Lingua   

Στὸν ἀδελφό μου Ὑπολοχαγὸ Γεώργιο Β. Παναγούλη

Alexandros (Alekos) Panagoulis / Αλέξανδρος (Αλέκος) Παναγούλης




Ti può interessare anche...

Τὸ πρῶτο θύμα
(Alexandros (Alekos) Panagoulis / Αλέξανδρος (Αλέκος) Παναγούλης)
Καὶ προχωρᾶμε
(Alexandros (Alekos) Panagoulis / Αλέξανδρος (Αλέκος) Παναγούλης)
Μάνες κλαίνε (Εδώ Πολυτεχνείον)
(Mihalis Tsangarakis / Μιχάλης Τσαγκαράκης)


Ston adelfó mou Ypolochagó Geórgio V. Panagoúli

[1974]
Da Vi scrivo da un carcere in Grecia / Μέσ' ἀπὸ φυλακὴ σᾶς γράφω στὴν Ἑλλάδα
Musica: Ennio Morricone
Vi scrivo da un carcere in Grecia, Artefact, 1974

vi scrivo


Vi scrivo da un carcere in Grecia (Μέσ' ἀπὸ φυλακὴ σᾶς γράφω στὴν Ἑλλάδα) è una raccolta poetica di Alexandros Panagulis pubblicata nel 1974 da Rizzoli Editore.

Il libro raccoglie componimenti scritti da Panagulis durante la sua carcerazione dal 1968 al 1973 sotto la dittatura greca. Le poesie, spesso molto brevi e composte in alcuni casi soltanto da incisive anafore, ricreano la crudezza e la violenza delle carceri in cui i colonnelli imprigionavano gli oppositori politici. Non è solo una questione stilistica, ma anche dovuta alla difficoltà nel reperire carta e penna per scriverle.

L'edizione italiana fu curata da Filippo Maria Pontani, Oriana Fallaci e Pier Paolo Pasolini, che scrisse la prefazione. Si scelse inoltre di mantenere il testo greco originale a fronte.

Il libro alla sua pubblicazione ebbe un discreto successo e alcune poesie di Panagulis furono poi musicate da Ennio Morricone nel 1974.

Ennio Morricone / Alessandro Panagulis ‎– "Non Devi Dimenticare"
Da Vi Scrivo Da Un Carcere In Grecia


tapiimata1" L'abitudine è la più infame delle malattie perché ci fa accettare qualsiasi disgrazia, qualsiasi dolore, qualsiasi morte. (...) La sera in cui avevi rinunciato a tentare di nuovo la fuga era successo ben questo. Era successo cioè quel che non avresti mai creduto possibile: gli spazi aperti e il verde e l'azzurro e la gente non ti mancavano più. (...) E tuttavia esisteva qualcosa che l'abitudine al buio, alla mancanza di spazio, alla monotonia non avevano spento: la tua capacità di sognare, di fantasticare, e di tradurre in versi il dolore, la rabbia, i pensieri. Più il tuo corpo si adeguava, si atrofizzava nella pigrizia, più la tua mente resisteva e la tua immaginazione si scatenava per partorire poesie. Avevi sempre scritto poesie, fin da ragazzo, ma fu in quel periodo che la tua vena creativa esplose: incontenibile. Decine e decine di poesie. Quasi ogni giorno una poesia, magari breve. Le scrivevi anche se Zakarakis ti sequestrava la carta e la penna, perché allora afferravi una lametta che tenevi da parte per questo, ti incidevi il polso sinistro, inzuppavi nella ferita un fiammifero o uno stecchino, e scrivevi col sangue su ciò che capitava: l'involucro di una garza, un pezzetto di stoffa, una scatola vuota di sigarette. Poi aspettavi che Zakarakis ti restituisse la carta, la penna, copiavi con calligrafia minutissima, attento a non sprecare un millimetro di spazio, piegavi il foglio ricavandone strisce sottili, e lo mandavi nel mondo a raccontare la fiaba di un uomo che neanche nell'abitudine cede. Gli stratagemmi erano vari: buttare i nastrini di carta nella spazzatura perché una guardia amica li raccogliesse, infilarli nelle cuciture dei pantaloni che mandavi a casa per lavare, farli scivolare addosso a tua madre quando veniva a trovarti. Prima però imparavi i versi a memoria, onde prevenirne lo smarrimento o la distruzione, e che battibecchi quando Zakarakis pretendeva di leggerli per censurarli o approvarli. "Dove li hai messi? Dammeli! Non lo sai che in carcere il direttore deve censurare qualsiasi scritto?" " Lo so ma non posso darteli, Zakarakis. Li ho chiusi nel mio magazzino." "Quale magazzino?! Voglio vedere il magazzino!" "Eccolo qui, Zakarakis" E indicavi la testa. " Non ci credo, fottuto bugiardo, non ci credo!" Avrebbe dovuto, al contrario, perché in quel magazzino avremmo trovato, anni dopo, tutte le poesie perdute o distrutte: per pubblicarle in un libro che molti pensavano fosse l'inizio di una carriera letteraria." - Da Un uomo di Oriana Fallaci.

