Lingua   

La straggi di lu pani

Serena Lao


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Uncle Tom's Cabin
(Warrant)
Pum Pum! Chi è? La Polizia!‎
(Dario Fo)
Genova, 20 luglio 2001 - Ballata per Carlo Giuliani, ragazzo
(Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones)


[1998]
Una ballata composta da Serena Lao, cantautrice, poetessa, attrice e scrittrice siciliana, originaria del rione Ballarò di Palermo.
Nella sua raccolta di poesie e ballate intitolata “Cantu la libbertà ca m'apparteni”, edita nel 2014 dall’ISSPE - Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici.
Testo trovato sul blog Il Sigillo



In questa ballata, commissionatale nel 1998 dall’amministrazione palermitana, Serena Lao rievoca la “rivolta del pane” del 1944, quando i soldati di quella che era stata la divisione di fanteria “Sabauda” del Regio esercito (un drappello di veterani fin dalla guerra d’Etiopia, inopinatamente mandato in Sicilia con compiti anche di ordine pubblico) spararono e lanciarono due bombe a mano contro una folla di civili disarmati che, al grido di “pane, pasta, lavoro!” si era raccolta in via Maqueda, davanti a Palazzo Comitini, per protestare contro la fame ed il prezzo del pane, mantenuto altissimo dai baroni del mercato nero... 24 morti e più di 150 feriti...



Considerato che Palermo era stata liberata dagli alleati nel luglio del 1943, la “strage del pane” potrebbe essere considerara la prima e una delle più sanguinose stragi di Stato del secondo dopoguerra.
E come molte stragi di Stato nostrane, anche questa non vide i colpevoli condannati: furono mandati a processo tre sotto ufficiali e una ventina di soldati, ma nel 1947 il giudizio di concluse senza condanne e con grandi pacche sulle spalle: si era trattato soltanto di un “eccesso colposo in legittima difesa”.
Una lapide con i nomi delle 24 vittime fu apposta solo 50 anni dopo, nel 1994.
Questi i loro nomi:

Giuseppe Balistreri, 16 anni
Vincenzo Buccio, 22 anni
Vincenzo Cacciatore, 38 anni
Domenico Cordone, 16 anni
Rosario Corsaro, 30 anni
Michele Damiano, 12 anni
Natale D’Atria, 28 anni
Andrea Di Gregorio, 16 anni
Giuseppe Ferrante, 12 anni
Vincenzo Galatà, 19 anni
Carmelo Gandolfo, 25 anni
Francesco Gannotta, 22 anni
Salvatore Grifati, 9 anni
Eugenio Lanzarone, 20 anni
Gioacchino La Spia, 17 anni
Rosario Lo Verde, 17 anni
Giuseppe Maligno, 22 anni
Erasmo Midolo, 19 anni
Andrea Oliveri, 16 anni
Salvatore Orlando, 17 anni
Cristina Parrinello, 61 anni
Anna Pecoraro, 37 anni
Giacomo Venturelli, 70 anni
Aldo Volpes, 23 anni.
Viniti, ascutati, genti siciliani
vi vogghiu cuntari un fattu traggicu
na straggi ca nun havi eguali
ca fici vèstiri a luttu tanti palermitani.

Era lu 19 ottubbri du 1944.

L’arba nto celu già facia spuntari
na matinata fridda e senza suli
Palermu mi dicava li so’ chiaj
Palermu terra china di duluri.

La guerra avia lassatu li faiddi
negghia nt’all’ariu e celi senza stiddi
occhi sbarrachiati morti strati strati
nenti spiranza e tanta puvirtati!

Lu scuru ammugghiava li pinzeri
la fami era forti cchiù d’aieri
Ancili ca di Ddiu siti mannati
ddu tintu jornu unn’eravu ammucciati!?

La raggia strantuliava la menti e la cuscenza
li picciriddi nun avianu nenti nta la panza!
Li mischineddi nun sapianu cchiù chi fari
a quali santu s’avianu a vutari.

