Lingua   

En Granada

Carlos Cano
Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Preguntas
(Carlos Cano)
Bangladeshot hijrot gorilam boyonda ghor feli
(anonimo)
The Green Fields of England
(Peter Bellamy)


[1978]
Parole e musica di Carlos Cano
Nel suo album intitolato “Crónicas granadinas”
Testo trovato su Cancioneros.com

Crónicas granadinas

Sulla fine, la cacciata e le persecuzioni subite dai musulmani di Spagna si veda anche El bando
En Granada el agua
cuando la bebía
fiebre de palomas
por dentro subía.

Y vi mi tierra
mi pueblo vi.

Y a la luna blanca
rota por la espada,
un hombre llorando
y al fondo Granada.

Alläh Akbar
Hayy alá-l-falah.

Déjame vivir
ten piedad
cadena de mí.

La mano de hierro
que al mar señalaba
con un halcón negro
abriendo sus alas.

Y vi mi tierra
mi pueblo vi.

Vinieron revueltas,
los bosques ardieron,
quedó en la Alpujarra
Aben Humeya muerto. (*)

Alläh Akbar
Hayy alá-l-falah.

Déjame vivir
ten piedad
cadena de mí.

Pero ten piedad
cadena de mí
si a ti vivo unío
no me hagas sufrir.

Alläh Akbar
Hayy alá-l-falah.

Ay, las golondrinas
que se lleva el frío
al verlas volando
de pena suspiro.

Y vi mi tierra
mi pueblo vi.

Mirando a la luna
así le decía:
Lejos de Granada
yo me moriría.

Alläh Akbar
Hayy alá-l-falah.
(*) Con riferimento alla regione storica dell'Andalusia dove si concentrarono i musulmani dopo la caduta dell'emirato di Granada nel 1492. E' nell'Alpujarra che nel secolo successivo, negli anni che vanno dal 1568 al 1571, si sviluppò un forte sollevazione della consistente comunità musulmana. La rivolta fu stroncata nel sangue, con decine di migliaia di morti, deportati e ridotti in schiavitù. Negli anni successivi si consumò la definitiva cacciata e la diaspora morisca.



Aben Humeya (Fernando de Válor y Córdoba il suo nome spagnolo, Muhammad ibn Umayya quello musulmano) fu uno dei capi della rivolta nell'Alpujarra, ma nel 1569 fu trucidato dai suoi stessi seguaci e correligionari... (E mi pare – ma questo è un commento del tutto personale e forse un po' banale - che i musulmani oggi siano ancora fermi ad allora, alla guerra di sette, all'odio fra di loro, a dirigenze detestate e corrotte che ingannano ed opprimono i loro stessi popoli... Buon per noi, diversamente forse oggi il mondo sarebbe capovolto...)

inviata da Bernart Bartleby - 21/9/2017 - 21:48



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org