Non devi dimenticare


1. Ἡ διεύθυνσή μου / Vi scrivo da un carcere in Grecia
2. Ξέσπασμα / Tempo di collera I.
3. Καὶ προχωρᾶμε / Andiamo avanti
4. Σκηνές - Μνῆμες / Scene e memorie
5. Νὰ τὸ ποτίσεις / Annaffialo
6. Πρέπει νὰ ζήσεις / Devi vivere
7. Ἡ πρόοδος / Il progresso
8. Τὸ γιατί / Perché?
9. Ἡ μπογιά / La tinta
10. Ταξίδι / Viaggio
11. Τὸ πρῶτο θύμα / La prima vittima
12. Ὑπόσχεση / Promessa
13. Νὰ θυμίσεις / Ricorda
14. Στὸν ἀδελφό μου Ὑπολοχαγὸ Γεώργιο Β. Παναγούλη / A mio fratello, tenente Giorgio Panagulis
15. Ξέσπασμα / Tempo di collera II.
16. Δὲν πρέπει / Nemesi
17. Canti della libertà
18. Improvvisazioni melodiche


Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testi originali
Filippo Maria Pontani Traduzioni italiane
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Adriana Asti Voce

Tranne:

1. Alessandro Panagulis Testo e voce

4. 10. 14. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Gian Maria Volonté Voce

9. 15. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Pier Paolo Pasolini Voce

17. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra

18. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Clara Murtas, Donatina De Carolis, Dodi Moscati Voci

Filippo Maria Pontani (1913-1983), il traduttore italiano delle poesie di Alexandros Panagoulis.
Filippo Maria Pontani (1913-1983), il traduttore italiano delle poesie di Alexandros Panagoulis.


Le traduzioni italiane di Filippo Maria Pontani sono riprese dal sito italiano dedicato a Alexandros Panagoulis
L'intera raccolta in greco delle poesie di Alexandros Panagoulis (Τὰ Ποιήματα) è liberamente scaricabile in formato .pdf da questa pagina Scribd.
Sono state inserite le note originali di Alexandros Panagoulis desunte dal volume.


Ἐσὺ στὴ σκέψη μου Ἀδελφὲ
ἀπόψε πάλι
καὶ σπέρνω στίχους
ἴσως κακότεχνους
μὰ δὲ μὲ νοιάζει
ἀφοῦ εἶναι ἀληθινοὶ
Αὐτὸ γιὰ μένα μοναχά
τώρα ἔχει σημασία

Θυμίσου Ἀδελφέ
παιδιὰ σὰν παίζαμε
μὲ ξύλινα τουφέκια
χτυπώντας τοὺς κακοὺς
ζητώντας
νὰ σπάσουμ' ἁλυσίδες
π' ἀκόμα τότε
δὲν εἴχαμε γνωρίσει

Θυμίσου πὼς τρέχαμε στοὺς κάμπους
πὼς ἀγαπούσαμε
τὰ ζῶα καὶ τὰ λουλούδια
πὼς παίζοντας
μὲ χάρτινες εἰκόνες
προσπαθούσαμε
πιὸ ὄμορφο νὰ δείξουμε τὸν κόσμο

