Lingua   

Ballata del Ciel che s’è sbregà

Massimo Bubola
Lingua: Italiano (veneto)


Ti può interessare anche...

Se questo amore è un treno
(Massimo Bubola)
Studenti e operai
(Gualtiero Bertelli)
Rosso su verde
(Massimo Bubola)


2006
Tre Ballate per Thiene
Tre Ballate per Thiene

1492, un anno che segna un confine e che indica l’inizio di un’epoca nuova: il Rinascimento italiano. Un periodo straordinario, durante il quale si è sviluppato il culto per il bello, una predisposizione che ha contrassegnato per sempre la nostra storia, creando una situazione privilegiata. Spetta all’Italia l’onore di avere nel suo territorio più del 50% dei tesori d’arte della terra. Solo in Veneto sono state costruite più di 4.000 ville e dimore storiche. Un numero significativo che rende, agli occhi dei turisti, unico ogni borgo, preziosa ogni città. Gli ospiti amano respirare la fragranza del luogo, riempirsi gli occhi di immagini nuove e percepire suoni diversi. Desiderano che tutti i sensi vengano coinvolti nell’esperienza. E questo emerge in modo evidente durante la Rievocazione Storica: la partecipazione emotiva è forte.
All’inizio del 2006 è stata valutata l’opportunità di approfondire l’aspetto musicale dell’evento. Si ricercava un’espressione di originalità, arricchita da un po’ di genialità.
Dopo il concerto tenuto in febbraio a Thiene da Massimo Bubola è stato individuato nel cantautore veneto l’elemento che poteva rendere ulteriormente prestigiosa la Rievocazione Storica.
L’Amministrazione Comunale di Thiene ha quindi incaricato l’artista veronese di produrre tre ballate che ricordassero gli eventi del 1492. Il risultato è stato ottimo: musica straordinaria, testi validi, con mescolanze di dialetto e lingua colta.
Dentro c’è rinascimento, cultura veneta, proverbialità e dunque sapienzialità. E ancora: folclore, storia, radici. Un’atmosfera quale i vecchi cantastorie sapevano trasmettere. Le tre ballate, che s’intitolano La storia di Fiordalisa, Ballata de la Guera e Ballata del Ciel che s’è sbregà, parlano di Thiene con la voce, con le note, con le parole di uno dei maggiori cantautori a livello europeo.
Thiene 1492
Tiro le campane me ciamo Nane
Tiro co’ l’arco me ciamo Marco
Tiro co’ la spada contro na carega
Tiro col canòn me ciamo Pierobòn.
Tiro la carta, portame fortuna
Tiro la corda, salta su la luna
Tiro na naranza, la diventa el sole
Tiro delle note e piove zò parole.

Tira de chì e tira de là
Come na coverta el cielo s’è sbregà
El buta fumo e fogo
E fiame da vulcan
scolta questa guera senti sto bacàn.

Tira de chi e tira de là
Come na coverta el cielo s’è sbregà
El buta fumo e fogo
E fiame come un drago
Varda questa guera granda come un lago.

Tiro col balestro, me ciamo Ernesto
Tiro su ‘l stendardo, mi só Edoardo
Scavo la trincea, me ciamo Andrea
Fasso el mercenario, me ciamo Dario
Entro nelle mura, no gò paura
Entro nel castelo senza el me cortelo
Mi no fasso danni, mi me ciamo Zani
Tiro su el leòn sora quel penòn.

Tira de chì e tira de là
Come na coverta el cielo s’è sbregà
El buta fumo e fogo
E fiame da vulcan
scolta questa guera senti sto bacàn.

Tira de chi e tira de là
Come na coverta el cielo s’è sbregà
El buta fumo e fogo
E fiame come un drago
Varda questa guera granda come un lago.

Tiro le campane che torna Nane
Tiro in alto l’arco che torna Marco
Tiro drio la spada dentro la contrada
Tiro col canòn sucaro e vin bon.

Tira de chì e tira de là
Come na coverta el cielo s’è sbregà
El buta fumo e fogo
E fiame da vulcan
scolta questa guera senti sto bacàn.

Tira de chi e tira de là
Come na coverta el cielo s’è sbregà
El buta fumo e fogo
E fiame come un drago
Varda questa guera granda come un lago.

inviata da dq82 - 18/1/2017 - 17:18


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org