Lingua   

Arawak

Anemamé
Lingua: Italiano (Abruzzese)


Ti può interessare anche...

Fiume Sand Creek
(Fabrizio De André)
Little Big Horn
(Alkehol)
Fòrte e gendìle
(Lara Molino)


2007
Shalom
Shalom
(C.T.D Toro – P.D’Angelo)

Donna Arawak di John Gabriel Stedman
Donna Arawak di John Gabriel Stedman

Gli Arawak o "Aruak" (Aruachi in italiano), conosciuti anche come Arahuacos o Aruacos (da aru, ovvero fiore di manioca), rappresentano, secondo alcuni, la famiglia linguistica dei popoli amerindi pre-colombiani con maggiori diversità linguistiche, interessando dall'area dei Caraibi fino al nord dell'Argentina.

Si tratta di una popolazione indigena delle regioni centromeridionali dell'America meridionale. I nuclei più consistenti sono le tribù stanziate in Venezuela, in Colombia e nel Brasile nord-occidentale. Gli Aruachi sono i tipici rappresentanti della cultura amazzonica.

Tra questi popoli si distinsero i Taino che si erano stanziati nelle Grandi Antille, tra cui i Lucayan alle Bahamas e i Bimini in Florida. Vi erano poi i Nepoya e i Suppoyo nell'isola di Trinidad e gli Igneri, che si pensa avessero preceduto i Caribi nelle Piccole Antille assieme ad altre etnie, tra cui i Lokono, che si erano stabiliti lungo le coste orientali dell'America meridionale fino ai confini dell'attuale Brasile.

Gli Arawak appartengono alla famiglia linguistica arawak ed erano i nativi che Cristoforo Colombo incontrò quando sbarcò nelle Americhe. Gli spagnoli li descrissero come un popolo pacifico e gentile, nonostante i pregiudizi dell'epoca li classificassero automaticamente come ostili. Sono di origine arawak parole entrate in uso comune in molte lingue della terra, compreso l'italiano: canoa, colibrì, caimano, amaca, ecc.
Séme partite da lu Venezuéle,
séme arriviéte fine a št’isole,
séme partite ‘m pace da luntane
sopr’a šta tèrre mo vuléme campà’: nu séme Arawak.
Na tèrre accuçì nen l’avevame maje vište,
pe’ quéšte ce mettéme tutte a cantà’;
tèrre de culure, tèrre de primavére,
nu je ferméme pe’ la libbèrtà:nu štéme a Xaimaca.
Vóce di chi n’ po’ cchiù parlà’,
vóce di chi n’ po’ cchiù cantà’
Mo siénte quélle che ddice lu tóre,
scacchie le récchie, aiépre lu córe:
fóre da št’aréne i’ me sènte cchiù méjje,
1494: a l’orizzónte arrive Crištofere Colombe,
se porte appresse tutte la flòtte,
se pòrte apprèsse tutte le “conquištadores”.
Pe’ l’amóre de Ddé, nen ténghe a giudicà’,
ma ténghe solamènte, solamènte a valutà’.
Ténghe a mènte tutte quélle che me ggire ‘ntórne,
tiè a mènte tutte quélle che te ggire ‘ntórne;
popole aborrigene, se me può capì’,
so’ menute ‘m pace e nen me fa’ murì’;
préghe a signurì, la casa mé è la vì,
ma a lu fraštiére i’ so’ sèmpre ditte çì.
Popole aborrigene,tu nen te preoccupà’,
mo t’arepaghe tutte l’ospitalità
Passe cacche anne, ma la museche nen cagne;
arrive l’Inglise e štu schife s’arepéte:
odie e malatie, schiave e genocidie,
quéšte à purtate dope anne de dominie,
ammišticate a cattiverie e ipocrisie
colonizzazione pure de šta vita mia
Vóce di chi n’po’ cchiù parlà’…

inviata da DonQuijote82 - 7/8/2014 - 18:23



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org