Lingua   

Vengo

Ana Tijoux


Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Antipatriarca
(Ana Tijoux)
La Misión
(Makiza)
Luchín
(Víctor Jara)


(2014)
dall'album "Vengo"
Vengo Tijoux


In questo "Columbus Day" (chiamato in Spagna "Día de la Hispanidad" - che brutto nome!) , nell'anniversario della "conquista che non scoprì l'America", non poteva mancare questo bel pezzo anticolonialista della cilena Anita Tijoux, che unisce con freschezza la musica andina all'hip hop.
Vengo en busca de respuestas
Con el manojo lleno y las venas abiertas
Vengo como un libro abierto
Ansiosa de aprender la historia no contada de nuestros ancestros
Con el viento que dejaron los abuelos y que vive en cada pensamiento
De esta amada tierra, tierra
Quien sabe cuidarlo es quien de verdad la quiere
Vengo para mirar de nuevo para deducirlo y despertar el ojo ciego
Sin miedo, tu y yo
Descolonicemos lo que nos enseñaron
Con nuestro pelo negro, con pómulos marcados
Con el orgullo huido en el alma tatuado
Vengo con la mirada, vengo con la palabra
Esa palabra hablada, vengo sin temor a no perder nada

Vengo como el niño que busca de su morada
La entrada al origen la vuelta de su cruzada
Vengo a buscar la historia silenciada
La historia de una tierra sequiada

Vengo con el mundo y vengo con los pájaros
Vengo con las flores y los árboles sus cantos
Vengo con el cielo y sus constelaciones
Vengo con el mundo y todas sus estaciones
Vengo agradecida al punto de partida
Vengo con la madera, la montaña y la vida
Vengo con el aire, el agua, la tierra y el fuego
Vengo a mirar el mundo de nuevo

Vengo con mis ideas como escudo
Con el sentir humano a vivir este mundo
Donde el hombre nuevo busca el contrapunto
Vengo, mano
Vengo como tu en busca de la huella, de la pieza del árbol
Y de su corteza que guarda en su memoria que el canto de victoria
Cuando vimos de la tierra lloramos contra la euforia
Ya vimos así nuestros brazos tan encandilados
Si nos acurrucamos al origen de los tiempos a la fuente el universo
Donde yace el sentimiento de vivir este comienzo

Vengo con la sangre roja
Con los pulmones llenos de rimas en mi boca
Con los ojos rasgados, con la tierra en las manos
Venimos con el mundo y venimos con su canto
Vengo a construir un sueño
El brillo de la vida que habita en el hombre nuevo
Vengo buscando un ideal
De un mundo sin clase que se puede levantar

Vengo con el mundo y vengo con los pájaros
Vengo con las flores y los árboles sus cantos
Vengo con el cielo y sus constelaciones
Vengo con el mundo y todas sus estaciones
Vengo agradecida al punto de partida
Vengo con la madera, la montaña y la vida
Vengo con el aire, el agua, la tierra y el fuego
Vengo a mirar el mundo de nuevo

Vengo, vengo a mirar el mundo de nuevo
Vengo en busca de respuestas
Con el manojo lleno y las venas abiertas, vengo
Vengo buscando un ideal
De un mundo sin clase que se pueda levantar, vengo
Con nuestro pelo negro, con pómulos marcados
Con el orgullo huido en el alma tatuado
Vengo

inviata da CCG Staff - 12/10/2015 - 20:58



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Lorenzo Masetti
VENGO

Vengo in cerca di risposte
Con le mani piene e le vene aperte
Vengo come un libro aperto
Ansiosa di imparare la storia non raccontata dei nostri antenati
Con il vento che hanno lasciato i nonni e che vive in ogni pensiero
Di questa terra amata, terra
Chi sa prendersene cura è chi la ama davvero
Vengo per guardare di nuovo, per dedurlo e per risvegliare l'occhio cieco
senza paura, tu e io
Decolonizziamo quello che ci hanno insegnato
Con i nostri capelli neri, con gli zigomi marcati
con l'orgoglio fuggito nell'anima tatuato
Vengo con lo sguardo, vengo con la parola
questa parola parlata, vengo senza timore di perdere nulla

Vengo come il bambino che cerca dalla sua dimora
L'ingresso all'origine, il ritorno dalla sua crociata
Vengo a cercare la storia taciuta
La storia di una terra disseccata

Vengo con il mondo e vengo con gli uccelli
Vengo con i fiori e gli alberi, i loro canti
Vengo con il cielo e le costellazioni
Vengo con il mondo e tutte le stagioni
Vengo riconoscente al punto di partenza
Vengo con il legno, la montagna e la vita
Vengo con l'aria, l'acqua, la terra e il fuoco
Vengo a guardare il mondo di nuovo

Vengo con le mie idee come scudo
Con il sentimento umano a vivere questo mondo
dove l'uomo nuovo cerca l'armonia
Vengo, sgorgo
Vengo come te in cerca dell'impronta, del tronco dell'albero
e della corteccia che custodisce la memoria, che il canto di vittoria
quando abbiamo visto la terra cantiamo contro l'euforia
Già vediamo così le nostre braccia così abbagliate
se ci raggomitoliamo all'origine dei tempi, alla fonte, all'universo
dove giace il sentimento di vivere questo inizio.

Vengo con il sangue rosso
con i polmoni pieni di rime nella bocca
con gli occhi strappati, con la terra nelle mani
Veniamo con il mondo e veniamo col suo canto
Vengo a costruire un sogno
Lo splendore della vita dove abita l'uomo nuovo
Vengo a cercare un ideale
di un mondo senza classi che si può risollevare

Vengo con il mondo e vengo con gli uccelli
Vengo con i fiori e gli alberi, i loro canti
Vengo con il cielo e le costellazioni
Vengo con il mondo e tutte le stagioni
Vengo riconoscente al punto di partenza
Vengo con il legno, la montagna e la vita
Vengo con l'aria, l'acqua, la terra e il fuoco
Vengo a guardare il mondo di nuovo

Vengo in cerca di risposte
Con le mani piene e le vene aperte
Vengo come un libro aperto
Vengo a cercare un ideale
di un mondo senza classi che si può risollevare, vengo
Con i nostri capelli neri, con gli zigomi marcati
con l'orgoglio fuggito nell'anima tatuato
Vengo

5/5/2016 - 16:36



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org