Lingua   

Signor Capitale

Collettivo G. Bosio
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Paddy's Lament (By the hush)
(Sinead O'Connor)
La classe operaia (Non va più in paradiso)
(Luca Bassanese)


[1973?]
Testo trovato su “I Giorni Cantati”, Bollettino di Informazione e Ricerca sulla Cultura Contadina e Operaia, a cura del Circolo Gianni Bosio di Roma (numero 2 - gennaio 1974).

Giudice vecchio e venduto, che il proletariato
hai sempre schiacciato
figlio del sopralavoro, profitto il tuo coro
più voce non ha.

Ricordi i tuoi primi giorni, i primi altiforni
e le recinzioni.
Ricordi l'odio feudale, il dio Capitale
la rivoluzione.

Leoni di luglio, borghesi,
avete implorato
l'aiuto del proletariato.

Certo, poi dimenticarlo a stato un vero piacere
viva i borghesi, viva il potere
viva i borghesi, viva il potere.

Infame signor Capitale, carnefice scaltro
dal volto regale
tu che sei padre e fratello del nazifascismo
ricorda che il popolo è quello.

Le stesso che avevi al tuo fianco
lo stesso che hai sempre sfruttato
non credere di averlo comprato
non credere che sia già stanco.

Se la strada è lunga, la percorreremo
signor Capitale, noi ti annienteremo.
E tu stai tranquillo, non ci fermeremo
il popolo è quello, ma con altra forza
il popolo è quello, e non verrà meno.

inviata da Bernart Bartleby - 26/9/2014 - 13:23


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org