Lingua   

The Luck Of The Irish

John Lennon


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Sunday Bloody Sunday
(John Lennon)
Nobody Told Me
(John Lennon)
Bloody Sunday
(Cruachan)


[1972]
Con Yoko Ono

jlyy


Una canzone da "Some Time in New York City" dedicata, come "Sunday Bloody Sunday", al conflitto nord-irlandese; e anche una canzone molto particolare, cruda, senza mezzi termini. Una canzone particolare anche per il linguaggio, infarcito di espressioni arcaiche ("auld Eireland", "leprechauns"), nel quale svetta una...bestemmia. E una canzone, in ultimo, terribilmente bella. [RV]
If you had the luck of the Irish
You'd be sorry and wish you were dead
You should have the luck of the Irish
And you'd wish you was English instead!

A thousand years of torture and hunger
Drove the people away from their land
A land full of beauty and wonder
Was raped by the British brigands! Goddamn! Goddamn!

If you could keep voices like flowers
There'd be shamrock all over the world
If you could drink dreams like Irish streams
Then the world would be high as the mountain of morn

In the 'Pool they told us the story
How the English divided the land
Of the pain, the death and the glory
And the poets of auld Eireland

If we could make chains with the morning dew
The world would be like Galway Bay
Let's walk over rainbows like leprechauns
The world would be one big Blarney stone

Why the hell are the English there anyway?
As they kill with God on their side
Blame it all on the kids the IRA
As the bastards commit genocide! Aye! Aye! Genocide!

If you had the luck of the Irish
You'd be sorry and wish you was dead
You should have the luck of the Irish
And you'd wish you was English instead!
Yes you'd wish you was English instead!

inviata da Alessandro - 2/1/2007 - 00:19




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
12 marzo 2007
Si vedano le note alla traduzione

1972: John Lennon e Yoko Ono a pugno chiuso manifestano contro l'occupazione britannica dell'Irlanda del Nord
1972: John Lennon e Yoko Ono a pugno chiuso manifestano contro l'occupazione britannica dell'Irlanda del Nord
LA FORTUNA DEGLI IRLANDESI

Se aveste la fortuna degli irlandesi
vi spiacerebbe e vorrei che foste morti
dovreste avere la fortuna degli irlandesi
e vi augurereste di essere inglesi!

Mille anni di tortura e fame
hanno cacciato via la gente dal loro paese
una terra colma di bellezza e meraviglia
è stata stuprata dai briganti inglesi! Porca madonna!*

Se poteste serbare le voci come dei fiori
ci sarebbe trifoglio per tutto il mondo
se poteste bere i sogni come i fiumi irlandesi
allora il mondo sarebbe alto come la montagna del mattino

A Liverpool ci hanno raccontato la storia
di come gli inglesi hanno diviso il paese
della pena, della morte e della gloria
e i poeti della vecchia Irlanda**

Se potessimo fare catene con la rugiada mattutina
il mondo sarebbe come la baia di Galway
Camminiamo sull'arcobaleno come folletti,
e il mondo sarebbe come un solo gran masso di Blarney

Ma comunque, che cazzo ci stanno a fare gli inglesi qui?
Mentre ammazzano con Dio al loro fianco
dicono peste e corna dei ragazzi dell'IRA,
quei bastardi stanno facendo un genocidio! Sì! Sì! Un genocidio!

Se aveste la fortuna degli irlandesi
vi spiacerebbe e vorrei che foste morti
dovreste avere la fortuna degli irlandesi
e vi augurereste di essere inglesi!
E vi augurereste di essere inglesi!
NOTE alla traduzione

* Spiacenti di usare una simile espressione in una traduzione: non siamo soliti farlo. Ma l'effetto di un "Goddam(n)" inglese è esattamente questo, e abbiamo inteso mantenerlo fedelmente.

** Qui l'autore ha usato un'antica grafia scozzese (forse per ricreare la comunanza con l'Irlanda celtica?)

12/3/2007 - 19:44




Lingua: Ebraico

Versione ebraica da questa pagina
Hebrew version from this page
המזל של האירים

אם היה לך את המזל של האירים
היית מצטער ומבקש למות
אם היה לך מזל כמו לאירים
היית מבקש להיות אנגלי ולא אירי

אלף שנים של סבל ורעב
הרחיקו את האנשים הרחק מארצם
ארץ של קסם ויופי
נאנסה ע"י הבריטים – הו אלוהים...

לו יכולת לשמור קולות כמו פרחים
כי אז העולם היה מתמלא בתלתן
לו יכולת לשתות חלומות כמו משקה אירי
כי אז העולם היה גבוה כמו הר

בליוורפול הם סיפרו לנו את הסיפור
איך האנגלים חילקו את הארץ
על הכאב, המוות ועל התהילה
ועל הבלאדות של אירלנד העתיקה

לו יכולנו לעשות שרשרת מטל הבוקר
העולם היה כמו מפרץ גלאווי (מפרץ באירלנד)
בואו ונלך לאורך הקשת
והעולם יהיה כמו אבן יקרה אחת גדולה

מה לעזאזל עושים שם האנגלים?
כאשר הם הורגים בשם האלוהים
הם מאשימים את הילדים וה I.R.A
כאשר הממזרים האלו מבצעים רצח-עם

אילו היה לך מזל של אירי
היית מת מצער
הילו היה לך מזל של אירי
היית מבקש להיות אנגלי

inviata da Riccardo Venturi / ריקרדו ונטורי - 12/3/2007 - 19:26


Suppongo che tu sia di regligione ebraica avendo tu postato anche la traduzione in lingua della canzone di Lennon.
Ora, io non capisco davvero cosa diamine c'entri la Madonna con Goddamn che invece - se preso alla lettera - significherebbe maledetto Iddio, e quindi sarebbe più consono un porco *** piuttosto che scomodare la Vergine Maria.
La cosa che mi fa ridereed al contempo incazzare parecchio è che tu, essendo come io penso di religione ebraica, nella traduzione in lingua hai mantenuto la presenza di Dio ma rendendola con la più sobria " Dio Dio "
Trovo che questa sia mancanza di capacità nel tradurre e di rispetto nelle religioni altrui.

