Lingua   

Izieu

Claude Hazan


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

Gelem, gelem
(Žarko Jovanović )
Die Kinder von Izieu
(Reinhard Mey)
Hexagone
(Renaud)


Paroles et musique de Claude Hazan
Testo e musica di Claude Hazan
hazanclaude

Cette chanson "Izieu" a été écrite pour rendre hommage aux enfants juifs d'Izieu, un petit village près de Lyon qui furent déportés et massacrés par les nazis lors un certain jour de 1944, afin que rien ne tombe dans les oubliettes de l'Histoire. [Jacky Fluttaz]

I bambini di Izieu. Les enfants d'Izieu.
I bambini di Izieu. Les enfants d'Izieu.


"Ce CD 2 titres à été enregistré e 2003, suite à la visite de la maison d'Izieu. Certains connaissent l'histoire, d'autres pas, mais il faut la raconter et la raconter encore pour ne l'oublier jamais. Mon fils de 6 ans, jouait sous le soleil, et moi j"étais dans cette maison, seul, ce jour là. Seul avec les lettres d'enfants bien rangés sous vitre sur les tables de classe. J'étais seul et pourtant, il semblait y avoir une multitude invisible, comme un brouhaha que j'imaginais pour ne pas entendre le silence, si pesant. Alors les mots sont venus, l'émotion me les dictait. La chanson d'Izieu est parti dans 4 pays du monde, tant mieux, puisse-t-elle se propager pour le bien de tous les enfants, car rien n'est jamais vraiment fini." -Claude Hazan.

Sui bambini di Izieu si veda anche Die Kinder von Izieu di Reinhard Mey.
Sur les enfants d'Izieu, voir aussi Die Kinder von Izieu de Reinhard Mey.

LA CASA DI IZIEU

Uno straordinario luogo di memoria per ricordare la persecuzione contro i bambini e i ragazzi ebrei. I ragazzi ebrei d'Izieu, una località a circa 80 chilometri da Lione, in Francia, furono infatti catturati dalla polizia tedesca e condotti alla morte nei campi di sterminio.

Durante la seconda guerra mondiale operavano in Francia alcune organizzazioni per salvare dalle persecuzioni e dalla deportazione bambini e ragazzi ebrei. Nell’aprile 1943 Sabine Zlatin e il marito Miron crearono a Izieu (località a circa 80 chilometri da Lione) una colonia che in un anno di attività arrivò ad ospitare un centinaio di bambini.

Dopo l'8 settembre la zona, fino a quel momento occupata dagli italiani, cadde sotto il controllo tedesco. Il 6 aprile 1944 con una retata ordinata dalla Gestapo di Lione, comandata da Klaus Barbie, 44 bambini e ragazzi e 7 educatori furono arrestati.
Nel giro di un mese 42 bambini e cinque adulti venenro deportati ad Auschwitz-Birkenau: al loro arrivo furono inviati alle camere a gas; due adolescenti e il direttore della colonia, invece, furono deportati in Estonia e lì fucilati il 31 giugno. Di tutto il gruppo, una sola persona sopravvisse. Nel 1987, anche per questa vicenda, Klaus Barbie fu condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità.

Oggi a Izieu esiste una importante realtà museale e memoriale, la Maison d'Izieu. Memoriale dei ragazzi ebrei sterminati. Una prima associazione fu costituita attorno a Sabine Zlatin, fondatrice con suo marito della colonia di Izieu nel 1943, a seguito del clamore e dell'attenzione suscitata dal processo al criminale nazista Klaus Barbie, avvenuto a Lione nel 1987. Il Memoriale di Izieu è stato inaugurato il 24 aprile 1994 dall'allora presidente della Repubblica francese François Mitterrand.
Une maison simple, aux couleurs claires, sous la pluie du printemps
Avril est doux et le silence reposant et je me dis "il est bien joli"
Cet enfant qui joue là dehors, sans se soucier du temps.