Pinzaru accussì di protestari
davanti a lu Prefettu si ieru a prisintari.
Eranu tanti, eranu picciotti
ddu jornu iddi s’accattaru a morti!

Parianu tanti cani vastuniati
ittavanu vuci pi essiri ascutati
travagghiu e pani vulianu truvari
quali judici li putia cundannari!

Li vuci poi si ficiru cchiù forti
e li surdati arrivaru a frotti
lu primu sparu... doppu lu secunnu
ma nun si sapi cu detti lu cumannu.

Nun sparati… nun sparati!!!
Sunnu picciotti e mancu sunnu armati!
Ma li surdati parianu ’mpazzuti
macari li bummi foru ittati.

Di russu si tincianu li strati
lu sangu ’n terra, li testi scafazzati
Cristu pi l’omu fu ’nchiuvatu ’n cruci
ma dda matina nuddu ’ntisi a Vuci!

Na matri sventurata
saputa la nutizzia curriu pi la strata
a talialla paria la Madonna Addulurata:
“Figghiu, figghiu chi t’hannu fattu!”

E comu quannu era nicu
si lu strincia a lu pettu
l’accarizzava ci vasava i manu
si l’annacava e ci cantava pianu:

“Dormi dormi figghiu amatu
ca to mamma ti duna lu ciatu.
Dormi dormi figghiu miu
pi tia ora ci penza Ddiu”

Di n’autru latu arrivava un gran lamentu:

“Figghiuzzu miu comu t’haiu truvatu
stu ciuri ’n pettu cu ti l’ha’ appizzatu
cu ti scannò fu un malidittu cani
c’ammazza a genti pirchì voli u pani”

Chiuviddicava supra ddu duluri
Palermu certu nun si fici onuri.
Chista è la straggi di la puvirtati
ca fa ammazzari li frati cu li frati.

Curriti tutti, genti palermitani
li vostri frati foru ammazzati comu cani!
Chianciti tutti genti siciliani
ca nun s’ammazza a cu addumanna u pani!

Matri nisciti fora ittati vuci
li vostri figghi foru misi ’n cruci!
La notti scinni e agghiutti cu lu so mantu
nta lu silenziu… di 24 matri si senti lu chiantu!

inviata da Bernart Bartleby - 26/5/2016 - 23:06


Una poesia sulla strage di Palermo del 19 ottobre 1944. L’autrice è la poetessa siciliana Lina La Mattina, pseudonimo letterario di Michela Lina Rinaudo. I versi sono datati 19 ottobre 2012 e sono stati reperiti su YouTube, nell’interpretazione di Alessio Patti.

Via Maqueda, ottobre 1944

LA STRAGI DI LU PANI

Siddu cuntari vulissi Palermu e la Sicilia
li vutti di sangu assuppati di petri, balati
chi comu ciumi currissi, s'allavancassi...
l'Oretu scomparissi e canciassi culura
puru lu mari... siddu pruvassi la storia
a jri a scola, fare cunti, assummari cruci
di morti senza nomu nè piccatu...

S'avissi a mettiri a cuncumeddu...
comu siddu cuntassi li pila all'agghi,
li stiddi a lu celu, l'unni a lu mari
ca nummaru, pisu, misura non hannu...
comu mai pi seculi... pisu e misura ha mai
datu la storia, la giustizzia, a tutti li stragi
scippannu mimoria a lu tempu, a la genti!

Chidda ca ora vi cuntu è una di li tanti...
Era lu 19 d'ottubri di lu millinovicentu
quarantaquattru, iu avìa sulu ottu misi.
Me' matri 'mpiata a patruna non potti jri
a scioperari, a gridari, 'nsemmula
a li tanti morti di fami, ca la miseria
tineva attaccati, comu scecchi a la catina!

A me' nanna però, fimmina senza scola,
bastava un biccheri di vinu pi sciogghiri
lingua, pinzera... filosofa addivintava:
"Mi pari comu fussi statu aeri, sti cosi fitusi
appiru lu curaggiu puru di sparari a genti
comu a mia: ottu figghi, lu maritu dispersu
'n guerra e lu pitittu ca nisceva di l'aricchi".

