Lingua   

Malarazza

Roy Paci




Ti può interessare anche...

Lu Sissanta
(anonimo)
O Signur di puveritt
(anonimo)
600 preti operai
(Dario Fo)



Lavori in corso! Works!
Lavori in corso! Works!

PAGINA IN CORSO DI RISTRUTTURAZIONE
PAGE UNDER REBUILDING
PAGE EN RESTRUCTURATION






Roy Paci.
Roy Paci.


Ripresa da un componimento popolare, è la versione "rappata" di un testo che già fu cantato da Domenico Modugno. Roy Paci vi ha aggiunto la parte finale.
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

Un servo tempu fa rinta 'na chiazza,
pregava Cristu in cruce e ci ricia:
"Cristu, lu me patrune mi strapazza,
mi tratta comu un cane pi la via,
si pigghia tuttu cu la so' manazza,
mancu la vita mia rici ch'è mia...
Distruggila, Gesù, sta Malarazza!
Distruggila, Gesù, fallo pi mmia! Sì..fallo pi mmia!"

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

Ricordati che ogni persona ha una sua dignità,
sogni, emozioni che la vita ci dà.
C'è chi ancora per il potere ha venduto l'Anima,
questo può distruggere ogni briciola di verità.
C'è chi dice "Non mi va, non mi va, non mi va,
se c'è chi domina, sgomina, insulta la mia umanità!
Guerra chiama guerra! Lutto per la mia identità!
Nonostante troppe troppe siano le difficoltà!
Stato di calamità, suddito di società,
schedato dalla realtà, schierato in cattività
contro la meschinità, pronto anche a tutto (si sa),
non credo all'immunità di chi sta sopra a guardare
e alla mia gente che da menzogne e tranquillità
solo per chi sta al di là di questo bel varietà!
Presidente Marajà, oggi di servilità
ma che vedi tutto spero non nell'al di là!

Cristo me rispunne dalla croci:
"Forse si so spezzate li to vrazza?
Cu vole la giustizia si la fazza!
Nisciun'ormai 'cchiù la farà pi ttia!
Si tu si 'n'uomo e nun si testa pazza,
ascolta bene sta sintenzia mia,
ca iu 'nchiudatu in cruce nun saria
s'avissi fattu ciò ca ricu a ttia...
ca iu 'nchiudatu in cruce nun saria!"

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

"Se 'nna stu munnu c'è la Malarazza,
cu voli la giustizia si la fazza!
Se 'nna stu munnu c'è la Malarazza,
cu voli la giustizia si la fazza!"

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastune e tira fora li denti...

inviata da daniela -k.d.- - 28/3/2007 - 16:57




Lingua: Italiano

Traduzione della parte in siciliano reperita a questa pagina
Tu ti lamenti, ma cosa ti lamenti? Prendi un bastone e tira fuori i denti
Un servo tempo da in una piazza
Pregava Cristo in croce dicendogli
"Cristo, il mio padrone mi strapazza
mi tratta come un cane randagio
si prende tutto
e dice che nemmeno la mia vita è mia
Distruggila Gesù questa malarazza
distruggiala Gesù fallo per me...si fallo per me!
.....
....
Cristo mi rispose dalla croce
"Si sono forse spezzate le tue braccia?
Chi vuole giustizia se la faccia
Nessuno lo farà al posto tuo
E se sei un uomo e non un pazzo
ascolta bene la mia sentenza
io non sarei inchiodato in croce
se avessi fatto quello che ti sto dicendo"

inviata da k.d. - 28/3/2007 - 16:59




Lingua: Siciliano

Versione del gruppo musicale siciliano Mattanza.

Antichissimo testo popolare siciliano che venne pubblicato nel 1857 dal poeta e filologo Lionardo Vigo Calanna nella sua "Raccolta di canti popolari siciliani". Il brano fu colpito subito dalla censura ecclesiastica, che si diede pure la pena di farne un versione edulcorata.
UN SERVU E UN CRISTU

Un servu tempu fa di chista piazza
Cussì priava a Cristu e nci dicìa
“Signuri ‘u me patruni mi strapazza,
mi tratta comu ‘n cani pi la via
tuttu mi pigghia cu la so’ manazza
mancu la vita mia dici ch’è mia,
si jeu mi lagnu peju m’amminazza
chi ferri mi castja a prigiunia
undì jò mo ti prejiu sta malarazza
distruggimmilla Tu Cristu pi mmia
distruggimmilla Tu Cristu pi mmia.”

