Lingua   

10.1.80

Tavagna
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

Da u 1768 à lu 1769
(Alte Voce)
Corsic’armes
(Renaud)
L'emigrante
(Muvrini)


[1981]
Parole e musica dei Tavagna, nell’album intitolato “Chjamu” del 1981.

Chjamu

Credo che la canzone si riferisca ai sanguinosi scontri che si verificarono ad Ajaccio tra il 9 e il 10 gennaio 1980. Nei giorni precedenti gli abitanti del villaggio di Bastelica avevano fermato tre membri del Service d'Action Civique (SAC), organizzazione paramilitare creata da de Gaulle in chiave anticomunista, zeppa di poliziotti, pieds noir e fascisti, usata anche in Corsica contro gli autonomisti locali. I tre furono sequestratti in un albergo di Ajaccio, accusati di preparare un attentato. Il governo francese mandò i CRS in forze e si verificarono degli scontri violenti nel corso dei quali rimasero uccisi tre manifestanti corsi e un gendarme francese.
Languida hè l’alba sta mane
Muta è imbalbadicata
Pare ch’ella ùn possi più
Supranì u bughju pagnu
Tunata da u furore
Di a nuttata passata.

Rossu serà u fanale
Cum’è rossu fù u sangue
Di i zitelli chì casconu
Ammazzati da a manu
Di u boia chì in Parigi
Cummandò a fucilata.

Sentu cresce in lu mio core
Surgente cusì abbundente
Una staffilata vechja
Raperta da u presente
Ind’issa guerra dichjarata
Or femune resistenza.

È di fronte siamu avale
À lu pudere di u capitale.

inviata da Bernart Bartleby - 1/6/2014 - 19:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org