Une salle de classe où sont rangés les dessins et les mots
Que des gamins nous ont laissé,
Y'a des coups d'crayons comme ça que rien n'efface
La gomme du temps n'a pas sa place

Un endroit tranquille, je n'peux pas croire, qu'un certain mois d'avril
Fut aussi noir et pourtant, il y avait là des enfants,
Qui n'demandaient qu'à vivre encore, sous le ciel du printemps.

Pour mieux voir je ferme les yeux, pour entendre le silence y'a rien d'mieux
Pour savoir c'qu'est la liberté, j'veux m'souv'nir des p'tits enfants d'Izieu.

Devant la cheminée de la cuisine, on est là rassemblés
L'hiver 43 est si froid et si nos mains tremblent déjà
C'est pas la peur mais elle viendra, elle viendra au printemps

Tous les soirs on écrit, de longues lettres, à nos parents chéris
On n'sait pas vraiment où ils sont, au fond de nous on a tellement d'amour
Que souvent on n'peut pas dormir

On nous apprend des choses, au tableau noir, on nous apprend l'espoir
Miron et Sabine sont là, avec des mots comme des sourires,
Simplement en les écoutant, on s'croirait au printemps

Pour mieux voir je ferme les yeux, pour entendre le silence y'a rien d'mieux
Pour savoir c'qu'est la liberté, j'veux m'souv'nir des p'tits enfants d'Izieu.

Une maison simple, aux couleurs claires, sous l'soleil du printemps
Avril est doux et le silence si pesant
Mais je me dis qu'il est bien joli, mon enfant qui joue là dehors.....

Pour mieux voir je ferme les yeux, pour entendre le silence y'a rien d'mieux
Pour savoir c'qu'est la liberté, j'veux m'souv'nir des p'tits enfants d'Izieu.

inviata da Jacky Fluttaz - 27/4/2007 - 23:31



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
4 maggio 2007 bulka
IZIEU

Una casa semplice, dalle tinte chiare, sotto la pioggia primaverile,
Il dolce aprile; riposante silenzio. E mi dico: è proprio bello, qui,
Quel bimbo a giocare là fuori senza curarsi del tempo.

Una classe di scuola con sistemati i disegni e le parole
Lasciateci da qualche ragazzino,
Tratti di matita come questi, niente li cancella.
La gomma del tempo non ci può fare nulla.

Un posto tranquillo. Non posso credere che un aprile
sia stato tanto nero; eppure, là c'erano dei bambini
che altro non chiedevano che vivere ancora sotto il cielo primaverile.

Per veder meglio, chiudo gli occhi. Per sentire il silenzio, nulla è migliore.
Per sapere che sia la libertà, voglio ricordarmi dei bambini di Izieu.

Radunati davanti al camino della cucina,
L'inverno del '43 è gelido, e se ci tremano già le mani
Non è per la paura; ma arriverà. Verrà in primavera.

Ogni sera si scrivono lunghe lettere ai nostri cari genitori,
Non si sa proprio dove siano, ma si ha tanto di quell'amore dentro
Che spesso non ci si può dormire

Ci insegnan delle cose alla lavagna, ci insegnano la speranza,
Ci sono Miron e Sabine con parole che son come sorrisi,
E solo ad ascoltarli ci si crederebbe in primavera

Per veder meglio, chiudo gli occhi. Per sentire il silenzio, nulla è migliore.
Per sapere che sia la libertà, voglio ricordarmi dei bambini di Izieu.

Una casa semplice, dalle tinte chiare, sotto il sole primaverile,
Il dolce aprile; un silenzio pesante.
Ma mi dico: è proprio bello, mio figlio a giocare là fuori…

Per veder meglio, chiudo gli occhi. Per sentire il silenzio, nulla è migliore.
Per sapere che sia la libertà, voglio ricordarmi dei bambini di Izieu.