* Spiacenti di usare una simile espressione in una traduzione: non siamo soliti farlo. Ma l'effetto di un "Goddam(n)" inglese è esattamente questo, e abbiamo inteso mantenerlo fedelmente.

Fedelmente un cazzo, amico mio; God and Mary are two different entities to me

Paolo - 17/9/2017 - 10:58


Ma perché mai uno che inserisce una traduzione in ebraico (fra l'altro fatta da un altro) dovrebbe essere di religione ebraica? Quindi Paolo stai calmino. Comunque, Dio o Madonna, io non sarei cosi sicuro che "goddamn" possa equivalere a una bestemmia: forse potrebbe essere semplicemente "maledizione, dannazione!" (letteralmente "Dio maledica"). Mi viene in mente il famoso libro "The God Particle" che in origine si doveva chiamare "The Goddamn Particle".

Lorenzo - 17/9/2017 - 11:12


יִתְגַּדַּל וְיִתְקַדַּשׁ שְׁמֵהּ רַבָּא בְּעָלְמָא דִּי בְרָא כִרְעוּתֵיהּ, וְיַמְלִיךְ מַלְכוּתֵיהּ בְּחַיֵּיכוֹן וּבְיוֹמֵיכוֹן וּבְחַיֵּי דְכָל בֵּית יִשְׂרָאֵל. בַּעֲגָלָא וּבִזְמַן קָרִיב וְאִמְרוּ אָמֵן:
יְהֵא שְׁמֵהּ רַבָּא מְבָרַךְ לְעָלַם וּלְעָלְמֵי עָלְמַיָּא: יִתְבָּרַךְ וְיִשְׁתַּבַּח וְיִתְפָּאַר וְיִתְרוֹמַם וְיִתְנַשֵּׂא וְיִתְהַדָּר וְיִתְעַלֶּה וְיִתְהַלָּל שְׁמֵהּ דְּקֻדְשָׁא בְּרִיךְ הוּא לְעֵֽלָּא מִן כָּל בִּרְכָתָא וְשִׁירָתָא תֻּשְׁבְּחָתָא וְנֶחֱמָתָא, דַּאֲמִירָן בְּעָלְמָא, וְאִמְרוּ אָמֵן:
יְהֵא שְׁלָמָא רַבָּא מִן שְׁמַיָּא וְחַיִּים עָלֵֽינוּ וְעַל כָּל יִשְׂרָאֵל, וְאִמְרוּ : אָמֵן. עֹשֶׂה שָׁלוֹם בִּמְרוֹמָיו, הוּא יַעֲשֶׂה שָׁלוֹם עָלֵיֽנוּ וְעַל כָּל יִשְׂרָאֵל, וְאִמְרוּ : אָמֵן.

Rav Richard Bentsion Venturi - 18/9/2017 - 23:19


Goddamn (Wordreference):

"maledizione!, cavolo! cacchio!, porca miseria! cazzo!, porca puttana!
maledetto, stramaledetto, maledizione, perdio."


So, take it easy, goddamned Paolo!

B.B. - 18/9/2017 - 23:50


Sì, d'accordo, ok tutto quanto e ok il Wordreference, e ok anche la discutibilità della mia traduzione di dieci anni e mezzo fa (!!); dovessi rifarla ora, non so se deciderei ancora così, a prescindere dalle considerazioni del buon Paolo (al quale, poiché sono stato unilateralmente dichiarato di religione ebraica, ho rivolto un Qaddish). Fatto sta che l'effetto che, in inglese, fa generalmente un "Goddamn / Goddam" è quello di un bestemmione sanguinoso, e nessun Wordreference ne potrà mai dare conto, provare per credere. Che so io, sparare un "goddam" non dico in una chiesa, ma semplicemente per una strada di una cittadina del Surrey o del Rhode Island, a alta voce. La lingua inglese, per la sua storia e per le sue caratteristiche, non ha bestemmie semanticamente assimilabili a quelle dei paesi di lingua neolatina (Francia esclusa), della Grecia o dell'Ungheria (la lingua ungherese possiede una serie di bestemmie impressionanti e esplicite). Occorre quindi, così almeno pensavo dieci anni fa, riportare tutto al contesto, vale a dire quello di vedere un "Goddamn" nel testo di una canzone in inglese non di uno sconosciuto qualsiasi, ma di John Lennon. A mio parere, e qui continuo a pensarla come allora, Lennon ce l'aveva messa proprio per colpire, per scioccare parecchio le caste orecchie degli ascoltatori. Non solo quelli britannici ma, chissà, anche quelli della cattolicissima Irlanda, da buon antireligioso qual era (il famoso verso in "Imagine" direi che la dice più che lunga). Chiaro, sono tutte quante supposizioni, ma a questo punto dovrei ritirar fuori tutta la mia consueta solfa sul tradurre, sulle traduzioni eccetera. A proposito, visto che qui si è parlato anche della traduzione ebraica da me inserita a suo tempo: il traduttore ha reso con הו אלוהים (hu elohìm) che, alla lettera, significa semplicemente un innocentissimo "oh, Dio", "oddìo" (usando perdipiù il termine biblico "permesso", insomma nessun tetragramma e nessun 'adonay', per intenderci). Shalom.

Rav Richard Bentsion Venturi - 19/9/2017 - 10:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org