Lingua   

Lo negat

Lou Dalfin


Lingua: Occitano

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Lo grand tramblament
(Massilia Sound System)
Li penjats
(Lou Dalfin)
Varsovia
(Peiraguda)


[2016]

Album : Musica endemica

lou dalfin musica endemica 1


La canzone narra la storia di un soldato morto annegato nella Garonna durante la battaglia di Muret, praticamente l'ultima battaglia della Crociata "contro gli Albigesi", persa dagli Occitani.
Da questa pagina
A l’oustal de ma famiho
La garigo e lou sipres
M’an chantat la bresairolo
Venou dal pais del vent
Coumo uno ripataulero
Scoutavou pic e auriol
Mentre que dentourn meuraven
Las mendias e lou tersol

Moure dins la tero
Siou coujà boù i ueih barat
Tero dins la goulo
Ai stoufà moun darier fiat

A la vinho de moun paire
Agachavo de colo en colo
I journ veve e trescoular
Dins lou gran prat ieu couriou
Rescountrat cado saisoun
Veire naise I buts e l’erbo
Esperar fens e meisoun

Dins l’aigo qu’oundejo
Pas de siel pa de claror
Lou silensi es negre
I a pus ren nhanco doulour

Amoun al siel d’un viage
Eiro volen i aviouns
Al pais i à pus de gero
quarq’un la fai per vous
Da quarque cant
E dins vosto patz malado
Anetz ansai e anlai

Sabetz pas mai
Que far naufragats
dins la paour e dins l’oublit
mà d’arbol senso rais
de francimands fenits
e tu ome que pases
perdut per toun chamin
ferme-te na minuto
denan aquel turbin

l’aigo de Garouno
fai dansar aquì
i fioec de la memorio
as ma vous per qui l’auvis

inviata da adriana - 10/5/2016 - 10:07



Lingua: Italiano

Versione italiana da Youtube
L'ANNEGATO

Alla casa della mia famiglia
La gariga e il cipresso
Mi han cantato la ninna-nanna
Vengo dal paese del vento
Come una bandella
Ascoltavo il picchio e il rigoglio
Mentre che intorno maturavano
Le ragazze e il terzo fieno

Faccia nella terra
Sono coricato con gli occhi chiusi
Terra nella gola
Ho buttato fuori l’ultimo respiro

Alla vigna di mio padre
Guardavo il cielo chiaro
L’orizzonte di colle in colle
I giorni vengono e tramontano
Nel grande prato io correvo
Ricercando tutte le stagioni
Vedevo nascere i germogli e l’erba
Aspettavo il fieno e la casa

Nell’acqua che scorre
Non c’è né cielo né chiarore
Il silenzio è nero
Non c’è più nulla se non dolore

Lassù nel cielo d’una volta
Ora volavo gli aerei
Al paese non c’è più guerra
Qualcuno la fa per voi
Da qualche parte
E nella vostra pace malata
Andate in qua e in là
Non sapete mai
Che fare, naufraghi,
nella paura e nell’odio
come un albero senza radici
dei francesi rifiniti
e tu uomo che passi
perso per il tuo cammino
fermati un minuto
davanti a quel turbine

l’acqua della Garonna
fa danzare qui
i fuochi della memoria
è la mia voce per chi la sente

10/5/2016 - 10:10


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org