(1) "…E tu forsi chi hai ciunchi li vrazza,
oppuru ll’ha ‘nchiovati com’a mmia
cu voli la giustizia si la fazza
non speri ch’autru la fazza pe ttia;
si tu si omu e non si testa pazza
metti a profittu ‘sta sintenzia mia
jò non sarrìa supra sta cruciazza
s’avissi fattu quantu dicu a ttia!”

(2) “…E tu chi ti scurdasti, o testa pazza,
chiddu ch’è scrittu ‘nta la liggi mia?
Sempri in guerra sarà l’umana razza
si cu l’offisi l’offisi castija;
a cu l’offenni, lu vasa e l’abbrazza
e in Paradisu sidirai ccu mia:
m’inchiuvaru l’ebrei ‘nta sta cruciazza
e celu e terra disfari putia."
Note al testo:

(1) La strofa originaria
(2) La strofa come "ricondotta nel grembo di Santa Madre Chiesa"

inviata da Alessandro - 21/7/2009 - 10:50




Lingua: Italiano

Traduzione in italiano della versione dei Mattanza, con la strofa originale (1) e quella come illo tempore censurata dai preti (2)...
UN SERVO E UN CRISTO

Un servo tempo fa, in questa piazza
Con queste parole Cristo pregava:
"Signore, il mio padrone mi maltratta
Come fossi un cane per la via
Con le sue manacce arraffa tutto
Nega persino che la vita sia mia
E più mi lamento, più mi minaccia
Mi imprigiona e mi sevizia
Così ti prego questa vile razza
Distruggila Tu, Cristo, per me"

E Cristo dalla croce rispose:
"Che son paralizzate le tue braccia?
Oppure sono inchiodate come le mie?
Chi vuole la giustizia se la faccia
E non si aspetti l’intervento altrui
Se sei un uomo e non sei impazzito
Metti a profitto questo mio consiglio
Adesso non sarei su questa orrenda croce
Se avessi fatto ciò che dico a te" (1)

"Pazzo, hai dimenticato il mio Verbo?
Sempre in guerra sarà la razza umana
Se all'offesa, con l’offesa risponderà
Il tuo nemico bacerai e abbraccerai
Ed al mio fianco in Paradiso siederai
Mi lasciai crocifiggere dagli Ebrei
Pur potendo distruggere cielo e terra" (2)
Note al testo:

(1) La strofa originaria
(2) La strofa come "ricondotta nel grembo di Santa Madre Chiesa"

inviata da Alessandro - 21/7/2009 - 13:59


Facciamolo Inno Nazionale

Gennaro - 3/5/2009 - 12:25




Lingua: Siciliano

Il testo, più o meno quello del Calanna, è quello recitato da Rosa Balistreri nell'album "Rosa canta e cunta - Rari e Inediti" [2008]



http://www.goear.com/files/mp3files/25072009/ef13aff1af0bc00f4725a0d027ef8b5c.mp3
LAMENTU DI UN SERVU A UN SANTU CRUCIFISSO

Un servu, tempu fa, in chista chiazza
accussì prijava a Cristu e ci dicìa:
« Signuri, lu me patruni mi strapazza,
mi tratta comu un cani di la via.
Si mi lamentu cchjù pena minazza
Cu ferru e cu catini 'mprigiunìa !
Tuttu si piglia cu la so manazza
la vita – dici – ca mancu è di mia;
undi vi preju, chista mala razza
distruggìtila vuj, Cristu, pi mìa »

E Cristu ci arrispunni:
« E tu, chi l'haj ciunchi li vrazza?
Opuru l'haj 'nchiuvati com'a mìa?
Cu voli la justizia si la fazza!
E nun spirari chi autru la fazza pi tìa
Si tu si omu, e nun si testa pazza,
metti a prufittu 'sta sentenzia mia.
Iu nun sarìa supra sta cruciazza
S'avissi fattu quantu dicu a tìa
Si, s'avissi fattu quantu dicu a tìa…»

inviata da giorgio - 25/7/2009 - 10:40


Au!! Ero straconvinta che il testo fosse di Ignazio Buttitta

Leti - 7/12/2009 - 21:03




Lingua: Siciliano

MALARAZZA

Un servu tempu fa rinta 'na chiazza,
prihàva Cristu in cruci e ci ricìa:
"Cristu, lu me patruni mi strapazza,
mi tratta comu un cani pi la via,
si pigghia tuttu cu la so' manazza,
mancu la vita mia rici ch'è mia...
Distruggila, Gesù, 'sta malarazza!
Distruggila, Gesù, fallu pi mmìa! Sì..fallu pi mmìa!"

"Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...

Ricordati che ogni persuna havi 'a so dignità,
sogni, emozioni ca la vita ni dà.
C'è chi ancora pu potìri ha vennuto l'alma,
chistu pò distruggiri ogni briciola ri verità.
C'è cu rice "Nun mi va, nun mi va, nun mi va,
se c'è cu domina, sgomina, insulta a me umanità!
Guerra chiama guerra! Luttu pa me identità!
Nonostanti troppi troppi siano i difficoltà!
Statu ri calamità, sudditu ri società,
schidato ra realtà, schierato in cattività
contru 'a meschinità, prontu anche a tutto (si sa),
non crìu all'immunità ri cu sta supra a taliari
e a me genti che duna menzogni e tranquillità
solu pi cu sta al di là di stu bel varietà!
Presidenti, Marajà, oggi ri servilità
ma che biri tuttu spero non nall'al di là!

Cristu me rispunne ra cruci:
"Forsi si so spezzati li to vrazza?
Cu vole la giustizia si la fazza!
Nisciun'ormai 'cchiù la farà pi ttìa!
Si tu si 'n'omo e nun si testa pazza,
ascuta beni 'sta sintenzia mia,
ca iu 'nchiudatu in cruci nun saria
s'avissi fattu ciò ca ricu a ttìa...
ca iu 'nchiudatu in cruci nun sarìa!


"Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...

"Se 'nna stu munnu c'è 'a malarazza,
cu voli la giustizia si la fazza!
Se 'nna stu munnu c'è la malarazza,
cu voli la giustizia si la fazza!"

"Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...
Tu ti lamenti, ma chi ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti...

Tu ti lamenti, picchì che ti lamenti? Pigghia nu vastuni e tira fora li denti....

inviata da Elisa - 2/3/2009 - 16:55


Anche questa è una canzone inclusa in "Risorgimento e società nei canti popolari siciliani" di Antonino Uccello.
Penso che vada inserita nell'apposito percorso...

Bartleby - 18/8/2011 - 13:42




Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)

La versione Romanesca dei Il muro del canto

MALARAZZA

Un servo tempo fa dentro a una piazza,
pregava Cristo in cruce e je diceva:
"Cristo, il mio signore mi strapazza,
mi tratta comu un cane per la via,
si acchiappa tutto con la sua manaccia,
manco la vita mia dice ch'è mia...
Distruggila, Gesù, 'sta malarazza!
Distruggila, Gesù, e così sia! Sì..e così sia!"

"Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...
Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...
Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...
Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...

Cristo je rispose dalla croce:
"Forse se so spezzate ste du' braccia?
Chi vole la giustizia se la faccia!
guardate chi non fa questo...!
Si tu sei 'n'omo e non sei testa pazza,
ascolta bene 'sta sentenza mia,
io non sarei inchiodato pe' la via
se fossi andato controa sta follia...
io non sarei inchiodato pe' la via !


"Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...
Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...
Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...
Ti lamenti, ma che te lamenti? Piglia sto bastune e tira fora li denti...

inviata da dq82 - 26/7/2014 - 09:03


Questa è una pagina che andrà rifatta tutta; a dire il vero il cartello di "lavori in corso" c'è da anni...e mi tocca anche sta' zitto perché colei che l'ha attribuita a Roy Paci sta ronfando qui a 1 metro da me.. :-PPP

Riccardo Venturi - 26/7/2014 - 09:42


Beh? Questa versione E' di Roy Paci :-P

daniela -k.d.- - 26/7/2014 - 17:45


Presente anche nello spettacolo "Ci ragiono e canto Vol.3 atto secondo" col titolo "Un servo sotto la croce"

dq82 - 26/8/2014 - 09:34


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org