Lingua   



Lingua: Yiddish


Ti può interessare anche...

מלחמה
(Avrom Reyzen [Abraham Reisen] / אברהם רױזען)
Village Ghetto Land
(Stevie Wonder)
ניט קײן ראָזשינקעס, ניט קײן מאַנדלען
(Dovid Beyglman [David Beygelman] / דויד בײגלמאַן)


Rumkovski Khayim
[1940]
Testo / Lyrics: Yankele Hershkowitz
Musica / Music: Morris Goldstein [?]

Nota testuale. Il testo completo in caratteri ebraici non è presente in rete ed è stato ricostruito arbitrariamente a partire dalla trascrizione in caratteri latini reperibile in rete e proposta originariamente per questa pagina. Tale trascrizione rispecchia però caratteristiche e varianti locali dello yiddish polacco, e presenta inoltre diversi errori e refusi che sono stati emendati. La ricostruzione del testo in caratteri ebraici è stata condotta però in yiddish standard, per cui è stata approntata una ulteriore trascrizione che la riproduce. Come testo della canzone deve valere quello presentato nella trascrizione originale corretta. [RV]


Una delle canzoni più conosciute del ghetto di Łódź e viene riportata da tutti i sopravvissuti. La canzone è citata da Rachmil Brycks da Der Kayser in geto (L'imperatore nel ghetto), in cui racconta che veniva cantata accompagnata dal battito di mani e podoritmia. Brycks ne riporta anche un'ulteriore versione da una recita di bambini Chava Rosenfarb ne riporta una versione nella trilogia Der boim fun lebn (1972) (L'albero della vita). Raccolta da Gila Flam nel 1984 dalla voce di Yaakov Rotenberg (si veda עס איז אַ קלאָג). È stata poi registrata dal gruppo Klezmer Brave Old World nel loro album Song of the Łódź Ghetto (2006). Ripresa poi anche day Klezroym.

rumko


Khayim Rumkowski (o Chaim Rumkowski) è una canzone satirica su Chaim Rumkowski e altri leader del ghetto di Łódź, Chaim Weitzmann e Chaim Perzerkowski. Rumkowski fu il discusso e ambiguo capo del ghetto di Łódź, industriale, trasformò il ghetto in una perfetta industria al servizio dei tedeschi, esercitando un potere dispotico, anche organizzando trasferimenti nei campi di sterminio, forse credendo in un "male minore" per poter salvare più vite possibile. Il servigio reso ai tedeschi fu indiscutibile, visto che il ghetto di Łódź fu l'ultimo ad essere smantellato. Lui stesso morì ad Auschwitz, rimane il dubbio, se fosse sopravvissuto, se avrebbe ricevuto gli onori come salvatore o piuttosto se sarebbe stato trattato da collaborazionista.

Weitzmann fu un leader Sionista. Perzerkowski era il becchino del ghetto. Nel testo è soprannominato "Khayim der graber" che con un gioco di parole si riferisce sia all'aspetto fisico (yid: grober=grasso) che alla professione (ted: Gräber = becchino). Perzerkowski morì a Łódź poco dopo la fine della guerra nel 1945



Klezroym
Yankele nel ghetto (2009)


Yankele nel ghetto


Yankele nel Ghetto è l'elaborazione originale in forma di suite delle Canzoni del Ghetto di Łódź raccolte nel libro di Gila Flam: "Singing for survival, Songs of the Łódź Ghetto,1940-45", University of Illinois Press.

L’album dei KlezRoym raccoglie e rielabora le canzoni che Gila Flam, direttrice del Dipartimento di Musica e della Fonoteca di Stato dell’Università di Gerusalemme, ha ricostruito insieme ai superstiti, intervistandoli, accogliendo i loro ricordi, riannodando liriche e note preservate nella memoria di chi le ha cantate per sopravvivere. Molte di queste canzoni erano inedite, altre erano già state eseguite in pubblico.

I KlezRoym hanno così lavorato sulle liriche e le melodie di Yankele Hershkowitz, cantore di strada, di Miriam Harel, membro di un’organizzazione giovanile, e di David Beygelman, direttore musicale del teatro della Casa della Cultura. La popolazione del ghetto di Łòdź, tra i primi a essere istituiti, e l'ultimo a essere smantellato, tenuta a lavorare per l’esercito tedesco, privata di qualsiasi rapporto con il mondo esterno, di cibo e libertà, nelle strade, presso le riunioni dei movimenti giovanili, sul lavoro, nella Casa della Cultura, ha trovato nella musica un modo per esprimersi, per eludere le censure, per mantenersi libera creando un mondo e un tempo che trascendesse e al contempo parlasse della realtà. Le canzoni, molte delle quali composte da Hershkowitz (lo Yankele cui fa riferimento il titolo dell'album), erano frutto di creazioni originali o rielaborazioni di fonti prebelliche, attingevano alla tradizione klezmer, alla cultura ebraica dell’Europa dell’Est, accogliendo le influenze della musica zigana… erano proprio per questo famigliari, con i loro testi spesso in yiddish mantenevano un legame con le tradizioni, con le abitudini che riportavano ai giorni precedenti la guerra, anche se le liriche non rinunciavano a raccontare il presente.
losthighways.it

Intro (from "װײַל איך בין אָ ייִדעלע/Vayl ikh bin a yidale")
עס איז אַ קלאָג/Es iz a klug
Yankele nel ghetto
רומקאָװסקי חײם/Rumkovski khaym
Yankele nel ghetto #2
איך פֿור אין קעלצער קאַנט/Ikh fur in keltser kant
קאַלט: אַ לידל פֿון לאָדזשער געטאָ 1945/Kalt: a lid fin lodzger getto, 1945
Sakharin finf a marek
ציגײַנערליד/Tsigayner lid
Vayl ikh bin a yidale
פּאַפּיראָסן/Papirosn/nishtu kain przydziel
Kalt #2
?װער קלאַפּט עס/Ver klapt dos azoy shpet bay nakht?
ניט קײן ראָזשינקעס, ניט קײן מאַנדלען/Nit kayn rozhinkes, nit kayn mandlen
Finale (from "Vayl ikh bin a yidale,")



ייִדעלעך זײַנען געבענטשט מיט חײם,
חײם לעולם מװת,
חײם פֿון בית החײם,
רומלאָװסקי חײם מיט זײַן גרױסן נס.
ער מאַכט דיך נסים אױ,
יעדן טאָג אַזױ,
געװאַלד צו שרײַען, אױ, אױ, אױ,
יעדער אײַנער פֿרײגט:
אַ צװײַטע שאלה, אױ,
זאָגט ער חײם 'ס איז גוט אַזױ!