Θυμίσου Ἀδελφέ μου
πὼς ἀγαπούσαμε τὴν θάλασσα
Ὅμοια ἡ θάλασσα μὲ τὴν ψυχὴ
(ἔτσι πιστεύαμε)
γι' αὐτὸ λατρεύαμε
τὴν ἀπεραντωσύνη της
καὶ τοὺς θυμούς της
καὶ τοῦ ἀφροῦ της τὴν ἁγνότητα
Καὶ στὶς ἀκρογιαλιὲς
ζητούσαμε τὸν Ἥλιο
ποὺ μᾶς ἀγκάλιαζε

Θὰ πίστευες ποτὲ ἀδελφὲ
πὼς γιὰ νὰ δῶ τὸν Ἥλιο τώρα
πρέπει νὰ κλείσω τὰ μάτια
Ναὶ ἀδελφέ μου
ἀνάμνησ' εἶν' ὁ ἥλιος μοναχὰ
γιὰ μένα τώρα
Ἀνάμνηση
ποὺ μὲ κλειστὰ τὰ μάτια ζωντανεύω
Τὴν ζωντανεύω δίνοντας ζωὴ
στὰ τόσα ὄνειρα ποὺ κάναμε

Προσπάθησε κι ἐσὺ Ἀδελφὲ
τὰ ὄνειρά μας πάλι νὰ τὰ δεῖς
ὅπως τὰ βλέπαμε μαζί
ἂς καυγαδίζαμε τόσο συχνὰ
γιὰ κάποιες λεπτομέρειες
Κι ἐσὺ κι ἐγὼ
εἴχαμε δίκιο
Ἔτσι ἢ ἀλλιῶς
τὸ ἴδιο ὄμορφα θὰ ἦταν
κι ἂς καυγαδίζαμε

Μὰ δὲν προσέξαμ' Ἀδελφὲ
πὼς δίπλα μας
ἐφκιάχναν ἁλυσίδες
γι' αὐτὰ τὰ ὄνειρα
Καὶ πὼς νὰ τὸ προσέξουμε;
Ἐμεῖς σκορπούσαμε ἀγάπη
κι ἀγάπη βλέπαμε παντοῦ
Ἐμεῖς ἐζούσαμε στὸ φῶς
αὐτοὶ δουλεύαν στὸ σκοτάδι

Τόσες ἀναμνήσεις Ἀδελφὲ
ποὺ κάθε μιά τους μοναχὰ
γιὰ μένα τώρα
ἀνάμνησ' εἶναι τῆς μορφῆς
ποὺ ἐσὺ εἶχες τότε
Ναὶ Ἀδελφέ μου
μορφὲς δικές σου οἱ αναμνήσεις μου
κι ἀνάμεσα τους διαφορὰ
μονάχα μία
αὐτὴ ποὺ χάραζε
ὁ χρόνος στὸ κορμί μου

Εἴμαστ' ἀδέλφια Ἀδελφὲ
ἀλλὰ καὶ φίλοι
Φίλοι καὶ ἀδέλφια
Καὶ τὴν ἀγάπη μας
μὲ λόγια ντύνοντάς την
νὰ ξεφτυλίσουμε
ποτὲ δὲν τὸ θελήσαμε
Τῆς κάθε μέρας ἡ ρουτίνα
τ' ἁπλὰ τὰ ἴδια λόγια
τὰ λόγια τὰ καθημερινὰ
οἱ ἁπλὲς κινήσεις τῆς ζωῆς
π' ἀνάγκες τὶς γεννᾶνε
κι αὐτοὶ οἱ θυμοί μας
κι ἡ σιωπὴ
μιλούσανε ξεκάθαρα γι' ἀγάπη
Ναὶ Ἀδελφὲ
τὸ νιώθαμε τόσο καλὰ αὐτὸ
μὲ τόσε σιγουριὰ
ποὺ τής ἀγάπης ἡ χαρὰ
συνήθεια εἴτανε γιὰ μᾶς

