Lingua   

No Lika Da War

Stanley Holloway
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Sulla strada
(Eugenio Finardi)
Kabul
(Vad Vuc)
L'alba di Piero
(Destir)


[1941]
Parole di Stanley Holloway
Musica di Stanley Nesham
Interpretata da Stanley Holloway accompagnato da W.T. Best al pianoforte
Testo trovato su International Lyrics Playground come trascritto da Monique Adriaansen, Mel Priddle e Ferda Dolunay.
Trovo la canzone nella raccolta “Britain at War” del 1990.

Britain at War

Certamente una canzone della propaganda di guerra inglese, ma una divertente sintesi di come era percepita l’Italietta bellicosa e colonialista dei Mussolini e dei Graziani, reduce di fresco dalla disfatta di Tobruch (8 dicembre 1940 - 9 febbraio 1941) dove soverchianti forze italiane furono travolte dai britannici, di molto inferiori in numero di soldati e mezzi: 5.500 e più morti, 10.000 feriti e 115.000 prigionieri tra le fila italiane contro le appena 500 perdite inglesi… L’ennesimo ottimo risultato del Maresciallo d’Italia Rodolfo Graziani, militare inetto e criminale di guerra.



Satira infarcita di luoghi comuni sull’Italia, espressa dal punto di vista di un soldatino del sud Italia – con uno slang simile a quello spesso attribuito anche ai negri - disilluso e spaventato dalla guerra… Non so se il ritornello “No Lika Da War” sia da tradursi “Non c’è niente come la guerra” oppure “Non mi piace la guerra”, fatto sta che il nostro soldato non ne vuole sapere di Mussolini, di Graziani, del filo spinato, degli Spitfire inglesi e dei giganteschi soldati australiani, vuole soltanto tornare a casa sua, dalla sua Rosalia, a mangiare maccheroni e gelati…
In Italy when Mussolini called for men
He make-a me go
To fight-a the foe

He say with a grin, you're sure to win and home again
That liar Benito, whenever we meet-o
I make-a the Blitz, they pick-a the bits
Up in the next street-o

No wanta no start-a the war
No wanta no fight-a the war
No wanta to leave my home in sunny Italy

I missa the macarone
I missa the ice cream cone
I missa my little Rosalie

No lika the barbed wire
No lika the spit-a-da-fire
No lika the great big guy from Australie
No lika the ping
No lika the boom
No lika the whoosh
No lika the clunk
Oh, take-a me back to sunny Italy

Io da laniero di qualità [1]
Hey, who?

Says the Duce [2] to Mrs. Musso
You can buy another trouseau
I go to make some war among the sheik
With my trusty battagliare [3]
And with Mary from the dairy
I'll be home again inside a couple-a-week

And the populo di Roma
They draw up a nice diploma
For to give to the Italians by-and-by
But the Abyssinian army
They drive us nearly barmy
Singing el kaladdy Haile Selassie
Coming through the rye

Says Iosta, "No surrender"
An' 'e speak-a very tender
He say "Stick it boys and then I'm sure we win"
But the British in the tanks
They attack us on the flanks
And you're a fatter man than I am, Gunga Din

They search every nook and cranny
For our Marshall Graziani
And we have to pin a note upon the door
We wouldn't tell a fibby 'ere
You can search all over Lybia
Grazie, and 'e doesn't liby 'ere anymore

No wanta no start-a the war
No wanta no fight-a the war
No wanta to leave my home in sunny Italy

I missa the macarone
I missa the ice cream cone
I missa my little Rosalie

No lika the barbed wire
No lika the spit-a-da-fire
No lika the great big guy from Australie
No lika badia
No lika Tobruk
No lika saloon
No lika b-book
Oh, take-a me back to sunny Italy
Oh, take-a me back to sunny Italy

Viva !
[1] piuttosto ‘barbiere’, dal Barbiere di Siviglia di Rossini
[2] pronounced "juice"
[3] battaglieri ?

inviata da Bernart Bartleby - 2/3/2016 - 11:35


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org