װײַל ער איז אונדזער חײם,
ער געט אונדז קלײַען,
ער געט אונדז גרױפּן,
ער געט אונדז מן.
פֿאַרצײַטנס האַבן די מידבר ייִדן געגעסן מן,
הײַנט עסט שױן יעדער װײַב איר מאַן.
רומקאָװסקי חײם האָט גוט געטראַכט,
געאַרבעי שװער בײַ טאָג, בײַ נאַכט,
געמאַכט אַ געטאָ אין אַ דיעטאָ
אין ער שרײַט געװאַלד אַז ער איז געראַכט!

חײם װײַצמאַן האָט געזאָגט:
אַז ער װיל די ייִדן אין פּאַלעסטינאַ האָבן.
האָט זײַ געהײַסן אַקערנ זײען,
ער האָט זײַ דאָרטן גוט באַגראָבן.
אָבער אונדזער חײמם,
רומקאָװסקי חײם,
ער געט אונדז יעדן טאָג שירײם:
אײַנער אַ שטוק ברױט,
און צװײַטן אַ שטוק פֿערד
מע לײגט בײַ אם אױך טיף אין דרערד.

װײַל ער איז אונדזער חײם,
ער געט אונדז קלײַען,
ער געט אונדז גרױפּן,
ער געט אונדז מן.
פֿאַרצײַטנס האַבן די מידבר ייִדן געגעסן מן,
הײַנט עסט שױן יעדער װײַב איר מאַן.
רומקאָװסקי חײם האָט גוט געטראַכט,
געאַרבעי שװער בײַ טאָג, בײַ נאַכט,
געמאַכט אַ געטאָ אין אַ דיעטאָ
אין ער שרײַט געװאַלד אַז ער איז געראַכט!

דער דריטער חײם פֿון בית החײם,
האָט מיט מלאך המװת אַ געט געשעפֿט געמאַכט:
עש זאָל אים צושטעלן מתים װאָס מער,
ער זאָל אים צושטעלן בײַ טאָג, בײַ נאַכט.
האָט זיך דער מלאך המװת גענומען
צו דער אַרבעט שנעל
ער מאַכט פון יעדן גיבור אױ אַ תל:
ער מאַכט דאָס פֿלינק,
ער מאַכט דאָס גוט,
ער מאַכט די גאַנצער געטאָ שװאַך און מיד.

װײַל ער איז אונדזער חײם,
ער געט אונדז קלײַען,
ער געט אונדז גרױפּן,
ער געט אונדז מן.
פֿאַרצײַטנס האַבן די מידבר ייִדן געגעסן מן,
הײַנט עסט שױן יעדער װײַב איר מאַן.
רומקאָװסקי חײם האָט גוט געטראַכט,
געאַרבעי שװער בײַ טאָג, בײַ נאַכט,
געמאַכט אַ געטאָ אין אַ דיעטאָ
אין ער שרײַט געװאַלד אַז ער איז געראַכט!

אין אַ זומער טאָג,
געװײזן איז אַ טאָג אַ הײַסער,
גײט רומקאָװסקי אין דער גאַס,
ער זעט דיך אױס װי אַ קײסער.
אַ העלע אַנצוג, אױ,
און טונקעלע ברילן,
פּאַליצײַ אַרום באַװאַכט.
איך זאָג אױך גאָר
אונדזער קײסער האָט גראָר האָר,
לעבן זאָל ער גאַנצע הונדערט יאָר!

װײַל ער איז אונדזער חײם,
ער געט אונדז קלײַען,
ער געט אונדז גרױפּן,
ער געט אונדז מן.
פֿאַרצײַטנס האַבן די מידבר ייִדן געגעסן מן,
הײַנט עסט שױן יעדער װײַב איר מאַן.
רומקאָװסקי חײם האָט גוט געטראַכט,
געאַרבעי שװער בײַ טאָג, בײַ נאַכט,
געמאַכט אַ געטאָ אין אַ דיעטאָ
אין ער שרײַט געװאַלד אַז ער איז געראַכט!

רומקאָװסקי חײם, דער עלצטער ייִדע,
איז אָנגעשטעלט בײָ די געסטאַפּאָ.
מיר ייִדעלעך זײַנען זײַנע ברידער,
און ער פֿאַרזאָרגט אונדז די פּאַפּאָ.
ער מאַכט דיך נסים אױ,
יעדן טאָג אַזױ,
געװאַלד צו שרײַען, אױ, אױ, אױ,
יעדער אײַנער פֿרײגט:
אַ צװײַטע שאלה, אױ,
זאָגט ער חײם 'ס איז גוט אַזױ!

inviata da dq82 (+ CCG/AWS Staff) - 27/7/2016 - 18:21




Lingua: Yiddish

La trascrizione in caratteri latini in base ai criteri YIVO condotta sul testo in Yiddish standard
Romanized Lyrics according to YIVO principles, conducted upon the lyrics in standard Yiddish

lodzstamp

Nel ghetto di Łódź (Litzmannstadt in tedesco) era previsto anche un servizio postale "riservato" agli ebrei ("Judenpost", posta ebraica). Nell'immagine un francobollo da 5 pfennig con l'immagine di Chaim Rumkowski.
A postage service for Jews was also provided in the Łódź (Litzmannstadt) ghetto ("Judenpost", Jewish Postage). Here's a 5 pfennig stamp with Chaim Rumkowski's image.
RUMKOVSKI KHAYIM

Yidelekh zaynen gebentsht mit Khayim,
Khayim leolam moves,
Khayim fun beys hakhayim,
Rumkovski Khayim mit zayn groysn nes.
Er makht dikh nisim oy,
Yedn tog azoy,
Gevald tsu shrayen oy, oy, oy,
Yeder ayner freygt
A tsvayte shayle, oy,
Zogt er Khayim 's iz gut azoy!

