Lingua   

Noi de borgata

Armandino Liberti
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

W lo zingaro
(Presi per caso)
Canto de’ malavita
(Gabriella Ferri)
Er lavore
(Giuseppe Gioacchino Belli)


[1973]
Parole e musica di Armandino Liberti, poeta proletario di Pietralata.
Registrazione di Alessandro Portelli.
Poi nel volume “Il borgo e la borgata. I ragazzi di don Bosco e l'altra Roma del dopoguerra”, una ricerca del Circolo Gianni Bosio a cura dello stesso Portelli, Donzelli editore.

Il borgo e la borgata

“Io ho vissuto sulla strada, da cinque anni io ho vissuto sempre in mezzo alla strada. Tutto quello che so, tutto quello che posso fa', tutto quello che esce da me, me l'ha insegnato la strada.” Armandino Liberti, ne “I giorni cantati”, pubblicazione del Circolo Gianni Bosio, numero 2 - gennaio 1974

So' fanello e so' de Pietralata
tredici anni co' quarche mese in più
E da quando la scola m'ha cacciato
co' la vita me trovo a tu per tu.
C'è mi padre che nun me dice gnente
e mi madre poraccia c'ha da fa
semo parte de tanta pora gente
che da sempre s'è lassata annà.

Respiranno l'aria de borgata
quarche vizio l'ho imparato già
co' le mejo lenze de la strada
me la faccio e spaccio in libertà
Drento casa regna lo squallore
ce sto quanno è pronto da magnà
che mi madre a casa de 'e signore
ce procura annanno a lavorà

Li regazzi dalla vita bella
a ladri e guardie se metteno a giocà
noi de borgata se ce dice zella
le guardie vere e vengono a cercà
C'ho n'amico all'Aristide Gabbelli
ce l'han rinchiuso perchè annava a rubbà
de la frutta zompando li cancelli
de 'na grossa e vasta proprietà.

Respiranno st’aria avvelenata
sempre duro è il prezzo da pagà
tante mejo lenze de la strada
stanno drento a piagne libertà
Er maestro: "Vai a lavorare
l'istruzione no nun fa pe' te"
Quer giudizio me sta a fa aspettare
che la legge se beva puro a me.

Miracolata nell'economia
l'Italia nostra è ricca a profusion
te fanno intenne co' 'sta litania
giornali, radio e televisio'
Noi de borgata nun credemo a gnente
la vita amara continuiamo a fa'
tanto benessere sarà pe' artra gente
l'Italia ricca nun ce po' cojonà.

Quarcheduno ce viene a predicare
l'uguaglianza e la fraternità
a 'na fede ce vonno convertire
preti, bizzoche e fiji de papà
Qui se lotta pe' la sopravvivenza
le parole nun possono bastà
e manco la divina provvidenza
boni boni potemo sta' a' aspettà.

Questurini, giudici, avvocati
pilastro primo de 'sta società
sete i nemici nostri più accaniti
perseguitate miseria e povertà
Cani fedeli alle istituzioni
le rogne nostre ve stanno a fa' scialà
ve sete fatte grosse posizioni
ma la borgata nun se lo scorderà.

Se scoppiasse la rabbia qui in borgata
che ognuno se porta dentro ar cor
gente bene, onesta e raffinata
la vostra vita 'n avrà nessun valor
La giustizia, quella popolana
er giorno vie' che ve raggiungerà
la borgata allora s'arisana
col lavoro e nella libertà
la borgata allora s'arisana
col lavoro e nella libertà.

inviata da Bernart Bartleby - 15/8/2014 - 23:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org