Lingua   

Lamentu d’una matri

Ignazio Buttitta


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

All You Fascists
(Woody Guthrie)
Le Taissine
(Taissine)
Figli dell'officina
(Giuseppe Raffaelli e Giuseppe Del Freo)


[1947/1953]
Poesia concepita - come “A stragi da Purtedda” - nel giorno dell'eccidio di Portella della Ginestra, 1 maggio 1947, ma strutturata e pubblicata solo qualche anno più tardi nella raccolta intitolata “Lu pani si chiama pani” (Editori Riuniti 1954), con la traduzione italiana a fronte a cura di Salvatore Quasimodo.

A stragi da Purtedda (scena dal film “Salvatore Giuliano” di Francesco Rosi, 1962)
A stragi da Purtedda (scena dal film “Salvatore Giuliano” di Francesco Rosi, 1962)


Nel repertorio di Nonò Salamone e recentemente ripresa anche dal giovane cantastorie siciliano Paolo Zarcone.



Trovo il brano anche in un disco collettivo intitolato “La mia vita vorrei scriverla cantando”, a cura della Fondazione Ignazio Buttitta, con le musiche del compositore Salvatore Di Grigoli e gli arrangiamenti del fisarmonicista Ruggero Mascellino, entrambi siciliani.

I
Dddu primu di maju
la musica ntisi
di fora sunari,
e a l’omu vicinu
chi ancora durmia,
lu còtulu forti:
«Ca susiti, Turi,
la musica sona,
Li Causi vinni!»
E dissi a me figghiu:
«La còppula nova
stu jornu ti nzaju,
ca porta spiranza
lu primu di maju».

II
Grapivu la porta,
lu suli trasiu,
e tutta di russu
la casa jnchiu.

A 1’omu ci ngastu
un ciuri a l’acchettu;
lu vasu e l’abbrazzu
cu amuri e rispettu.

A patri e a figghiu
ci juncìu li manu:
«Li Causi parra,
curriti a lu chianu».

La coppula nova
me figghiu si misi.
«Evviva Barbatu!»
di fora s’intisi.

Mi parsi lu cori
scappari d'un latu,
isavu li vrazza;
«Evviva Barbatu!»

III
Poi ntisi sparari,
ddà supra, sparari;
di l’occhi un ci vitti,
mi misi a gridari

davanti la porta:
«Cummari! Vicini!
Di sangu nnuccenti
nni fannu lavini!»

E sdetti a muntata
ntra petti e ntra fossa
scurciannu cu spini
la carni di l’ossa.

Cadeva nn’arreri,
scappava abbuccuni,
cu manu c cu denti
faceva zappuni.

E scmpri acchianava,
lu cori vugghenti,
e vuci di matri
e fumu e lamenti.

Fu ddocu, ca vitti
lu figghiu ammazzatu:
mi parsi lu munnu
c’avissi scuppatu.

IV
Figghiu!
Ca pirchì t’ammazzaru,
quali mali facisti,
ci dicia:
tu eri na palumma,
di zuccaru e di meli.

Figghiu!
Tutta sangu sta facci!
Cu st’occhi lacrimusi
ti la vogghiu lavari:
pìgghiati lu me ciatu,
l’ultimu ca mi resta,
e grapi l’occhi ancora,
ca lùciri, li vogghiu
vìdiri n’àutra vota.

Figghiu!
A 1’alba comu prima
nun ti pozzu chiamari
e cunzari cu l’ogghiu
lu pani chi ti dava.

Figghiu!
Jornu nun spunta mai
di ti lassari sulu.
Quannu tu fai caminu
iu sugnu appressu a tia,
unni tu dormi
mi fazzu cuscinu
e li me vrazza
su la to cummogghia,
unni tu trasi iu trasu,
e siddu focu avvampa,
iu mi ci avventu supra,
e si ci sunnu spini,
iu mi li mettu ncoddu,
e siddu chiantu sbutta
lu cori miu l’assuppa.