Vayl er iz undzer Khayim,
Er get undz klayen,
Er get undz groypn,
Er get undz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot gut getrakht,
Gearbet shver bay tog, bay nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht! [1]

Khayim Vaytsman hot gezogt:
Az er vil di yidn in Palestina hobn.
Hot zay gehaysn akern zeyen,
Er hot zay dortn gut bagrobn.
Ober undzer Khayiml,
Rumkovski Khayim,
Er get undz yedn tog shrayim:
Ayner a shtuk broyt,
Un tsvaytn a shtuk ferd,
Me leygt bay eyem oykh tif in drerd.

Vayl er iz undzer Khayim,
Er get undz klayen,
Er get undz groypn,
Er get undz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot gut getrakht,
Gearbet shver bay tog, bay nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

Der driter Khayim fun beys hakhayim,
Hot mit malekh hamoves a gut gesheft gemakht:
Er zol im tsushteln meysim vos mer,
Er zol im tsushteln bay tog, bay nakht.
Hot zikh der malekh hamoves genumen
Tsu der arbet shnel
Er makht fun yedn giber oy a tel:
Er makht dos flink,
Er makht dos gut,
Er makht di gantser geto shvakh un mid.

Vayl er iz undzer Khayim,
Er get undz klayen,
Er get undz groypn,
Er get undz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot gut getrakht,
Gearbet shver bay tog, bay nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

In a zumer tog,
Geveyzn iz a tog a hayser,
Geyt Rumkovski in der gas,
Er zet dikh oys vi a keyser.
A hele antsug, oy,
Un tunkele briln,
Politsay arum bavakht.
Ikh zog oykh gor
Undzer keyser hot gror hor,
Lebn zol er gantse hundert yor!

Vayl er iz undzer Khayim,
Er get undz klayen,
Er get undz groypn,
Er get undz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot gut getrakht,
Gearbet shver bay tog, bay nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

Rumkovski Khayim, der eltster yide,
Iz ongeshtelt bay di Gestapo.
Mir yidelekh zaynen zayne brider,
Un er farzorgt undz di papo.
Er makht dikh nisim oy,
Yedn tog azoy
Gevald tsu shrayen oy, oy, oy!
Yeder ayner freygt:
A tsvayte shayle, oy!
Zogt er Khayim 's iz gut azoy!
[1] In questo unico caso è stata qui mantenuta la variante locale gerakht (al posto dello standard gerekht); uniformandola, si sarebbe persa la rima con nakht.

inviata da Riccardo Venturi - 10/8/2016 - 10:06




Lingua: Yiddish

La trascrizione in caratteri latini in base alla pronuncia e alle varianti locali (riscritta in base ai criteri YIVO)
Romanized lyrics according to pronunciation and local variants (rewritten according to YIVO principles)

Deportazione dal ghetto di Łódź. La foto è di Mendel Grosman, il fotografo ufficiale dello Judenrat.
Deportazione dal ghetto di Łódź. La foto è di Mendel Grosman, il fotografo ufficiale dello Judenrat.


Nota. Come già specificato nell'introduzione, la presente trascrizione è stata mantenuta in quanto rispecchia l'effettiva pronuncia locale (in particolare, il passaggio di [u] tonica e atona ad [i] è regolare, così come quello di [o] atona ad [u]). La trascrizione conteneva però numerosi errori e refusi veri e propri, che sono stati corretti.
RUMKOVSKI KHAYIM

Yidalekh zaynen gebentsht mit Khayim,
Khayim leolam muves,
Khayim fin beys hakhayim,
Rumkovski khayim mit zayn groysn nes.
Er makht dekh nisim oy,
Yeydn tug azoy,
Gevald tsi shrayen oy,oy,oy,
Yeyder ayner freygt
A tsvayte shayle, oy,
Zugt er Khayim s’iz git azoy!

Vayl er iz indzer Khayim,
Er get indz klayen,
Er get indz gropn,
Er get indz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot git getrakht,
Gearbet shver bay tug by nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

Khayim Vaytsman hot gezugt:
Az er vil di yidn in Palestina hobn.
Hot zay gehaysn akern zeyen,
Er hot zay dortn git bagrubn.
Ober indzer Khayiml
Rumkovski Khayim,
Er get indz yeydn tug shrayim:
Ayner a shtik broyt,
In tsvaytn a shtik ferd,
Me leygt bay eyem oykh tif in drerd.

Vayl er iz indzer Khayim,
Er get indz klayen,
Er get indz gropn,
Er get indz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot git getrakht,
Gearbet shver bay tug by nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

Der driter Khayim fin beys ha’khayim,
Hot mit malekh hamuves a git gesheft gemakht:
Er zol im tsishtelm maysim vus mer,
Er zol im tsishteln bay tug bay nakht.
Hot zekh der malekh hamuves genimen
Tsi der arbet shnel
Er makht fin yedn giber oy a tel:
Er makht des flink,
Er makht des git,
Er makht di gantser geto shvakh in mid.

