Lingua   

Li me' paroli

Pupi di Surfaro

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Soldatino
(Pupi di Surfaro)
Canto d'amuri
(Pupi di Surfaro)
La Sicilia camina
(Ignazio Buttitta)


LI ME’ PAROLI.
testo e musica di Salvatore Nocera
Il primo singolo.

Li me' paroli


Brano vincitore del Premio Andrea Parodi 2016, secondo al Premio Fabrizio De Andrè 2016, trionfatore al Tour Music Fest 2016.
La parte introduttiva cita Ignazio Buttitta (U pueta ‘nta chiazza).

È un brano schierato, di parte. Contro la globalizzazione. La massificazione della cultura. Contro la politica, la religione. Contro la società ipocrita e borghese. Contro la guerra, l'egoismo, il qualunquismo. Contro l'informazione falsa e la verità corrotta. Contro chi ci propina il progresso e ci rimane solo l'ignoranza. Contro le gabbie, le false libertà. Contro tutto. Solo per essere contro. Solo per non aderire a quegli ideali di mediocrità, di banalità, di identicità, che la società moderna ci vuole imporre. Solo per non essere belli, buoni e inoffensivi.
Braccianti, cumpagni,
omini e fimmini,
arrivà ‘u pueta.
Vi purtavu la virità,
pigliativilla.*

Li me’ paroli su’
bummi, bummi,
li me’ paroli.
Bummi, bummi,
li me’ paroli.

Cantati canzuni cu’ ‘a rima
pittinati cu’ ‘a scrima,
lu mari ‘n cartullina,
faciti castelli, castelli di rina,
castelli per aria,
siete voi ca scriviti la storia,
la memoria,
siete liberi, liberi per finta,
chiusi dintra a li vostri
mura di cinta.

Comodi davanti alla televisione,
combattete col telecomando
la rivoluzione.

Servi della gleba, servi della gleba,
servi della globalizzazione.
Patruna, sutta patruna,
sutta i patruna dell’informazione.

Scansativi, scantativi,
nun ci durmiti chiù,
sintiti trimari la terra
sutta li pedi, sutta li città,
sutta li vostri farsi virità…

Li me’ paroli su’
bummi, bummi,
li me’ paroli.
Bummi, bummi,
li me’ paroli.

Li me’ paroli su’
bummi, li me’ paroli
bummi siciliani
bon diki diki diki bon
diki bon.

Bon bon,
tricky tricky bon bon,
everybody throw bombs,
everybody throw bombs,
the bombs are my words,
the bombs are my words
siciliani,
siciliani true words.
Parole libere,
libera cultura,
li me’ paroli ti fanno paura.

Sono bandito dal coro,
nemico del progresso, vero rivoluzionario,
matita rossa a scuola dal toro,
dirotto la cultura, esplodo col vocabolario.
Sugnu simenza fori di la grasta,
sugnu vinu sinceru e ti fazzu la festa.
Forza, sparatimi a vista,
dugnu focu alla crusca,
sono terronista.

Contro la politica, la fede fanatica,
questioni di razza o di colore,
contro l’impero della falsità,
libertà,
li me’ paroli.

Servi della gleba, servi della gleba,
servi della globalizzazione.
Patruna, sutta patruna,
sutta i patruna dell’informazione.

Servi della gleba, servi della gleba,
servi della globalizzazione.
Massuna, schiavi del potere,
figli della mafia e della corruzione.

Scansativi, scantativi,
nun ci durmiti chiù,
sintiti trimari la terra
sutta li pedi, sutta li città,
sutta li vostri farsi virità…

Li me’ paroli su’
bummi, bummi,
li me’ paroli.
Bummi, bummi,
li me’ paroli.

Li me’ paroli su’
bummi, li me’ paroli
bummi siciliani
bon diki diki diki bon
diki bon.
* tratto da “‘U pueta ‘nta chiazza” di Ignazio Buttitta

inviata da Pupi di Surfaro - 11/8/2017 - 07:37


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org