Στὸ πέρασμα τοῦ χρόνου
ἦρθε κι ἐκείνη ἡ Ἄνοιξη
γεμάτη φῶς κι ἐλπίδες
σὰν κάθε Ἄνοιξη
Ὅμως τὴν δολοφόνησαν
Προδότες, πρόστυχοι, δειλοὶ
χλωμὲς πυγολαμπίδες
τὴ θέση τοῦ Ἥλιου νόμισαν
νὰ πάρουν πὼς μποροῦν
Κι ἔσβησ' ὁ Ἥλιος ἀδελφὲ
πλάκωσε τὸ σκοτάδι
Καὶ στὸ σκοτάδι τὸ ἔγκλημα
ποιός τάχα θὰ τὸ δεῖ;
Μέσα στὸ σύννεφο ποὺ ὅλους μας ἐτύλιξε
ὁ ἕνας τὸν ἄλλο πῶς θὰ βρεῖ;
Ποιό δρόμο θὰ τραβήξουμε;
Ποιό δρόμο ἐγώ;
Ποιό δρόμο ἐσύ;
Ποῦ τάχα θὰ βρεθοῦμε;

Πολλοὶ οἱ δρόμοι
ποὺ εὐκολοπάτητα
κανεὶς περνᾶ
κι αὐτὸ τὸ ἤξερες
σὰν ἦρθ' ἡ ὥρα
π' ὅλα τὰ τύλιξε
πυκνὸ σκοτάδι
Μὰ ἐσὺ τίμιος
μόνος ἐδιάλεξες
τὴν ἀνηφόρα
τοῦ Γολγοθᾶ
Στὰ μέρη βρέθηκες
π' ἄλλοτε πάτησε
θεῖο ποδάρι
Ἐκεῖ περπάτησες
κι ἐκεῖ ἐπόνεσες
ὅπως μαθαίνω
Οἱ μάγοι σώθηκαν
τέτοιους δὲ βρῆκες
αὐτὸ τὸ ξέρω
Μὰ οὔτε βοσκοὶ
πιὰ δὲν ὑπάρχουνε
στὰ μέρη ἐκεῖνα;
Φάτνη δὲ βρῆκες
μέσα νὰ μπεῖς
νὰ ξαποστάσεις;
Ποιόν τέλος πάντων
τότε κατόρθωσες
νὰ συναντήσεις;
Αὐτὸν ποὺ λάτρευες
γιὰ λίγο κάποτε
Θεὸ νομίζοντας;
Αὐτὸν π' ἀργότερα
σὰν εἶδες ἄνθρωπο
πάλι τὸν θαύμαζες;
Αὐτὸν ποὺ θέλησε
ν' ἀλλάξει κάποτε
αὐτὸν τὸν κόσμο;
Αὐτὸν ποὺ ὑπόφερε
γιατὶ ἀρνήθηκε
πάντα τὸ μίσος;
Αὐτὸν ποὺ πρόδωσαν
αὐτοὶ π' ἀγάπησε
καὶ τὸν σταυρῶσαν;
Αὐτὸν ποὺ θἄτρεχες
ἐσὺ σὰν Σίμωνας
νὰ τὸν βοηθήσεις;
Αὐτὸν συνάντησες
ἢ τάχ' αὐτοὺς ποὺ τὸν σταυρῶσαν;
Ξέρω Ἀδελγὲ
μὴν ἀπαντᾶς
Ἀρκεῖ γι' ἀπάντηση
τώρα ἡ σιωπὴ
Γιὰ τιμωρία φτάνει
παντοτινὴ ντροπὴ
Ντροπὴ ποὺ δέχτηκαν
ἐσένα νὰ προσφέρουνε
στοὺς δήμιους Δῶρο

Μνῆμες τοῦ Ἄουσβιτς
καὶ τοῦ Νταχάου
Μορφὲς Ἑβραίων
ποὺ σιγολυώνατε
μέσα στὸ φόβο
ἐσᾶς ποὺ κλάψαμε
τόσοι ἀνθρῶποι
σ' ὅλο τὸν κόσμο
καὶ ποὺ τὰ δάκρυα
σᾶς ξαναδώσανε
πάλι πατρίδα
Ντραπεῖτε τώρα
κάποια παιδιά σας
δὲν εἶναι ἄξια
νἄχουν πατρίδα

Ὅσοι ἀμφιβάλλουν
νὰ ζοῦσαν θἄπρεπε
κάποιες στιγμὲς
ποὺ οἱ δήμιοι πίστεψαν
πὼς εἶχε φτάσει
σ' αὐτοὺς τὸ Δῶρο
Τότε θὰ βλέπαν
ἀναστημένα
πάλι τὰ Ἒς – Ἒς
καὶ βρυκολάκων
χορὸ στημένο
γύρω στὸ Θύμα