Vayl er iz indzer Khayim,
Er get indz klayen,
Er get indz gropn,
Er get indz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot git getrakht,
Gearbet shver bay tug by nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

In a zimer tug,
Geveyzn iz a tug a hayser,
Geyt rumkovski in der gas,
Er zet dekh oys vi a keyser.
A hele antsug, oy,
In tinkele briln,
Politsay arum bevakht.
Ikh zug aykh guer
Indzer keyser hot gruer huer,
Lebn zol er gantse hindert yuer!

Vayl er iz indzer Khayim,
Er get indz klayen,
Er get indz gropn,
Er get indz man.
Fartsaytns hobn di midber yidn gegesn man,
Haynt est shoyn yeder vayb ir man.
Rumkovski Khayim hot git getrakht,
Gearbet shver bay tug by nakht,
Gemakht a geto in a dyeto
In er shrayt gevald az er iz gerakht!

Rumkovski Khayim der eltster yude,
Iz ungeshtelt by di Gestapo.
Miye yidalakh zaynen zayne bruder,
In er farzorgt indz di papo.
Er makht dekh nisim oy,
Yeydn tug azoy
Gevald tsi shrayen oy,oy, oy!
Yeyder ayner freygt:
A tsvayte shayle, oy!
Zugt er Khayim s’iz git azoy!

inviata da Dq82 + RV - 10/8/2016 - 10:22




Lingua: Italiano

Traduzione integrale italiana di Riccardo Venturi
10/11 agosto 2016

rumkowar


Due parole del traduttore. L'immagine scelta per accompagnare questa traduzione è un avviso del 14 gennaio 1942, firmato da Chaim Rumkowski, con il quale si ordina la deportazione (il termine tecnico è Aussiedlung, "delocazione") di una data quantità di persone dal ghetto di Litzmannstadt (Łódź). L'avviso è bilingue, in tedesco e in yiddish. La traduzione, come di consueto, è condotta scrupolosamente alla lettera ed è provvista di note (stavolta abbastanza numerose, per la particolarità del testo).
CHAIM RUMKOWSKI [1]

Per gli Ebrei Chaim è una benedizione, [2]
Vita e morte per la gente [3],
Chaim cimiteriale [4],
Chaim Rumkowski, gran taumaturgo. [5]
Lui ogni giorno, eh,
Ti fa miracoli, tanti
Da farti urlare: Gevald!, eh, eh, eh, [6]
Ma ognuno poi ci ha da fare
Un'altra domanda [7],
E Khayim dice che va bene lo stesso!

Perché lui è il nostro Chaim, [8]
Lui ci dà la crusca,
Lui ci dà l'orzo,
Lui ci dà la manna. [9]
Un tempo gli ebrei nel deserto [10] mangiarono la manna,
Ora ogni moglie si mangia il proprio marito. [11]
Chaim Rumkowski ci ha pensato bene,
Ha lavorato duro giorno e notte,
Ha messo il ghetto a dieta
E grida, gevald!, che ha ragione.

Chaim Weizmann [12] ha detto
Che vuole gli Ebrei in Palestina.
Ha detto loro di arare e seminare
E ce li ha seppelliti ben bene! [13]
Ma il nostro Chaimuccio,
Chaim Rumkowski,
Ci dà gli avanzi tutti i giorni: [14]
A uno un pezzo di pane,
All'altro un pezzo di carne di cavallo, [15]
E ci spedisce tutti quanti in fondo all'inferno. [16]

Perché lui è il nostro Chaim,
Lui ci dà la crusca,
Lui ci dà l'orzo,
Lui ci dà la manna.
Un tempo gli ebrei nel deserto mangiarono la manna,
Ora ogni moglie si mangia il proprio marito.
Chaim Rumkowski ci ha pensato bene,
Ha lavorato duro giorno e notte,
Ha messo il ghetto a dieta
E grida, gevald!, che ha ragione.

Il terzo Chaim cimiteriale
Ha fatto un buon affare con l'angelo della morte: [17]
Gli fornirà sempre più morti,
Glieli fornirà giorno e notte.
E così l'angelo della morte
Si è messo al lavoro di buona lena,
E concia per le feste ogni eroe:
Lo fa in un batter d'occhio,
Lo fa ammodino,
E tutto il ghetto lo indebolisce e stanca.

Perché lui è il nostro Chaim,
Lui ci dà la crusca,
Lui ci dà l'orzo,
Lui ci dà la manna.
Un tempo gli ebrei nel deserto mangiarono la manna,
Ora ogni moglie si mangia il proprio marito.
Chaim Rumkowski ci ha pensato bene,
Ha lavorato duro giorno e notte,
Ha messo il ghetto a dieta
E grida, gevald!, che ha ragione.

In un giorno d'estate,
Ed era un giorno caldo,
Rumkowski se ne va per la strada,
Ti sembra proprio un imperatore.
Con un vestito chiaro, eh,
E occhiali scuri,
La polizia lo scorta.
E vi dico proprio,
Il nostro imperatore ha i capelli grigi,
Che possa vivere per cento anni!

Perché lui è il nostro Chaim,
Lui ci dà la crusca,
Lui ci dà l'orzo,
Lui ci dà la manna.
Un tempo gli ebrei nel deserto mangiarono la manna,
Ora ogni moglie si mangia il proprio marito.
Chaim Rumkowski ci ha pensato bene,
Ha lavorato duro giorno e notte,
Ha messo il ghetto a dieta
E grida, gevald!, che ha ragione.

Chaim Rumkowsi, l'anziano degli Ebrei,
E' stato ingaggiato dalla Gestapo.
Noialtri ebreucci siamo i suoi fratelli,
E lui ci fornisce la pappatoria.
Lui ogni giorno, eh,
Ti fa miracoli, tanti
Da farti urlare: Gevald!, eh, eh, eh,
Ma ognuno poi ci ha da fare
Un'altra domanda,
E Khayim dice che va bene lo stesso!
[1] Nella traduzione si mantiene il nome nella grafia polacca.

