsem jenom chudej imigrant
pro místní obtížná veš
mé nebe je horké ale mlčí
mé slzy jsou jak déšť
jím ale nikdy ne dosyta
slyším ale nevidím
co vede mě to jsou peníze
a tak se odvracím od lidí

Jsem jenom chudej imigrant
to je můj celej zpěv
bahnem dál se propadám
a v ulicích nechávám krev
mý sny se dřív než začnou
tříští jako sklo
jsem jenom chudej imigrant
můj úděl nemá dno

inviata da Krzysiek - 15/4/2017 - 19:43


Krzysiek - 15/4/2017 - 19:44


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org