Lingua   

Per a libertà

L'Arcusgi


Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

Cantu per Nelson Mandela
(Tavagna)
A paghjella di l'impiccati
(A Filetta)


[1989]
Testo e musica: L'Arcusgi
Lyrics and Music: L'Arcusgi
Paroles et Musique: L'Arcusgi
Album: Resistenza

L'Arcusgi

arcupasq


Jean-Pierre Bonci
Jean-Christophe Bastiani
Louis Franceschi
Pierre Bracci
Anthony Battesti
Nicolas Giustiniani
Guillaume Savelli
Jean-Marc Camurati
Laurent Ducatillon
Mathieu Camurati
Jean-Paul Peretti
"Pilou" Barque


arcuresi
Tù chì sì stat'un ghjornu inghjuliatu per difend'a to libertà
Nun pensà più ch'ai straziatu i to penseri lascia un pocu stà
Nun ti lagnà più nant'u to passatu ti sì battutu per pudè megliu stà
E pens'appena ch'indè questu mondu ci sò chì morenu per a libertà

Veni cù mè porghji la manu em'a cantà em'a cantà
Perch'elle compiinu in lu mondu sanu
L'offese à la libertà.

Ascolt'un pocu tù caru fratellu in certi lochi luntanu culà
Ci sò di l'omi si so mess'arritti ma l'hanu chjosi per l'eternità
Senza pudè difend'e so idee l'anu tumbati senza pietà
Eranu tant'omi fieri e so morti per a lihertà.

Veni cù mè porghji la manu em'a cantà em'a cantà
Perch'elle compiinu in lu mondu sanu
L'offese à la libertà.

E ghjè per quessa chì ti dicu un piantà mai di luttà
Canteremu per i nostri fratelli scunsulati per sempre culà
Ch'e nostre voce saltin'e fruntiere chì manc'u piombu le possi parà
Per falle sente scalend' in lu celu ci vole à luttà ci vole à luttà.

Veni cù mè porghji la manu em'a cantà em'a cantà
Perch'elle compiinu in lu mondu sanu
L'offese à la libertà.

inviata da adriana - 2/2/2007 - 19:02



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
18 novembre 2013
PER LA LIBERTA'

Tu che sei stato un giorno incarcerato per difendere la tua libertà
Non pensare più d'avere straziato i tuoi pensieri, lascia un po' stare
Non ti lamentare più del tuo passato, ti sei battuto per potere star meglio
E pensa solo che in questo mondo c'è chi muore per la libertà

Vieni con me, porgi la mano, cantiamo, cantiamo
Perché cessino nel mondo intero
Le offese alla libertà.

Ascolta un po', caro fratelli, in qualche posto lontano laggiù
Ci sono uomini, si sono sollevati ma li hanno rinchiusi per sempre
Senza che possano difendere le loro idee li hanno abbattuti senza pietà
Erano tanti uomini fieri e sono morti per la libertà

Vieni con me, porgi la mano, cantiamo, cantiamo
Perché cessino nel mondo intero
Le offese alla libertà.

Ed è per questo che ti dico: non smettere mai di lottare
Canteremo per i nostri fratelli sconsolati per sempre laggiù
Che le nostre voci passino le frontiere, che neanche il piombo le possa fermare
Per farle sentire salendo in cielo, bisogna lottare, bisogna lottare

Vieni con me, porgi la mano, cantiamo, cantiamo
Perché cessino nel mondo intero
Le offese alla libertà.

18/11/2013 - 15:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org