Cuntava me' nanna, di omini, fimmini
picciotti e picciriddi chi currevanu
'mpazzuti, cu l'occhi di fora pi lu scantu
scurdannu puru lu pitittu, tra sangu
bummi e morti ammazzati, squartaiati
comu agneddi di pasqua... sulu pirchì
addumannavanu pani, travagghiu, libirtà!

Ora la storia la sapemu tutti, non tutti
però sannu ca ci vosiru li pumperi
pi lavari sangu 'ncrustatu 'n via Maqueda,
sangu c'ancora vugghi, grida, sangu di matri,
di armuzzi nnuccenti c'ancora pitittu hannu,
ma sulu di giustizia, vulati leggi ntall'aria
lassanu pisanti cutugna 'ntra lu pettu...

Cutugna ca pisanu 'ntra lu cori di cu' sapi
'nfami minzogni... di cu' doppu tri anni,
'n tempu du' jorna, pi ordini di cu' non si sapi
'nchiudennu lu prucessu dissi: - Bastardi
assassini ca non ci nné... Eccessu di zelu fu...
surdati armati, ca s'appiru a difenniri
di li soliti testi caudi siciliani... "Sobillaturi"! -

"Sobillaturi!", ripigghia amara me' nanna
finennu lu biccheri di vinu davanti...
- sobillaturi... fimmini, picciriddi e picciotti
c'avevanu quasi tutti menu di vint'anni! -


Traduzione italiana dell’autrice, da YouTube

LA STRAGE DEL PANE

Se raccontare volesse Palermo e la Sicilia
le botte di sangue che hanno abbeverato strade, pietre,
fiume che corre, precipita...
l'Oreto sparirebbe, cambierebbe colore
il mare... se provasse la storia
ad andare a scuola, fare conti, sommare croci
di morti senza nomi né peccati...

Si dovrebbe accosciare...
contare peli a teste d'aglio,
stelle al cielo, onde al mare
che numero, peso, misura non hanno...
come per secoli... peso e misura ha mai
dato la storia, la giustizia, a tutte le stragi
strappando memoria al tempo, alla gente!

Quella che adesso racconto è una delle tante...
Era il 19 di ottobre del 1944, avevo otto mesi.
Mia madre impiegata a servizio non poté andare
a correre, gridare per le strade insieme
ai tanti poveracci che la miseria
teneva legati come asini a la catena!

A mia nonna, invece donna analfabeta,
bastava un bicchiere di vino per sciogliere
lingua, trecce ai pensieri... filosofa diventava:
" Mi pare fosse stato ieri, quei maledetti
hanno avuto il coraggio di uccidere gente
come me: otto figli, marito disperso
in guerra e la fame che usciva dalle orecchie".

Raccontava mia nonna di uomini, donne
giovani e fanciulli che correvano
impazziti, con gli occhi annichiliti dalla paura
dimentichi della fame, tra sangue,
bombe e morti ammazzati,squartati
come agnelli pasquali... sol perché
chiedevano pane, lavoro, libertà!

Ora la storia la conosciamo tutti, non tutti
però sanno che ci vollero i pompieri
per lavare sangue incrostato in Via Maqueda,
sangue che ancora bolle, grida, sangue di madri,
di anime innocenti che ancora hanno fame,
ma solo di giustizia, volati leggeri nei cieli
ma lasciando macigni sulla terra...

Macigni che pesano nel petto di chi sa
d'infame menzogne... di chi dopo tre anni,
in soli due giorni, per ordine di chi ancora non si sa
concluse il processo dicendo: - Bastardi
assassini qui non ve ne sono... Fu eccesso di zelo...
soldati armati che dovettero difendersi
dalle solite teste calde siciliani... "Sobillatori!" --

"Sobillatori!", ripete con una smorfia amara mia nonna
finendo il bicchiere di vino davanti...
"Sobillatori!" Donne, bambini, fanciulli
che avevano quasi tutti meno di vent'anni!

Bernart Bartleby - 27/5/2016 - 20:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org