4/5/2007 - 12:49


I BAMBINI DI IZIEU
LES ENFANTS D'IZIEU
ילדי יזיאה


La seguente lettera fu scritta da una bambina di Izieu, Liliane Gerenstein, di 11 anni. Arrestata il 6 aprile 1944 da Klaus Barbie, fu deportata assieme a tutti gli altri al campo di transito di Drancy, e poi a Auschwitz dove morì in una camera a gas. Le fu scattata una foto, a Drancy, che la ritrae esausta e addormentata, abbracciata alla sua bambola.

La lettre qui suit a été écrite par une fillette d'Izieu, Liliane Gerenstein, 11 ans. Arrêtée le 6 avril 1944 par Klaus Barbie, elle fut déportée avec tous les autres petits prisonniers au camp de passage de Drancy, et puis à Auschwitz où elle mourut dans une chambre à gaz. On lui tira une photo à Drancy, où elle dort, morte de fatigue, accrochée à sa poupée.

liliane


Lettre à Dieu

« Dieu ? Que vous êtes bon, que vous êtes gentil et s'il fallait compter le nombre de bontés et de gentillesses que vous nous avez faites il ne finirait jamais... Dieu ? C'est vous qui commandez. C'est vous qui êtes la justice, c'est vous qui récompensez les bons et punissez les méchants. Dieu ? Après cela je pourrai dire que je ne vous oublierai jamais. Je penserai toujours à vous, même aux derniers moments de ma vie. Vous pouvez être sûr et certain. Vous êtes pour moi quelque chose que je ne peux pas dire, tellement que vous êtes bon. Vous pouvez me croire. Dieu ? C'est grâce à vous que j'ai eu une belle vie avant, que j'ai été gâtée, que j'ai eu de belles choses, que les autres n'ont pas. Dieu ? Après cela, je vous demande qu'une seule chose : FAITES REVENIR MES PARENTS, MES PAUVRES PARENTS, PROTÉGEZ-LES (encore plus que moi-même) QUE JE LES REVOIS LE PLUS TÔT POSSIBLE, FAITES LES REVENIR ENCORE UNE FOIS. Ah ! Je pouvais dire que j'avais une si bonne maman et un si bon papa ! J'ai tellement confiance en vous que je vous dis un merci à l'avance. »

"Dio? Quanto sei buono, quanto sei gentile, e se si dovesse contare il numero di cose buone e getili che ci hai fatto, non si finirebbe mai...Dio? Sei tu che comandi. Sei tu la giustizia, sei tu che ricompensi i buoni e punisci i malvagi. Dio? Dopo tutto questo potrò dire che non ti scorderò mai. Penserò sempre a te, anche negli ultimi istanti della mia vita. Ne puoi essere del tutto certo. Sei per me qualcosa che non so dire, da quanto sei buono. Puoi credermi. Dio? E' grazie a te che ho avuto una bella vita, prima, che sono stata viziata, che ho avuto belle cose che altri non hanno. Dio? Dopo tutto questo, ti chiedo una sola cosa: FAI RITORNARE I MIEI GENITORI, I MIEI POVERI GENITORI, PROTEGGILI (ancor più di me stessa), FA' CHE LI RIVEDA IL PRIMA POSSIBILE, FALLI TORNARE ANCORA UNA VOLTA. Ah! Potevo dire di avere una mamma e un papà così buoni! Ho talmente tanta fiducia in te, che ti ringrazio in anticipo."



