Lingua   

Ciant' d' lo spatrià

Corale Nuova Provenza


Lingua: Romanza (Altra) (Francoprovenzale Daunio / Daunian Franco-Provençal)


Ti può interessare anche...

La Pernette
(anonimo)
La Barillaise
(Riccardo Scocciante)


A Faeto, in provincia di Foggia, un paesino con poco più di 600 abitanti. Vent'anni dopo la morte di Federico II, avvenuta nel 1250, gli Angioini inviarono un corpo di cavalieri scelti per annientare l'ultimo drappello di soldati saraceni fedeli all'imperatore svevo. Così nacquero Faeto e Celle di San Vito, dove ancora oggi giovani e anziani parlano la lingua di quei cavalieri: il franco-provenzale. Faeto e Celle di San Vito rappresentano aree linguistiche molto particolari perché la lingua che si parla non è semplice francese, ma il francese che si parlava ottocento anni fa. Molte associazioni attive sul territorio cercano di preservare l'utilizzo del franco-provenzale. E da qualche anno anche la Provincia ha istituito anche uno sportello per la salvaguardia della lingua, favorendo la pubblicazione di libri in lingua e invitando studiosi da tutto il mondo.

Repubblica.it

"Bisogna aver vissuto personalmente o almeno seguito da vicino le vicende dei nostri emigranti per comprendere il dramma che si cela dietro il fatto esterno del loro esodo. Il loro calvario è cominciato con la partenza, la quale ha significato distacco dalle persone e dai luoghi più cari, famiglie divise, proprietà abbandonate, rapporti di fraternità e di amicizia - che avevano nutrito la propria infanzia e la propria giovinezza - infranti. Ed il calvario è continuato nei luoghi di arrivo. Questi hanno nomi diversi, ma i problemi da affrontare sono sostanzialmente gli stessi: la durezza del lavoro dipendente(dopo anni di lavoro autonomo nei campi), la difficoltà di inserirsi nei nuovi ambienti, il senso di solitudine in mezzo a folle di persone sconosciute e diverse, la pena di sentirsi considerati sempre come "stranieri", come "meridionali"...Questo è stato - ed è tuttora - il costo umano e spirituale della nostra emigrazione. Sono migliaia questi nostri fratelli partiti.
Il coro vuole dare anche ad essi una voce, cercando di interpretare la delicateza dei loro sentimenti e la profondità della loro intima sofferenza. Le strofe descrivono la psicologia dolente dell'esule e l'accorata nostalgia con cui sente ancora il legame con la propria terra. Nel ritornello tali sentimenti vengono trasformati in preghiera: gli esuli, quasi chiamandosi a raccolta - come fratelli - da tutti i punti della terra, si rivolgono al Dio dei loro padri, affinché si accompagni al loro lungo e faticoso camminare e li consideri ancora come un popolo."
P'tutt' l' vi d' lu munn' n' stun ciam'nan:
n' sun nuss' partì p' truhà sul' un piezz' d' pan.
L' tòpp' d' la ppatria nnôt' i s'vant' tri bèll';
ma is' a sfamà tant' bucc' i s'vant' purèll'.

Sbalià p' la tèr'
frar', 'nzèn n' pr'iun:
O Ddìj' d' lo paj' nnôt' ,
ch' tutt' t' vaj' ,
p'l' vi d' lu munn'
sul' laj'sc'na pa maj .
Lo cuôr' i sunt' stanch'
d' lu lungh' ciammin' ;
S'gnor', gli'é lu tin
sti pop'l': scòrd'ta pa.
Rèst' do nuss' ,S'gno!

Un giuôr' n'avun tutt' l'scià: l' arma nnôt' i piarav'.
Ammich' , paren e paìj' ...tutt' un munn' o mancav' .
E jor' d'ssò a tutt' lo sier' spatrià nuss' n' stun:
lo pa ch' jant' maj' lo pi nnôt' lo sat' mancun.

Sbalià p' la tèr'
frar', 'nzèn n' pr'iun:
O Ddìj' d' lo paj' nnôt' ,
ch' tutt' t' vaj' ,
p'l' vi d' lu munn'
sul' laj'sc'na pa maj .
Lo cuôr' i sunt' stanch'
d' lu lungh' ciammin' ;
S'gnor', gli'é lu tin
sti pop'l': scòrd'ta pa.
Rèst' do nuss' ,S'gno!

D' nchié st' c'ttà tutt' l' cciuôs' i sdlampiunt' a lo sìj';
ma lo call' a l' man,la sià i cunt'nuunt' a saglìj' ;
e 'nchiòcch' a ciach' cunt' o rrest' l'affann' d' lu ccuôr :
n' sun sdrad'ccà d' ciannù e icchì n' sun stranier':

Sbalià p' la tèr'
frar', 'nzèn n' pr'iun:
O Ddìj' d' lo paj' nnôt' ,
ch' tutt' t' vaj' ,
p'l' vi d' lu munn'
sul' laj'sc'na pa maj .
Lo cuôr' i sunt' stanch'
d' lu lungh' ciammin' ;
S'gnor', gli'é lu tin
sti pop'l': scòrd'ta pa.
Rèst' do nuss' ,S'gno!

E spiss' , g'rian 'nchié la ttêt' s' 'ncant' lu p'nsìj':
i pas' lo mmar' e lo sier' e luntan' s'infìj' ...
i cuôrr' a Fait', lu règn' d' lo suaj'm' nnôt' :
s'ulir' illé vulà cumma scej' , ma ando s'est sa sta sôt'.

inviata da dq82 - 26/3/2017 - 18:15



Lingua: Italiano

Traduzione in italiano dal sito della Corale
Per tutte le strade del mondo stiamo peregrinando:
siamo partiti solo per trovare un pezzo di pane.
I monti della nostra patria erano bellissimi,
ma erano poveri per sfamare tante bocche.

Dispersi sulla terra,
fratelli, insieme preghiamo:
O Dio dei nostri padri,
che tutto vedi,
Per le strade del mondo
non lasciarci mai soli.
I cuori sono stanchi
del lungo cammino;
Signore, è tuo
questo popolo: non dimenticarlo.
Resta con noi, Signore!

Un giorno abbiamo lasciato tutto: la nostra anima piangeva.
Amici, parenti e paese...tutto un mondo veniva meno.
Ed ora, sotto tutti i cieli, esuli noi siamo:
i passi che hanno fatto i nostri piedi nessuno li conosce.

Dispersi sulla terra,
fratelli, insieme preghiamo:
O Dio dei nostri padri,
che tutto vedi,
Per le strade del mondo
non lasciarci mai soli.
I cuori sono stanchi
del lungo cammino;
Signore, è tuo
questo popolo: non dimenticarlo.
Resta con noi, Signore!

In queste città tutte le cose abbagliano gli occhi,
ma i calli alle mani, il sudore continuano a venir fuori;
e, al di sopra di ogni fatto, resta l'affanno del cuore:
siamo sradicati dalle nostre case e qui siamo stranieri.

Dispersi sulla terra,
fratelli, insieme preghiamo:
O Dio dei nostri padri,
che tutto vedi,
Per le strade del mondo
non lasciarci mai soli.
I cuori sono stanchi
del lungo cammino;
Signore, è tuo
questo popolo: non dimenticarlo.
Resta con noi, Signore!

E spesso, girovagando con la mente, il pensiero s'incanta;
travalica i mari ed il cielo e fugge lontano ...
corre a Faeto, il regno dei nostri sogni:
si vorrebbe volare lì come uccelli, ma bisogna restare dove si è.

inviata da dq82 - 26/3/2017 - 18:19


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org