[2] Alla lettera: “Gli Ebrei (“ebreucci”) sono benedetti con Chaim” (il verbo bentshn “benedire” è un antichissimo prestito romanzo nello yiddish, che testimonia della sua primitiva formazione nella terra di frontiera franco-tedesca). Iniziano subito, qui, i continui e voluti doppi sensi sul nome di Rumkowski: Chaim significa “vita” in ebraico, ed è termine comune anche in yiddish accanto al germanismo lebn.

[3] E, infatti, qui chaim [khayim] è usato in senso proprio nell'espressione (interamente ebraica) dal significato di “avere potere di vita o di morte su tutti” (olam in ebraico significa propriamente “mondo”).

[4] Alla lettera, “Chaim dal/del cimitero”. Da notare che, in ebraico, il “cimitero” è la “casa della vita” (בית החײם ).

[5] Alla lettera, “Chaim Rumkowski col suo gran miracolo” (nes “miracolo” è ebraico).

[6] La comunissima esclamazione yiddish gevald! è stata lasciata non tradotta; alla lettera significa “forza, violenza” (ted. Gewalt).

[7] Il termine ebraico שאלה [shayle] indica propriamente la domanda di carattere rituale che si rivolge al rabbino (Rumkowski era un rabbino), ad esempio per stabilire se un cibo sia o meno kosher, o se una data cosa sia permessa il sabato.

[8] A costo di ripetersi, si fa notare che, nell'andamento amaramente ironico di questo testo, il verso ha il doppio senso di “Perché lui è la nostra vita”. Il fatto che nell'alfabeto ebraico non esistano maiuscole e minuscole acuisce il continuo doppio senso (le maiuscole nelle trascrizioni sono del tutto arbitrarie).

[9] O, come si direbbe comunemente, “è una manna dal cielo”. In questo modo, ironicamente, Rumkowski è equiparato a Dio stesso (fu Dio che, nella Bibbia, mandò la manna dal cielo al popolo di Israele che stava avvicinandosi al Monte Sinai per ricevere la Torah, Esodo 16.14-18).

[10] Si potrebbe intendere anche come gli “Ebrei abbandonati, derelitti” (lo stesso termine latino desertus ha il medesimo significato).

[11] Il doppio senso, altamente ironico, non è qui traducibile: il termine per “manna”, l'ebraico man, si scrive in grafia non vocalizzata [מן], ma è del tutto omofono con il termine yiddish (tedesco) per “uomo, marito”, man (scritto [מאַן]). Il popolo di Israele si sfamò con la “man” dal cielo mandata da Dio, nel ghetto invece la moglie si mangia il suo man dalla fame.

[12] Chaim Azriel Weizmann ( [in ebraico: חיים עזריאל ויצמן ] (1874-1952 , nato a Motal nell'odierna Bielorussia, è stato un eminente biochimico, leader sionista e primo presidente dello stato di Israele. Suo figlio, Ezer Weizmann, è stato pure presidente di Israele.

[13] Il fatto che Weizmann abbia “seppellito gli Ebrei in Palestina” è senz'altro una connotazione polemica antisionista. L'opposizione ebraica militante al sionismo aveva connotazioni resistenziali, che ben si esprimono in questo testo; lo stesso Rumkowski era un leader sionista.

[14] Nelle note alla traduzione inglese si avverte che il termine shrayim [shirayem] indicherebbe la “parte del significato” che un rabbino chassidico “lascia” ai suoi seguaci; ma qui il termine ha il significato di semplici “avanzi”. Da notare che il singolare del termine, [sheyres], oltre al comune significato di “resto, avanzo”, può indicare il “sopravvissuto all'Olocausto”.

[15] La carne di cavallo è impura per gli Ebrei (non è quindi kosher): gli Ebrei quindi hanno l'alternativa tra andare all'inferno mangiando un cibo proibito, oppure morire di fame.

[16] Qui l' “all'inferno” è espresso mediante una tipica espressione yiddish, [in drerd], propriamente la contrazione del dativo femminile [in der erd] “nella terra, sottoterra”.

[17] Nella cultura ebraica, l' “angelo della morte” [malekh hamoves] ha spesso la funzione del “babau”. Lo scrittore Israel Joshua Singer ricorda (ne “La pecora nera”) che tale espressione poteva persino indicare il controllore sui treni.




11/8/2016 - 11:57




Lingua: Inglese

Traduzione inglese da
Jewish/Non-Jewish Relations

English Translation from
Jewish/Non-Jewish Relations


Dipinto celebrativo di Chaim Rumkowski "salvatore del ghetto", di Izrael Lejzerowicz, pittore del ghetto di Łódź. A celebrative painting of Chaim Rumkowski "saviour of the ghetto", by the Łódź ghetto painter Izrael Lejzerowicz.
Dipinto celebrativo di Chaim Rumkowski "salvatore del ghetto", di Izrael Lejzerowicz, pittore del ghetto di Łódź. A celebrative painting of Chaim Rumkowski "saviour of the ghetto", by the Łódź ghetto painter Izrael Lejzerowicz.
RUMKOWSKI CHAIM

Jews are blessed with Chaim [1]
Life unto death
Chaim from the House of Life [2]
Rumkowski Chaim with his great miracle
He performs miracles every day
Enough to make you cry ‘Gevalt’
Everyone’s asking a different question
But Chaim just says ‘Everything is fine!’

But our Chaim is great
He gives us bran
He gives us barley
He gives us manna
In times gone by, Jews ate man (manna) in the desert
Today every wife is eating her own man
Rumkowski Chaim thought it through well
Worked hard by day and night
He created a ghetto with a diet (food store)
And he cries ‘gevalt’ that he is right. [3]

Chaim Weitzmann said
He wanted Jews to go to Palestine
He told them to plow and to sow
He sent them all to hell! [4]
But our Chaim, Rumkowski Chaim [5]
He gives us the leftovers every day
One person gets a piece of bread
Another a piece of horsemeat [6]
He’s sending the whole ghetto to hell

But our Chaim is great
He gives us bran
He gives us barley
He gives us manna
In times gone by, Jews ate man (manna) in the desert
Today every wife is eating her own man
Rumkowski Chaim thought it through well
Worked hard by day and night
He created a ghetto with a diet (food store)
And he cries ‘gevalt’ that he is right.