Ἀκόμα Ἀδελφέ μου
σ' αὐτόν τὸν Ἀγώνα
π' ἀρχίσαμε τότε
τὸ μαῦρο σκοτάδι
μ' αἷμα ζητᾶμε
νὰ κάνουμε φῶς
ὁ Ἥλιος νὰ λάμψει
παρήγορα πάλι
ν' ἀνθίσουν λουλούδια
στὴ Γῆ μας ξανὰ
πρὶν φτάσει ὁ πόνος
κι ὅσους μπόρεσαν
νἄχουν ἀκόμα
τὰ μάτια στεγνὰ

Μὰ ἡ μοῖρα αὐτῶν
ποὺ ὅλο ζητᾶνε
πι' ὄμορφους κόσμους
ἴδια θὰ μείνει Ἀδελφὲ
Τ' ἀστέρευτο δάκρυ
ποὺ πάντα στὰ μάτια
αὐτῶν ἀναβρύζει
σὰν βάλσαμο στάζει
σ' ἄλλων πληγὲς
Αὐτὴ κι ἡ μοῖρα σου Ἀδελφὲ

Αὐτὴ κι ἡ μοῖρα μας
καὶ δὲν τὴν βλαστημᾶμε
Αὐτὴ ἡ μοῖρα μας
κι ἐμεῖς τὴν ἀγαπᾶμε

Γράφτηκε Νοέμβρη τοῦ 1971 στὴν ἀπομόνωση στὸ Μπογιάτι. Ἀπὸ τὸν Νοέμβρη τοῦ 1967 εἶναι ἀγνοούμενος ὁ ἀδελφός μου, ὑπολοχαγὸς τοῦ Ἑλληνικοῦ Στρατοῦ, Γεώργιος Παναγούλης. Μετὰ τὸ πραξικόπημα τὸ 1967 τὸν καταζητοῦσε ἡ Χούντα γιατὶ λιποτάχτησε ἀρνούμενος νὰ ὑπηρετήσει μιὰ Δικτατορία. Προσχώρησε ἀμέσως στὴν “Ἑλληνικὴ Ἀντίσταση”.
Χρειάστηκε νὰ βγεῖ στὸ ἐξωτερικὸ γιὰ λόγους ὀργανωτικούς. Πέρασε κολυμβώντας τὸν ποταμὸ Ἕβρο καὶ βρέθηκε στὴν Τουρκία. Στὴ συνέχεια πέρασε κρυφὰ τὰ σύνορα Τουρκίας-Συρίας. Στὴ Δαμασκὸ τὸν συνέλαβε ἡ Συριακὴ Ἀστυνομία γιατὶ δὲν εἶχε διαβατήριο, ὅταν τοῦ ζητήθηκε σὲ κάποιον ἔλεγχο. Ἀπέδρασε ἀπὸ τὰ κρατητήρια τῆς Ἀστυνομίας τῆς Δαμασκοῦ καὶ πέρασε στὸ Ἰσραὴλ μὲ σκοπὸ νὰ ταξιδέψει ἀπὸ τὴ Χάϊφα γιὰ τὴν Ἰταλία μὲ ἕνα ἑλληνικὸ καράβι. Στὴ Χάϊφα τὸν συνέλαβαν οἱ Ἰσραηλῖτες καὶ τὸν παραδώσανε στὴ Χούντα. Ἐνώ τὸν μετεφέρανε στὸν Πειραιὰ μὲ τὸ ὑπερωκεάνειο “Ἄννα-Μαρία” διέρρεξε τὸ φινιστρίνι τῆς καμπίνας καὶ ὅταν τὸ ὑπερωκεάνειο πλησίαζε στὸν Πειραιὰ ρίχτηκε στὴ θάλασσα. Ἡ ἀπόδραση του ἔγινε ἀντιληπτὴ μετὰ ἀπὸ ἀρκετὴ ὥρα. Κινητοποιήθηκε ὁλόκληρος ὁ μηχανισμὸς τῆς Χούντας γιὰ τὴν ἀνεύρεσή του. Χωρὶς κανένα ἀποτέλεσμα ὅμως. Σημειωτέον ὅτι τὸ Ἰσραὴλ τὸν παρέδωσε χωρὶς καμιὰ δίκη στοὺς φασίστες συνταγματάρχες τῆς Ἀθήνας. Ἀκόμα πρέπει νὰ σημειώσω ὅτι ἡ Ἑλλάδα δὲν διατηρεῖ διπλωματικὲς σχέσεις μὲ τὸ Ἰσραήλ. Δὲν τὸ ἔχει ἀναγνωρίσει ἀκόμα !!!...

inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" - 5/5/2017 - 12:45



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Filippo Maria Pontani
(Letta da Gian Maria Volonté nel disco)
A MIO FRATELLO, TENENTE GIORGIO PANAGULIS

Stasera tu di nuovo
nel mio pensiero
e semino versi
forse senz'arte
ma non ha importanza
Poiché sono veri
questo solo per me
ha significato

Ricordi fratello
quando giocavamo ragazzi
con fucili di legno
picchiando i cattivi
chiedendo
di rompere catene
che a quel tempo ancora
non conoscevamo

Ricordi come correvamo nei campi
come amavamo
gli animali e i fiori
come giocando
con figure di carta
tentavamo
di far parere il mondo più bello

Ricordi fratello mio
come amavamo il mare
simili il mare e l'anima
(così credevamo)
per questo adoravamo
la sua infinitezza
e la sua furia
E la castità
della sua schiuma
Poi nelle spiagge
cercavamo il sole
che ci abbracciava

Avresti mai creduto fratello
che per vedere il sole
ora devo chiudere gli occhi
Sì fratello mio
per me il sole ora
non è che ricordo
Il ricordo a cui
do vita con occhi chiusi
risuscitando
tanti sogni che facevamo

Tenta anche tu fratello
di vedere i nostri sogni
nuovamente
come li vedevamo insieme
Litigheremmo assai spesso
per semplici inezie
e tu e io
avremmo ragione
Così o non così
sarebbero belli lo stesso
i nostri litigi

Noi non ci accorgevamo fratello
che accanto a noi
fabbricavano catene
per questi sogni
E come potevamo accorgercene?
Noi seminavamo amore
dappertutto vedevamo amore
Noi vivevamo nella luce
loro lavoravano nel buio

Tanti ricordi fratello
ognuno è adesso per me
il volto che avevi allora
Sì fratello mio
ogni momento del tuo volto
è ricordo
e fra quei momenti
solo una differenza
questa che il tempo
segna sul corpo

Eravamo fratelli, fratello
ma anche amici
amici e fratelli
e non insultavamo
il nostro amore
adornandolo di parole
Il grigiore di ogni giorno
le solite piatte parole
le parole quotidiane
gli scarni gesti della vita
e quelle nostre rabbie
e il silenzio
parlavano chiaramente d'amore
Sì fratello
lo sentivamo tanto bene
ed eravamo così sicuri
che la gioia dell'amore
era per noi abitudine

Nel trascorrere del tempo era venuta
anche quella primavera
piena di luce e di speranze
come ogni primavera
Ma ce l'ammazzarono
Traditori prostituti vigliacchi
pallide lucciole
credevano di poter prendere
il posto del sole
E s'è spento il sole fratello
è piombato il buio
Nel buio il delitto
chi dunque lo vedrà?
Dentro la nuvola
che tutti ci avvolge
l'uno come troverà l'altro?
Che strada imboccheremo?
Che strada io
che strada tu
dove ci ritroveremo?