* Albert Bulka, 4
* Sami Adelsheimer, 5
* Jean-Claude Benguigui, 5
* Lucienne Friedler, 5
* Claudine Halaunbrenner, 5
* Emile Zucherberg, 5
* Liane Krochmal, 6
* Richard Benguigui, 7
* Marcel Mermelstein, 7
* Jacob Benassayag, 8
* Mina Halaunbrenner, 8
* Georges Halpern, 8
* Renate Krochmal, 8
* Max Leiner, 8
* Gilles Sadowski, 8
* Sigmund Springer, 8
* Egon Gamiel, 9
* Senta Spiegel, 9
* Charles Weltner, 9
* Hans Ament, 10
* Jean-Paul Balsam, 10
* Elie Benassayag, 10
* Isidore Kargeman, 10
* Claude Levan-Reifman, 10
* Alice-Jacqueline Luzgart, 10
* Paula Mermelstein, 10
* Martha Spiegel, 10
* Herman Tetelbaum, 10
* Liliane Gerenstein, 11
* Sarah Szulldaper, 11
* Max-Marcel Balsam, 12
* Esther Benassayag, 12
* Jacques Benguigui, 12
* Barouk-Raoul Bentitou, 12
* Joseph Goldberg, 12
* Max Tetelbaum, 12
* Otto Wertheimer, 12
* Nina Aronowicz, 12
* Majer Bulka, 13
* Maurice Gerenstein, 13
* Henri-Chaïm Goldberg, 13
* Fritz Loebmann, 15
* Theodor Reis, 16
* Arnold Hirsch, 17

Riccardo Venturi / ריקרדו ונטורי - 4/5/2007 - 14:31


Un très grand merci à Claude Hazan pour avoir parlé de notre site avec de si beux mots. C'est aussi une bonne occasion pour le remercier pour sa très belle chanson sur les enfants d'Izieu, une chanson que j'ai voulu traduire pour que les Italiens aussi puissent garder la memoire de tous les enfants victimes de la bête humaine et de la folie de la guerre, en France, en Italie et dans le monde entier. Merci, Claude, de tout notre cœur! [Riccardo Venturi]

14/5/2007 - 20:33


Ieri sera ho visto un gran bel film-documentario…
Il regista è Kevin Macdonald, quello di “Un giorno a settembre” (sul sequestro della delegazione israeliana da parte di un commando palestinese alle Olimpiadi di Monaco del 1972) e di “L’ultimo re di Scozia” (sul sanguinario dittatore ugandese Idi Amin Dada).
Il film di cui voglio parlarvi è del 2007 e si intitola My Enemy's Enemy, da noi “Il nemico del mio nemico - Cia, nazisti e guerra fredda”, e racconta la storia di Klaus Barbie.

Klaus Barbie (Bad Godesberg, Germania, 1913 –Lione, Francia, 1991), conosciuto come il “Boia di Lione”, fu il capo della Gestapo nella città francese durante l’occupazione nazista. Dotato di una personalità crudele, pervaso da un antisemitismo e anticomunismo viscerali, hitleriano integrale, durante la guerra Barbie fu responsabile di torture, esecuzioni sommarie, massacri, fucilazioni e deportazioni ai danni di cittadini, partigiani e militari francesi. Tra le sue vittime, il capo della resistenza Jean Moulin e i bambini ebrei di Izieu, cui è dedicata questa bella canzone di Claude Hazan. Solo nel 1987 Barbie fu finalmente catturato, consegnato ai francesi, processato e condannato all’ergastolo per crimini di guerra e contro l’umanità.

Ma ciò che Kevin Macdonald approfondisce nel suo film è chi diventò e cosa fece Klaus Barbie tra la fine della guerra e la resa dei conti; e quello che viene fuori è semplicemente agghiacciante, l’ennesima declinazione della “banalità del male” di cui parlava Hannah Arendt a proposito di un altro boia nazista, Adolf Eichmann.

Subito dopo la guerra Klaus Barbie offrì i propri “servigi” agli alleati e questi se ne avvalsero ampiamente: chi meglio di un abile capo della polizia politica del Terzo Reich, profondo conoscitore dei metodi di spionaggio, infiltraggio ed interrogatorio, avrebbe potuto aiutarli nella lotta contro il nuovo nemico, il comunismo? E così il Counter Intelligence Corps, il controspionaggio militare statunitense, arruolò Barbie e lo utilizzò per alcuni anni con soddisfazione nel reperire informazioni sulle attività dei comunisti tedeschi. Ma a seguito delle pressioni francesi, che ad ogni costo volevano il “macellaio di Lione” per processarlo, gli americani dovettero disfarsi di Barbie. Naturalmente, trattandosi di un ingombrante ma fedele e valido collaboratore, non lo consegnarono ai francesi ma al Vaticano dove, nel dopoguerra, era molto attiva la cosiddetta “Ratline”, la “via del topo”, un’organizzazione guidata da un prete fascista, l’ùstascia croato Krunoslav Stjepan Draganović, che col sostegno della CIA e delle gerarchie cattoliche aiutava i criminali di guerra nazisti e fascisti a fuggire in Sudamerica, via Italia.