The third Chaim from the House of Life
Made a good deal with the Angel of Death
He should provide him more and more corpses
He should provide them day and night
So the Angel of Death
Got to work right away
He makes a mess out of every hero
He does it quickly
He does it well
He makes the whole ghetto weak and tired.

But our Chaim is great
He gives us bran
He gives us barley
He gives us manna
In times gone by, Jews ate man (manna) in the desert
Today every wife is eating her own man
Rumkowski Chaim thought it through well
Worked hard by day and night
He created a ghetto with a diet (food store)
And he cries ‘gevalt’ that he is right.

On a summer day
A hot day
Rumkowski goes through the streets
Looking like an emperor
A light coloured suit
And dark glasses
Surrounded by police
I tell you, folks
Our emperor has grey hair
May he live to be a hundred [7]

But our Chaim is great
He gives us bran
He gives us barley
He gives us manna
In times gone by, Jews ate man (manna) in the desert
Today every wife is eating her own man
Rumkowski Chaim thought it through well
Worked hard by day and night
He created a ghetto with a diet (food store)
And he cries ‘gevalt’ that he is right.

Rumkowski Chaim, the Eldest of the Jews
Is employed by the Gestapo
We Jews are his brothers
And he supplies us food
He makes miracles,
Every day
For heaven’s sake oy, oy, oy
Everyone asks
A second question oy
Chaim says: It’s good this way!
[1] Chaim means literally "life", then the meaning becomes such as King (that has power of Death and Life)

[2] The cemetery

[3] Here is a comparison between Rumkowski and Moses, like Moses Rumkowski gave food to his people, but Israel people in the desert did not died by starvation

[4] Weitzmann was a Sionist leader

[5] the Jewish word shiraym refers to the part of the meaning that a Hassidic Rebbe leader to his followers

[6] horsemeat is not kosher. Probably people goes to hell or by starvation or by eating something forbidden (here is a contrast between religion prescriptions and body's necessity)

[7] not the traditional 120 (meaveesrim), maybe it is like to tell him to die as soon as possible




inviata da dq82 - 27/7/2016 - 18:23




Lingua: Yiddish

Versione di Rachmil Bryks [Yerakhmiel Briks, ירכמיאל בריקס] da Der keyzer in geto (דער קײזער אין געטאָ ,"L'imperatore del ghetto") in cui descrive un gruppo di bambini che canta questa versione durante una recita in strada.

Yerakhmiel Briks [Rachmil Bryks]
Yerakhmiel Briks [Rachmil Bryks]


Yerakhmiel Briks was born in Skarzhisk (Skarżysko-Kamienna), Poland. He received a traditional Jewish education. As a youth he moved to Lodz, did a variety of different types of work, and acted in the Yiddish theater studio. He survived the Lodz ghetto and Auschwitz. From mid-1945 he was living in Sweden and in 1949 moved to New York. He began by writing poetry, later switching primarily to prose. He debuted in print with a poem in Inzl (Island) in Lodz. After the war he published in an array of serials in the Yiddish world press: Tog (Day), Forverts (Forward), Zamlungen (Anthologies), Yidishe kultur (Jewish culture), Amerikaner (American), and Unzer tsayt (Our time)—in New York; Lebns-fragn (Life issues), Nayvelt (New world), and Letste nayes (Latest news)—in Tel Aviv; Keneder odler (Canadian eagle) and Idishe zhurnal (Jewish journal) in Canada; Dorem-afrike (South Africa) and Afrikaner idishe tsaytung (African Jewish newspaper) in Johannesburg; Unzer veg (Our way), and Naye prese (New press) in Paris; and Der veg (The way) in Mexico City, among others. Among his books: Yung grin may (Young, green May), poetry (Lodz, 1939), 46 pp.; Af kidesh hashem un andere dertseylungen (For the sanctification of God’s name and others stories)—including his story “A kats in geto” (A cat in the ghetto)—(New York: Bukh-komitet, 1952), 144 pp., new editions (1953, 1954, 1956), translated into Hebrew as Al kidush hashem, sipurim (For the sanctification of God’s name, stories) by Elchanan Indelman (New York, 1970), 176 pp.; Der “keyser” in geto, novele (The “emperor” of the ghetto, a novel) (New York: Bukh-komitet, 1961), 247 pp., second edition (1963); Geto fabrik 76, poeme (Ghetto factory 76, a poem) (New York: Blokh, 1967), 55, 56 pp.—in Yiddish and English; Di papirene kroyn, novele (The paper crown, a novel), part two of Der “keyser” in geto (New York: Blokh, 1969), 199 pp.; Di vos zaynen nisht geblibn, dertseylungen (Those who did not make it, stories) (New York-Tel Aviv: Bukh-komitet, 1972), 133 pp.; Di antloyfers, fun gsise tsum lebn, memuarn fun getos un katsetn (Those who escaped, from the agony of death to life, memoirs of ghettos and concentration camps) (New York, 1975), 272 pp. Translations of his work include: A Cat in the Ghetto, trans. S. Morris Engel (New York, 1959); Ḥatul bageto (Cate in the ghetto), trans. Elchanan Indelman (New York, 1966)—these include as well translations of Af kidesh hashem. A full series of translations of individual stories by Briks have been rendered into various languages. He died in New York.
רומקאָװסקי חײם
ער געט אונדז מים,
ער געט אונדז פֿעפֿער,
ער געט אונדז סם
'ר האָט געמאַכט אַ געטאָ מיט אַ דיעטאָ
'ר האָט געמאַכט אַ געטאָ מיט אַ מעטאָ
און ער שרײַט
אז ער איז גערעכט!

inviata da Dq82 + RV - 2/8/2016 - 13:19




Lingua: Yiddish

Doppia trascrizione della precedente strofa:
1. Secondo i criteri YIVO e in yiddish standard
2. Trascrizione tradizionale secondo la pronuncia
1.Rumkovski Chaim
Er get undz mayim,
Er get undz fefer,
Er get undz sam
'r hot gemakht a geto mit a dyeto.
'r hot gemakht a geto mit a meto
Und er shrayt
Az er iz gerekht!