Molte le strade
che con facilità
uno percorre
E questo lo sapevi
quando è venuta l'ora
che tutto avvolge
in densa oscurità
Ma tu onesto
hai scelto
la salita del Golgota
Ti trovavi nel paese
che un tempo era calpestato
dal piede divino
Laggiù camminavi
e laggiù soffrivi
come ho saputo
I Magi non esistono più
non li hai trovati
questo lo so
Ma nemmeno pastori
esistono più
da quelle parti?
Non hai trovato presepi
dentro cui entrare
per riposarti?
Allora chi
infine potevi
incontrare?
Colui che un tempo
hai adorato
credendolo Dio?
Colui che dopo
hai amato ancora
quando l'hai scoperto uomo?
Colui che un tempo
voleva cambiare
questo mondo?
Colui che soffriva
perché negava
sempre l'odio?
Colui che fu tradito
da coloro che amava
e messo in croce?
Colui da cui saresti accorso
come un Simone
per aiutarlo?
Hai incontrato lui
o coloro che lo crocifissero?
Lo so fratello
non rispondi
La tua risposta
è ora il tuo silenzio
E il loro castigo
è la loro vergogna per sempre
La vergogna d'aver accettato
di offrirti ai boia
in regalo

Memorie di Auschwitz
e di Dachau
ombre di ebrei
che lentamente vi scioglievate
dentro la paura
Voi per cui tutti nel mondo
piangevamo le lacrime
che vi hanno dato
di nuovo una patria
abbiate ora vergogna
Certi vostri figli
non meritano
d'avere una patria

Quelli che dubitano
dovrebbero vivere
gli istanti in cui
i boia credevano
che fosse arrivato
nelle loro mani il regalo
E allora vedrebbero
risorgere le SS
come fantasmi
danzanti
intorno alla vittima

Ancora fratello mio
in questa lotta
che incominciammo allora
al buio nero
col sangue chiediamo
di farci luce
Il sole splende
per consolare di nuovo
per far sbocciare fiori
sulla nostra terra, di nuovo
Il dolore arriva prima
per coloro che hanno saputo
trattenere le lacrime
negli occhi asciutti

Ma il destino di quelli
che accaniti chiedono
mondi più belli
non muterà fratello
Le lacrime infinite
che ancora negli occhi
di loro zampillano
stagnano come un balsamo
nelle ferite degli altri

Questo è anche il tuo destino fratello
questo è anche il nostro destino
e non lo bestemmiamo
Questo è il nostro destino
e noi lo amiamo

Scritta nel novembre 1971 in isolamento a Bogiati. Dal novembre del 1967 risulta disperso mio fratello, Georgios Panagoulis, tenente dell'Esercito Greco. Dopo il colpo di stato del 1967 era ricercato dalla Giunta perché aveva disertato, rifiutandosi di servire una dittatura. Entrò immediatamente nella “Resistenza Ellenica”.
Doveva andare all'estero per motivi organizzativi. Passò a nuoto il fiume Evros e si ritrovò in Turchia. Poi attraversò di nascosto il confine tra la Turchia e la Siria. A Damasco fu arrestato dalla polizia Siriana perché non aveva passaporto, quando glielo avevano chiesto durante un controllo. Evase dalla cella di sicurezza della polizia di Damasco e passò in Israele per viaggiare con una nave greca da Haifa in Italia. A Haifa fu arrestato dagli israeliani, che lo consegnarono alla Giunta. Mentre lo stavano trasferendo al Pireo a bordo del transatlantico “Anna Maria”, ruppe il finestrino della cabina, e quando il transatlantico si stava avvicinando al Pireo, si gettò in mare. La sua evasione fu scoperta dopo qualche ora. Tutto il meccanismo della giunta si mise in moto per ricercarlo, ma senza alcun risultato. Assai significativo il fatto che Israele lo aveva consegnato del tutto illegalmente ai colonnelli fascisti di Atene. Devo ancora far notare che la Grecia non intrattiene relazioni diplomatiche con Israele. Ancora non lo ha riconosciuto!!!
[1]
[1] Trad. RV

inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" - 5/5/2017 - 12:49


Inviterei particolarmente, a parte naturalmente la poesia, a leggere la lunga nota apposta da Alessandro Panagoulis stesso e che racconta la storia di suo fratello. E' una storia di cinquant'anni fa, ma credo che abbia tuttora molto da dire al "presente"; anche per questo, la presente pagina viene ascritta anche al percorso sui Disertori. La storia di Giorgio Panagoulis non ha avuto nessun lieto fine, come quella di suo fratello. Non è stato mai più ritrovato. In compenso, la Grecia ha allacciato "relazioni diplomatiche" con Israele, che consegnò Giorgio Panagoulis ai fascisti greci.

Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" - 5/5/2017 - 13:12


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org