E così fece anche Klaus Barbie, diventato nel frattempo Klaus Altmann Hansen, di professione meccanico. Nella primavera del 1951 si imbarcò con la famiglia a Genova alla volta dell’Argentina, per poi stabilirsi in Bolivia nel 1955.

In Bolivia c’era una situazione paradossale: dal 1952 il paese aveva un governo rivoluzionario di sinistra ma al tempo stesso era diventato un importante rifugio per i criminali nazisti e fascisti europei… Barbie si trovò in Bolivia come un topo nel formaggio: divenne subito un punto di riferimento per i camerati rifugiati e si avvicinò agli ambienti militari più retrivi. Non è un caso che, quando nel 1964 il presidente legittimo Paz Estenssoro fu travolto da un golpe guidato dal generale Barrientos, Altmann/Barbie fu il contatto tra i golpisti e la CIA. I servigi di Barbie furono ricompensati inventando per lui la società di navigazione “Transmaritima” boliviana (curioso per un paese che non ha sbocco al mare!), dotata di una sola nave che l’oculato imprenditore “Altmann” destinò ad un traffico piuttosto redditizio, quello delle armi… Sotto Barrientos Barbie divenne anche consigliere dei servizi segreti boliviani, e con essi e con la CIA collaborò, contribuendovi in modo determinante, alla cattura di Che Guevara nel 1967. Furono anni felici e molto attivi per il “macellaio”… con l’avvento del generale Banzer nel 1971, Barbie continuò alacremente a collaborare nella repressione degli oppositori e non gli parve vero di poter dare il proprio contributo alla famigerata “Operazione Condor” sostenuta dalla CIA e ordita dalle polizie segrete di Cile, Bolivia, Argentina, Uruguay e Paraguay.

Anni così “fecondi” e “promettenti”, tanto che Barbie ad un certo punto ebbe la certezza di poter realizzare un sogno bruscamente interrotto in Europa nel 1945: si convinse che la croce uncinata del Quarto Reich avrebbe potuto sventolare presto sulle Ande… A tal scopo diede vita ad una vera e propria “internazionale fascista” chiamando a raccolta intorno a sé vecchi e nuovi camerati (tra i quali gli italiani Stefano delle Chiaie e Pierluigi Pagliai) e costituendo un gruppo paramilitare noto con il nome “Los novios de la muerte” (tributo all’aviazione legionaria durante la guerra di Spagna) che fu responsabile di numerosi omicidi e torture contro esponenti politici e cittadini e che, nel 1980, fu protagonista del riuscito colpo di Stato di Luis García Meza Tejada, un impresentabile fascista e trafficante di droga che per breve tempo impiantò in Bolivia una narco-dittatura e del quale Barbie fu consigliere personale…

Ma ancora una volta il “grande sogno” sfumò…
Il “golpe della cocaina” fu presto sconfessato pure dalla CIA... Barbie non aveva più molti santi in paradiso (o, meglio, diavoli all’inferno), era invecchiato, aveva perso il figlio in un incidente stradale e la moglie di cancro… Il vecchio “macellaio” non era più quello di un tempo e la fortuna gli aveva voltato le spalle…

Nel 1983 fu estradato in Francia. E’ morto di leucemia in carcere, nella “sua” Lione, il 25 settembre 1991.

Alessandro - 2/12/2009 - 11:59



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org