2.Rumkovski Chaim
Er get indz mayim,
Er get indz fefer,
Er get indz sam
'r hot gemakht a gete mit a dyete.
'r hot gemakht a gete mit a mete
Und er shrayt
Az er iz gerekht!

inviata da Riccardo Venturi - 12/8/2016 - 12:56




Lingue: Italiano, Inglese

1. Traduzione italiana di Riccardo Venturi (12.8.2016)
2. Traduzione inglese ripresa dal libro di Gila Flam
1.Chaim Rumkovski
Lui ci dà l'acqua [1],
Lui ci dà il pepe,
Lui ci dà il veleno
Lui il ghetto lo ha messo a dieta,
Lui il ghetto lo ha messo a stecchetto
E grida
Che ha ragione!

Rumkowski Chaim
gives us water
he gives us pepper
He gives us poison
He made a ghetto with a diet
He made a ghetto by the meter
And he claimed
That he is right [2]
[1] Il termine comune yiddish per "acqua" è il tedesco vaser (Wasser). Qui il termine ebraico, mayim, non comune in yiddish, è usato evidentemente per la rima.

[2] Nobody States that Rumkowski was in doubt about his leadership.

inviata da Dq82 + RV - 2/8/2016 - 13:23




Lingua: Yiddish

Strofa aggiuntiva raccolta da Yaakov Flam. Secondo Frenkiel (1986) non sarebbe una strofa aggiuntiva ma una canzone a parte cantata sulla stessa melodia.
An additional verse collected by Yaakov Flam. According to Frenkiel (1986), this is no "additional verse" in strict meaning, but a separate song to be sung to the same tune.

Il testo è dato qui in yiddish standard; si vedano le trascrizioni.
The lyrics are given here in standard Yiddish; see transcriptions.
איך האָב אױך ייִדעלעך עפּעס זו זאָגן:
אַ קדחת װעל איך אױך זאָגן.
די ייִדעלעך זאָגן שױן פֿיל נבֿואות,
“אַז די געטאָ עפֿענען װעט מען שבֿועות!”
אַ צװײטן טאַג ער רעדט,
ייִדעלעך מאַכן שױן אַ געװעט
און לעמען זיך שױן װײַטער טרעפֿן;
רומקאָװסקי פֿון די ייִדעלעך לאַכט:
“אַ קרענק װאָס איר טראַכט!”
די געטאָ בלײַבט אױך װײַטער גוט פֿאַרמאַכט.

inviata da Dq82 + RV - 2/8/2016 - 15:03




Lingua: Yiddish

Doppia trascrizione del precedente testo:
1. Secondo i criteri YIVO e in yiddish standard
2. Trascrizione tradizionale secondo la pronuncia
1.Ikh hob oykh yidelekh epes tsu zogn:
A kadokhes vel ikh oykh zogn.
Di yidelekh zogn shoyn fil nevues,
"Az di geto efenen vet men shvues!"
A tsveytn tog er redt,
Yidelekh makhn shoyn a gevet
Un lemen zikh shoyn vayter trefn;
Rumkovski fun di yidelekh lakht:
"A krenk vos ir thrakt!"
Di geto blaybt oykh vayter gut farmakht.

2.Ikh hob aykh yidelekh epes tsi zugn:
A kadakhes vel ikh aykh zugn.
Di yidelekh zugn shoyn fil nevues,
"Az di geto efenen vet men shevues!"
A tsveytn tug er redt,
Yidelekh makhn shoyn a gevet
Un lemen zekh shoyn vayter trefn;
Rumkovski fin di yidelekh lakht:
"A krenk vus ir thrakt!"
Di geto blaybt oykh vayter git farmakht.

inviata da Riccardo Venturi - 13/8/2016 - 08:32




Lingua: Inglese

1. Traduzione italiana di Riccardo Venturi (13.8.2016)
2. Traduzione inglese ripresa dal libro di Gila Flam
1.Ho qualcosa da dirvi, Ebrei:
Vi dirò un accidente di niente. [1]
Gli Ebrei già fanno gran profezie
“Che il ghetto aprirà per Shavu'ot!” [2]
Il giorno dopo lui fa un discorso,
Gli Ebrei già fanno scommesse
E cercano di indovinare di più;
Ma Rumkowski ride degli Ebrei:
“Chi se ne frega di quel che pensate!” [3]
E il ghetto rimane bello chiuso.

2.I've got for you, Jews, something to tell you:
It's a big nothing I've got to tell you.
The Jews mouth many prophecies already
"The Ghetto will open on Shavuot!"
A second day he makes a speech
Jews are already betting and trying to guess;
But Rumkowski laughs at the Jews:
"Who cares what you think!"
And still the ghetto is thighly closed .
[1] Il termine ebraico kadokhes significa alla lettera “grave malattia”, ma è usato gergalmente per “assolutamente nulla, un accidente di niente” ed espressioni del genere.

[2] Shavu'ot (“Settimane”, o “Festa delle Settimane”) è una delle tre feste bibliche di pellegrinaggio nel calendario ebraico. Cade nel 6° giorno del mese di Sivan (quindi tra il 14 maggio e il 15 giugno). Poiché cade 50 giorni dopo Pesach, gli ebrei di lingua greca le diedero il nome di Πεντηκοστή: da qui la “Pentecoste”. Generalmente è ritenuto il giorno in cui il popolo di Israele ricevette la Torah sul Monte Sinai, anche se nella Bibbia tale fatto non è menzionato espressamente.

