Lingua   

Domenico Tiburzi

Mauro Chechi


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Lettera del brigante Tiburzi dal Paradiso
(Dodi Moscati)
Tre fratelli contadini di Venosa
(Stormy Six)
Il sentiero dei briganti
(La Tresca)


Testo e musica di Mauro Chechi
Lyrics and Music by Mauro Chechi

"Brano interpretato da la banda del Torchio e dai Briganti di Maremma.
Su Domenico Tiburzi si vedano anche Il brigante Tiburzi, Lettera del brigante Tiburzi dal Paradiso e Il sentiero dei briganti. [DQ82]

Mauro Chechi e un gatto.
Mauro Chechi e un gatto.


Come segnalatoci da Lisetta Luchini, il brano è interamente da attribuirsi a Mauro Chechi, che nel 1979 ha lasciato la sua attività forense per dedicarsi interamente a quella di cantastorie e di uomo di spettacolo. [RV]
Un uomo sconosciuto entra nella taverna,
guarda la gente e dice sotto una lucerna...


Il padrone ha i poderi e lo stemma,
chi lavora a fatica c'ha il pane
e la terra chiamata Maremma
ogni giorno è più amara e più cane.

Ma comunque è un rifugio per tanti,
carbonai, contadini e pastori
ed ognuno di noi tira avanti
ma le vede di tutti i colori.

Tra marruche pidocchi e zanzzare il
destino ci sfugge di mano
non si sa più che santo pregare
in quel cielo che è troppo lontano
e così a questi chiari di luna
per chi sfrutta si speri e si aspetta
dallo stato la legge opportuna
da Tiburzi la giusta vendetta.

A questo punto la gente si volta per sentire,
l'uomo chiede da bere e poi continua a dire...


Sulla vita di questo brigante
che sconfina nel dramma e nel gioco
qui di storie si dicono tante
alle veglie nel canto del foco.

Se al racconto di qualche avventura
se nei vecchi c'è un grande stupore,
se ne bimbi c'è tanta paura,
nelle donne c'è 'n sogno d'amore.

E tra l'altro racconta na storia
che tiburzi soccorse quel tale,
ma assetato di soldi e di gloria
per compenso gli fece del male.

Coi gendarmi trovati in paese
lo cercò nella grande boscaglia,
ma tiburzi lo usccie e difese
la sua vita legata a una taglia.

A questo punto dice gente brindiamo al nome mio,
Tiburzi è qui presente amici, sono io...


E cosi come era venuto
lui lascio la taverna e andò via
e sapeva il suo strano saluto
di bestemmia e di ave maria.

Chiuse l'uscio la notte era scura
e riprese il suo vecchio cammino
seguitando l'antica avventura
che gli aveva assegnato il destino.
Girò a lungo tra campi e poderi,
tra montagne vallate e colline,
ma in un regno di mille sentieri
c'è anche quello che porta alla fine.

Venne ucciso al Podere Forane,
con l'inganno con lo stratagemma
ma il suo nome da allora
rimane tra la gente che vive in Maremma.

inviata da DoNQuijote82 - 26/8/2014 - 22:50


La canzone suddetta, parole e musica, è del cantastorie maremmano Mauro Chechi

lisetta luchini - 2/9/2014 - 16:44


Ancor prima di effettuare la correzione, vorremmo esprimere il piacere che ci fa che ce la abbia segnalata Lisetta Luchini, una delle più grandi interpreti della tradizione popolare toscana. Grazie a Lisetta, davvero di cuore, per questo suo intervento, con l'invito a...continuare a sfogliare tra le pagine di questo sito. Siamo ovviamente coscienti che di "anonimi" che non sono tali, e di tante altre cose da rivedere, ce ne saranno a bizzeffe.

CCG/AWS Staff - 2/9/2014 - 18:18


Se può interessare , io sto realizzando la base midi con testo sincronizzato .
Mi è stata richiesta da uno sconosciuto e oggi l'ho iniziata .
Mi mancava il testo e grazie a Voi adesso posso inserirlo e sincronizzarlo.
Suisio (BG) 29 Gennaio 2017.

Marcello - 29/1/2017 - 10:33


Buonasera, volevo sapere se esistono midi delle canzoni popolari maremmane...della pampanini ed altri autori d epoca. Per citarne : l ultimo buttero, il brigante tiburzi, la mia terra e quaklsiasi altra voi siate in grado di indicarmi!!! Grazie..Marzia

marziadegliesposti@yahoo.it - 5/9/2017 - 22:06



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org