Lingua   

Tempi difficili

Lorenzo Monguzzi
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Il Suddito Peggiore
(Mercanti di Liquore)
La tempesta
(Lorenzo Monguzzi)
Un'idea
(Giorgio Gaber)


2013
Portavérta

HKM173

Un bella metafora dei tempi che corrono, non so se sia una vera CCG... agli altri admin l'ardua sentenza
Il paese ci gocciola addosso dai vetri appannati
coi suoi toni di grigio e marrone nell’acqua mischiati
Il saluto del cielo quest’oggi ci arriva a secchiate
le promesse di sole son state ampiamente smentite.

Ed il pullman diventa una nave che avanza tra i flutti
e con questa tempesta chissà dove siamo diretti
si intuisce che il viaggio non è quello che volevamo
e che probabilmente non porta neanche lontano.

Ma nessuno si azzarda a mostrare una perplessità,
ci hanno detto di andare e noialtri si va,
sballottati e confusi ma ciononostante contenti,
si annunciano tempi difficili per le persone intelligenti.

Con l’autista nessuno ci parla, nessuno che osa
approcciarsi ad un autorità è faccenda rischiosa
sembra poco propenso alla guida e anche poco elegante,
si capisce dal modo furtivo in cui tiene il volante.

Mentre la comitiva continua a ostentare allegria,
siamo gente cogliona però gente di compagnia,
ci si scambia saluti, sorrisi ed il pane e salame
per tenere alla giusta distanza la noia e la fame.

Una curva un po’ brusca ci schiaccia con forza di lato
ed ognuno si trova col proprio vicino abbracciato,
c’è chi prende paura e chi invece una botta sui denti,
si annunciano tempi difficili per le persone intelligenti.

E si alza puntuale la voce dell’indignazione
e per tutta, e per tutta risposta l’autista da un altro scossone
e paparapappappà, avanti verso il destino,
col futuro lontano e il presente vicino.

“Lo dicevo io che il conducente non sa guidare!”
“Ma stia zitto! Le pare il momento di farlo incazzare?”
C’è chi invita alla calma e chi cerca di sdrammatizzare,
chi si sforza con tutto se stesso di non vomitare.

Siamo tutti turbati e fingiamo la normalità,
poi sentiamo l’autista che aumenta la velocità,
e là, in fondo alla strada, si vedono i primi tornanti,
si annunciano tempi difficili per le persone intelligenti,
si annunciano tempi difficili per le persone intelligenti

Rimaniamo, rimaniamo seduti, speriamo che passi la pioggia
e sul pullman, e sul pullman risuona vigliacca una forte scorreggia
e paparapappappà, di navigatori e di santi,
col presente lontano e il passato davanti.

inviata da dq82 - 6/2/2015 - 11:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org