Lingua   

27 di otubar

Arturo Zardini


Lingua: Friulano


Ti può interessare anche...

Stelutis Alpinis
(Arturo Zardini)
Da Caporetto al Piave
(Massimo Bubola)
El meu país
(Teresa Rebull)


[1917-18]
Versi di Ercole Carletti (1877-1946), poeta, drammaturgo e linguista friulano. In “Poesie friulane”, Udine, 1920 (con prefazione di Bindo Chiurlo, 1886-1943, critico letterario e poesta friulano).
Musica di Arturo Zardini, l’autore di Stelutis Alpinis, in “Canti friulani”, 1925
Un canto che fa parte del repertorio del Coro Marmolada e che infatti ho tratto da “Canti friulani di Arturo Zardini - Opera omnia”, a cura di Sergio Piovesan, gennaio 2018



Una delle conseguenze meno note della disfatta di Caporetto dell’ottobre/novembre 1917 fu l’esodo di almeno 600.000 civili friulani e veneti, parecchi dei quali morirono nella fuga scomposta e per nulla organizzata né aiutata dall’esercito italiano in rotta, una pagina di storia assolutamente negletta, per via della propaganda militare, della retorica vittoriosa del fascismo successivo e del fatto che, come in tutte le guerre, la guerra ai civili fa sempre moltissimi morti ma poco notizia…
I profughi vennero sparsi in tutta Italia, generalmente poco assistiti, in situazioni assai disagevoli, invisi spesso ai locali perché sussidiati e accusati di rubare loro il lavoro...
Vin siarât la nestre puarte,
vin dat jù ben il saltel,
e si sin metûz par strade,
cui frutins a brazzecuel.

Oh, ma piês di tant sterminio,
piês di tant dolôr di cûr,
pas cun pas nus compagnave
la vergogne dilunc fûr!

Furtunâz i muarz sotiâre,
che àn finît la lôr stagjon,
che àn siarât i vói adore,
e no san cheste passion

Ma cumò, Vô, sustignìnus,
o Signôr, e dàinus flât di
tornâ tes nestris cjasis,
francs di cûr e a cjâf jevât

inviata da Bernart Bartleby - 26/2/2018 - 13:40



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da “Canti friulani di Arturo Zardini - Opera omnia”, a cura di Sergio Piovesan, citato.
27 DI OTTOBRE

Abbiam chiuso la nostra porta,
abbiam messo giù bene il nottolino,
ci siam messi per strada,
con i bimbi a braccia collo.

Oh, ma peggio di tanto sterminio,
peggio di tanto dolor di cuore,
passo con passo ci accompagnava
la vergogna lungo la strada.

Fortunati i morti sottoterra,
che han finito la lor stagione,
che han chiuso per tempo gli occhi
e non provano questa afflizione

Ma adesso, Voi, sosteneteci,
o Signore, dateci forza di
tornare nelle nostre case,
franchi di cuore e a capo levato.

inviata da Bernart Bartleby - 26/2/2018 - 13:42



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org