Lingua   

Atu mai pensà

Gianluigi Secco


Lingua: Italiano (Veneto Settentrionale, Bellunese)


Ti può interessare anche...

Piccola Ballata dell’Infibulazione
(Anna Luppi)
Mary Read
(Duncan McFarlane)


[2008-09]
Scritta da Gianluigi Secco e Mario Viel
Nel disco di Gianluigi Secco intitolato “Prove di pazzia senile”
Testo in bellunese e traduzione italiana tratti dall'Archivio delle Tradizioni Orali del Veneto (ATOV)



Gianluigi Secco (Belluno, 1946-) è etnomusicologo e gastronomo, presidente di SORAIMAR, associazione culturale per la promozione della conoscenza e diffusione delle culture locali, con sede ad Asolo.
Il nome di Gianluigi Secco è indissolubilmente legato a quello del musicista e polistrumentista Giorgio Fornasier (Belluno, 1947-) con il quale per molti anni ha condiviso l'esperienza del duo musicale dialettale “I Belumat” (che significa “I Bellunesi”)
Atu mai pensà
de trovarte ma ti
te n logo distante
in medo a dente foresta
che parla na lengua diversa
che no i à sori∫o par ti
e i te varda co difidenza…

Atu mai pensà
de trovarte ma ti
e te n mar de paure
pensar na vo∫e fraterna
che se seca e consuma ogni dì
che frande la ponta de l cor
e i ricordi la nega in tempesta…

Atu mai pensà
de trovarte ma ti
co l to mu∫o parà contro n mur
e tre omi da drio che fa festa
che i é là che i decide de ti
par chi ultimo resta
a ∫basarte l'ultima cresta…

Fursi no te sa
gnanca che vol dir libertà
ti che i te à comprà,
co no i te à vendest o robà,
ti che no te sa
se l dolor cusì fis che te à
a l é l unico toc tóo restà
sul sponción de na stela picà
in te l scuro de l ànema
anemaaaa
anemaaaa
anemaaaa

Atu mai pensà
cosa mai che vol dir libertà
ai to bosc a i to prà
a quel mondo lasà par de là
al confin de la to ingenuità
scancelada ogni to identità
des che i te à despoià
che n minuto o na vita no l à
pì na fregola de umanità
de anemaaaa
anemaaaa
anemaaaa

inviata da Bernart Bartleby - 21/1/2017 - 20:40



Lingua: Italiano

HAI MAI PENSATO

Hai mai pensato
di trovarti da sola
in un luogo distante
tra gente straniera
che parla una lingua diversa
che non hanno un sorriso per te
e ti guardano con diffidenza…

Hai mai pensato
di trovarti da sola
e in un mar de paure
pensare a una voce fraterna
che si secca e consuma ogni dì
che frange la punta del cuore
e i ricordi annega in tempesta…

Hai mai pensato
di trovarti da sola
col tuo muso spinto contro un muro
e tre uomini di dietro che fanno festa
che son là a decidere di te
su chi ultimo resterà
ad abbassare la tua ultima cresta…

Furse neppure sai
cosa vol dire libertà
te che hanno comperata
se non venduta o rubata
te che non sai
se il dolore così fitto che hai
sia l’unico pezzo tuo rimasto
appeso a una punta di stella
nel buio dell’anima
animaaaaa
animaaaa
animaaa

Hai mai pensato
cosa mai vuol dire libertà
ai tuoi boschi, ai tuoi prati
a quel mondo lasciato di là
al confine della tua ingenuità
cancellata ogni tua identità
adesso che ti hanno spogliato
che un minuto o una vita non hanno
più un briciolo di umanità
di animaaaaa
animaaaa
animaaa

inviata da Bernart Bartleby - 21/1/2017 - 20:41


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org