Lingua   

Berkin'e bak

Stefano Saletti & Piccola Banda Ikona


Lingue: Romanza (Altra), Turco (Sabir)


Ti può interessare anche...

Μάνες κλαίνε (Εδώ Πολυτεχνείον)
(Mihalis Tsangarakis / Μιχάλης Τσαγκαράκης)
Sarajevo mon amour
(Stefano Saletti & Piccola Banda Ikona)
Na potò makambo ebele
(Stefano Saletti & Piccola Banda Ikona)


2016
Soundcity
Voce: Yasmine Sannino
Organetto: Riccardo Tesi
Soundcity
Berkin Elvan.
Berkin Elvan.




Il canto di una donna a Istanbul il 28 aprile 2013. "Ci sarà del caos il 1° di maggio" dice un americano che passa... Così è stato. A Gezi Park dopo gli scontri con la polizia morirà un ragazzo di 14 anni, Berkin Elvan. La melodia è ispirata a un tema tradizionale armeno. Il brano è cantato in sabir (o "lingua franca") e in turco. Berkin'e bak significa “Guarda Berkin” [in turco].
Berkin'e bak
mi non volir mirar
Berkin'e bak
chiéco non volir sabir

Melior tazir que sentar a mirar
Mi andar fougir que sagiar de piangir

Aell'ombra de Gezi
la manou se tendir
para serrar l'odor de séklémen

Nos star Akdeniz
la maré du metzo
que va separar
el ioum et el roudoua

Berkin'e bak

la gratzia e la tristetza
Berkin'e bak
umut ve gelecek
Elvan

inviata da dq82 - 23/4/2016 - 12:41




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
25 aprile 2016 00:10
GUARDA BERKIN

Guarda Berkin [1]
io non voglio guardare
Guarda Berkin
proprio non voglio sapere

Meglio tacere che star seduta a guardare
piuttosto fuggire che provare a piangere

All'ombra di Gezi
la mano si tende
per racchiudere il profumo di ciclamino

Stiamo a Akdeniz [2]
il mare nel mezzo
che separerà
l'oggi e il domani [3]

Guarda Berkin

la grazia e la tristezza
Guarda Verkin
speranza e avvenire [4]
Elvan
[1] In turco.

[2] Akdeniz è una municipalità del distretto di Mersin, sulla costa mediterranea anatolica.

[3] Parole arabe che fanno parte del sabir (in sé un miscuglio su base italo-veneta di francese, arabo, greco e turco): el ioum è l'arabo al-yawm “oggi” (اليوم), mentre el roudoua è rudaw (روداو ) “domani, futuro”.

[4] In turco.

25/4/2016 - 00:09




Lingua: Italiano

Traduzione di Stefano Saletti da Lineatrad
Guarda Berkin io non voglio vedere.
guarda Berkin cieco non voglio sapere,
meglio tacere che provare a vedere,
meglio fuggire che provare a piangere,

All'ombra di Gezi la mano si tende
per afferrare l'odore del ciclamino

inviata da dq82 - 28/4/2016 - 17:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org