Lingua   

Se tu sapessi mamma

anonimo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Liberazione
(Alfonso De Pietro)
Beppino (Dalle rive dell'Arno un mattino)
(anonimo)
Senza dire niente
(Valeria Tron)


Canto partigiano riferito da Giuseppina Rettori (classe 1925) di Dicomano, provincia di Firenze, nel corso delle registrazioni effettuate in casa sua tra il 2003 ed il 2007 dal ricercatore Marco Magistrali del Centro di Ricerca e Documentazione dell’Associazione Culturale La Leggera di Rufina, Firenze

Giuseppina dopo il bombardamento del 27 Maggio del 1944 sfollò con tutta la famiglia nella località denominata Monte vicino a Santa Lucia dove vi rimase fino a ottobre. Nella casa in cui erano ospitati passavano spesso i partigiani tra cui alcuni erano di Dicomano e intimi di Giuseppina, ad esempio il fratello Valerio, il nipote Elio Vaggioli e l’amico Lazio Cosseri. Spesso cantavano, così tra i canti canti narrativi e da osteria che già conosceva Giuseppina ha appreso i due seguenti. “Cirillo” era il soprannome del partigiano Artemio Genivi [della Divisione "Potente" - Brigata "Lanciotto", ndr]

Giuseppina Rettori


Io cantando questa ho rivisto tutto quello che può rievocare sta canzone, lo sfollamento, questi ragazzi che son morti, la paura, lo scappare, perché noi siemo trovati morti lì, eh! Li ho rivisti tutti. E insomma!
Se tu sapessi mamma
quanti compagni che lasciai lassù
lassù sulla montagna
l’è presidiata dalla gioventù

O compagnia compatta
la più bella sei tu
di tutto Dicomano
la meglio gioventù

E sempre in testa il nostro comandante
eppur bevendo si fa il nostro dover
canta Cirillo la rumba della morte
di Dicomano la meglio gioventù

O compagnia compatta
la più bella sei tu
di tutto Dicomano
la meglio gioventù

inviata da Bernart Bartleby - 10/1/2016 - 13:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org