Lingua   

Doberdói dal

Zoltán Kodály


Lingua: Ungherese


Ti può interessare anche...

Kimegyek a doberdói harctérre
(András Széles)
Nordest
(Francesco Pelosi)
Katona vagyok én
(anonimo)


[1916]
Testo di anonimo soldato ungherese.
Su di una qualche aria popolare ovvero originale, riscritta e arrangiata da Zoltán Kodály. Brano incluso nell’opera “Magyar Népzene VI” (“Musica popolare ungherese VI”). Ignoro la data precisa di composizione dell’opera.

Magyar Népdalok Bartók Béla És Kodály Zoltán Feldolgozásában


Una “katonadal”, una canzone soldatesca ungherese direttamente dalle trincee della Grande Guerra, precisamente da Doberdob (Doberdó del Lago), dove nell’agosto del 1916 fu combattuta una delle battaglie più sanguinose dell’intero conflitto…



Da quello che sono riuscito a capire dalla traduzione inglese, il protagonista della canzone, certamente un contadino povero privo persino del certificato di nascita, acquista il suo primo documento d’identità quando viene arruolato per andare a combattere contro gli italiani: non gli servirà a gran che, perché morirà subito e avrà una sepoltura anonima sul campo di battaglia…
Keresik a, nem lelik a keresztelő levelemet,
Még a pap se, még a pap se találja meg a nevemet;
Majd megtalálja azt első Ferenc Jóska,
Ki elvitet a harctérre, nem is hozat többé vissza.

Mikor szürkébe öltöztem, azon kezdtem gondolkozni:
Ki lesz az én útitársam, ha ja harctérre kell menni?
Majd lesz útitársam az én jó pajtásom,
Ki megássa a síromat doberdói hegy aljában.

inviata da Bernart Bartleby - 25/7/2014 - 14:12




Lingua: Inglese

Traduzione inglese di Laura Ingram Semilian dal suo studio “Sounding Home: Selected Translations of Hungarian Folk Songs collected & arranged by Béla Bartók e Zoltán Kodály”.
SONG ON DOBERDÓ

They search for it, but they don't find the paper from my christening,
The priest, he doesn't even find my name.
Yet our Franz Joseph, he helps to find it,
To send me into battle, to never call me back again.

Dressed in grey I start to think: when I must go to fight
Who is to travel with me on the road?
The one to travel with me on the road is my good friend:
The one who digs my grave, by the hills of Doberdó.

inviata da Bernart Bartleby - 25/7/2014 - 14:12




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
Olasz nyelvre fordította Riccardo Venturi
15.10.2017 20:12

Due parole del traduttore. Rispetto alla traduzione inglese già qui presente, si tratta di una traduzione assolutamente letterale del testo ungherese.
CANZONE DI DOBERDÒ

Lo cercano, il mio certificato di battesimo, ma non lo trovano,
Nemmeno il parroco, nemmeno il parroco trova il mio nome;
Lo troverà per primo Cecco Beppe, che mi manda
Sul campo di battaglia e non mi richiamerà più indietro.

Quando mi son vestito in grigio, questo ho cominciato a pensare:
Chi sarà il mio compagno di strada, se dovrò andare sul campo di battaglia?
Il mio compagno di strada sarà il mio buon amico,
Che mi scaverà la fossa sotto al monte di Doberdò.

15/10/2017 - 20:14


Probabilmente l'opera di Kodály “Magyar Népzene VI" è del 1925.

Bernart Bartleby - 25/7/2014 - 14:15


Dear Editors, When trying to find songs from World War I, I came across your brilliant web page. Originally, I was interested in Italian songs, but then I realised that there are also Hungarian ones. I didn't even know that our Kodály wrote a song entitled Doberdói dal... However, the text that you provided in Hungarian is not the lyrics to Kodály's music, it's the text of another Hungarian folk song. Here is the original text:

(correct lyrics now reported as the song text)

Thank you for creating this very informative site, which is a treasure for a History teacher like me.

Best wishes,

Ildiko from Hungary

Ildiko - 15/10/2017 - 18:25


Kedves Ildikó, szívesen köszönjük a szövegjavításodért. Tényleg, a hibás dalszöveg egészem másféle népdal, Katona vagyok én, 1848-as katonadal (“Kodály Zoltán gyűjtötte 1914 áprilisában a bukovinai Istensegítsen. Kodály adatközlői ismerték a XVII. Századi, Árgirus nótája című szöveget is"). A weboldalunk alapvetően történeti oldal, és nagyon boldogok vagyunk, hogy egy magyar történettanár velünk közreműködik a magyar népdalok történetéért. Természetesen, a 1848-as katonadalért másik sajátos oldalát építeni fogjuk, mert megérdemli. Újra köszönjük és a viszonthallásra!

Riccardo Venturi - 15/10/2017 - 19:53


Non ho capito bene, scusate. Il testo contribuito nel 2014 era sbagliato, cioè non era quello di "Doberdói dal" ma quello di "Katona vagyok én"?

E però questa seconda non mi pare affatto una canzone contro la guerra, anzi, molto patriottarda...

Saluti

B.B. - 15/10/2017 - 22:52


Sembrerebbe esattamente così, caro BB. Purtroppo, e sottolineo purtroppo, confesso di non aver seguito questa pagina a suo tempo, e quindi prendo atto al pari tuo. La prof. Hegedűs Ildikó ha comunque soltanto specificato che c'è stata una sorta di "scambio" tra due testi le cui melodie popolari sono state entrambe rielaborate da Kodály Zoltán: quello della Doberdói dal di questa pagina, coi relativi dati, risulta ad esempio anche da qui. Da quel che ho capito, per questa pagina, a suo tempo avresti inserito la traduzione inglese del giusto testo, ma il testo ungherese da te inserito era un altro.

Quanto a Katona vagyok én, le questioni sono leggermente più complesse, essendo un canto che proviene in realtà dai moti del 1848, in possesso di una (antichissima) melodia originale e che fu soltanto raccolto da Kodály Zoltán; ma sto mettendo mano alla pagina per spiegare meglio. Saluti cari.

Riccardo Venturi - 15/10/2017 - 23:24



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org