[3] Ancora una volta, il senso gergale di “non importare nulla, fregarsene” è espresso con un termine (stavolta tedesco) dal significato di “malattia”, krenk (ted. Kränke).

inviata da Dq82 + RV - 2/8/2016 - 15:11


Scusa dq82, scusate perfidi Admins, se dico la mia sempre rompendo piuttosto il cazzo...
Non faccio solitamente le pulci se si tratta di una CCG qualunque ma qui si tratta di una canzone in Yiddish che parla della Shoah...
Quindi ritengo che a commento introduttivo non basti copiare e incollare di sana pianta il contenuto della scheda presente su Music and Holocaust, e senza nemmeno citare la fonte, ma sia necessario sbattersi un po' e metterci del proprio, magari anche a partire dalla nostra lingua, non per campanilismo ma per una questione di originalità e d'impegno.

Scusate, ma le pagine così partorite mi sanno di abuso, sono poco comprensibili e, in definitiva, mi fanno cagare.

Siccome non è la prima volta che lo faccio notare, spero che non si debba più ripetere in futuro, per rispetto di chi certi commenti li ha creati ben prima di noi (e sicuramente con maggiore competenza) e per mantenere quel livello di originalità, onestà e impegno che da sempre contraddistingue le CCG.

Su Chaim Rumkowski si veda ?װער קלאַפּט עס

Bernart Bartleby - 27/7/2016 - 23:28


Aggiungo: per una questione di originalità e d'impegno e anche di rispetto della memoria di quei milioni di martiri che io sento ancora oggi urlare la loro sofferenza e la loro rabbia ogni volta che scopro una canzone del genere.

B.B. - 27/7/2016 - 23:34


Vedi B.B. io ho sempre considerato e considero i contributi come delle pagine in divenire, aperte al contributo di tutti. Si da il caso che abbia scoperto il disco dei Klezroym e che stia pian piano inserendo i testi che mancano, che tra l'altro si trovano solo in caratteri latini e che quindi hanno bisogno della revisione di Riccardo. Una volta finito il lavoro farò un common con le fonti e il commento all'intero disco e le singole canzoni. L'urgenza di inserirle così era di risparmiare un po' di lavoro sporco a Riccardo. Tra l'altro in questo momento ho anche un accesso molto limitato alla rete.
Quindi addirittura parlare di mancanza di rispetto nei confronti dei morti mi sembra assolutamente fuori luogo.

Dq82 - 28/7/2016 - 11:49


Caro Dq82, la prima parte della tua risposta non è pertinente.
Non parlavo certo del testo. Tutti dipendiamo da Riccardo nella sistemazione delle pagine in Yiddish, Ebraico e non solo.
Mi riferivo, com'è chiaro, a ciò che accompagna eventualmente il testo, e che deve necessariamente accompagnare il testo nel caso di brani come questi. A mio avviso, non te la cavi con un copia incolla e senza nemmeno citare la fonte. Per me questo è un abuso bello e buono ed una mancanza di onestà e d'impegno. E lo è a maggior ragioni per brani come questi. Non un commento originale, non un minimo di apparato iconografico, non una serie di link di approfondimento, non qualche intuizione particolare: copy&past brutale, e nient'altro.

Dici che esagero ad invocare il rispetto dei morti? Io non credo, ma dipende dai punti di vista. Ricordo di una volta che trovai una canzone in Yiddish, Riccardo sistemò come al solito il mio abbozzo e, quando la pagina fu terminata (ma qui non termina mai nulla), ci dicemmo della comune commozione nell'aver restituito un po' di quelle voci, di quelle grida, così lontane ma sempre presenti. Purtroppo non ricordo di quale canzone in particolare si trattasse, ma senz'altro mi è difficile poter condividere con te la stessa commozione.

Detto questo, il sottoscritto è un gran cazzaro che, in un modo o nell'altro, riesce a fare un cazzo tutto il giorno, e nemmeno per colpa sua.
Tu invece probabilmente le tue migliori energie le riservi altrove, e bene che fai. E tuttavia quando vedo pagine come quelle che tu ha proposto, ti dico quello che per me non va e me ne fotto che tu sia un Admin o il più grande studioso di Yiddish contemporaneo.

Non so se mi ho spiegato...

Saluti

Bernart Bartleby - 28/7/2016 - 13:25


Nel cominciare a rimettere un po' in ordine questa pagina, è d'obbligo avvertire che, secondo l'autorevole Freedman Catalogue, la canzone si intitolerebbe semplicemente Rumkowski (רומקאָװסקי). L'autore dei versi sarebbe sì Yankele Hershkowitz, ma il compositore della musica sarebbe, secondo il FC, Morris Goldstein. Il Freedman Catalogue non riporta purtroppo mai i testi dei brani, ma soltanto il primo verso a mo' di identificazione; in questo caso, tale primo verso appare differente dalla versione data in questa pagina.

Riccardo Venturi - 8/8/2016 - 11:33


Direi che, alla luce delle modifiche apportate alla pagina, non ha più senso che sia mantenuto il mio scambio di vedute con DQ82. Non si capisce nemmeno più.
Saluti

B.B. - 10/8/2016 - 11:55


Caro BB, io invece come principio tendo sempre a mantenere commenti e scambi di vedute: come dire, fanno parte della "storia", della costruzione e/o formazione di una data pagina. La quale, peraltro, è appena (direi) a metà del suo cammino. Saluti cari!

Riccardo Venturi - 10/8/2016 - 12:46


Come pare a Lorsignori, perfidi Admins!
L'ho detto solo perchè quei commenti non sono di fatto più comprensibili oggi, soprattutto ai lettori della pagina estranei allo "scontro" tra il sottoscritto e DQ82.
Ciao!

B.B. - 10/8/2016 - 13:27


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org