O figghiu miu d’amuri,
la to còppula nova,
eterna ora ti servi
pi lu viaggiu longu.

inviata da Bernart Bartleby - 1/6/2014 - 12:21




Lingua: Siciliano

Sul sito dell’Istituto Comprensivo “Dusmet” di Nicolosi, Catania, trovo un’altra versione, molto più intima, della poesia. Niente di strano: Buttitta era un cantastorie e in quel mestiere l’improvvisazione è tutto...
LAMENTU D’UNA MATRI

Figghiu, quannu tu eri picciriddu,
satavi pi li strati comu un griddu;
un ghiornu mi purtasti na farfalla
cu l'ali d'oru e la tistuzza gialla:

Ahi! Ahi!

Comu to patri fusti zappaturi
e ti susevi cu li primi arburi;
e fora di la porta, cu la manu,
mi salutavi ancora di luntanu:

Ahi! Ahi!

Quannu turnavi fincevi alligrizza,
ma nni la facci mustravi stanchizza;
iu ti stujava la frunti sudata
e tu mi davi la prima vasata,
ed iu: "mancia," e tu: "mancia cu mia,"
e s'assittava Gesù cu Maria:

Ahi! Ahi!

Poi ca lu sonnu vineva mprisciatu
t'addummiscevi a 1u vrazzu appujatu,
iu ti spugghiava adaciddu-adaciddu
e cu li ciatu p'un sentiri friddu;
poi mi curcava cu tia vicinu
cu la me testa nni lu to cuscinu:

Ahi! Ahi!

Una nuttata mi sunnai ch'eri
addivintatu un granni cavaleri,
lu mperaturi di li paladini,
cu Orlannu e Rinardu malantrini,
e tu trasevi cu banneri ntesta
ntra na citati e ti facianu festa.
Curria la genti a fàriti rigali:
una jumenta gàvuta cu l’ali
un elmu ca pareva un campanaru
e na curazza d’oru ti purtaru:

Ahi! Ahi!

Ma ora nun ti sonnu mperaturi,
nè cavaleri e mancu zappaturi,
si ti sunnassi jsassi li vuci
ca si chiantatu comu Cristu ncruci.
Ora nun parri, un vidi, un mi rispunni,
surdu comu la terra e comu l'unni ;
ora nun parti e torni cu lu scuru
e l'occhi mei percianu lu muru:

Ahi! Ahi!

Ora un ti spogghiu, figghiu, un t'addummisciu,
si ncugnu a lu to lettu m’attirrisciu,
e si la testa appoju a lu cuscinu,
sbutta lu sangu, e viu lu lettu chinu:

Ahi! Ahi!

inviata da Bernart Bartleby - 1/6/2014 - 12:21


Bartleby, sono anni che cerco il testo della"Ballata dei Fratelli Cervi".
Intanto consiglio la visione e l'ascolto...da Piazza Carlo Giuliani, Tano Avanzato accompagnato da Davide Giromini

adriana - 1/6/2014 - 12:52




Lingua: Italiano

Traduzione italiana (della prima versione) di Salvatore Quasimodo, nella raccolta intitolata “Lu pani si chiama pani” (Editori Riuniti 1954).
LAMENTO DI UNA MADRE

I
Udii in quel primo
di maggio la musica
suonare per via,
e dissi al mio uomo,
che ancora dormiva,
scuotendolo forte:
«Su, alzati, Turi,
la musica suona,
venuto è Li Causi!» (*)
E dissi a mio figlio:
«Quest’oggi il berretto
ch’è nuovo ti metto,
perché il primo maggio
ci porta speranza».

II
Aprii la porta,
entrò tanto sole
e tutta di rosso
la casa riempì.

E infilo al mio uomo
un fiore all’occhiello;
lo bacio e l'abbraccio:
è amore e rispetto.

E il padre ed il figlio
unisco per mano:
«Là, parla Li Causi,
correte su al piano».

Il nuovo berretto
si mise mio figlio.
«Evviva Barbato!» (**)
s’udì sulla strada.

Mi parve che il cuore
fuggisse da un lato;
alzavo le braccia:
«Evviva Barbato!»

III
Poi udii sparare,
sparare, lassù;
non vidi più nulla,
mi misi a gridare.

davanti alla porta:
«Comare! Vicini!
Di sangue innocente
si fanno torrenti!»

M’avvento sull’erta
fra pietre e fossati,
le spine mi strappano
fin dentro la carne.

Cadevo riversa,
cadevo bocconi,
e i denti e le mani
la terra uncinavano.

E sempre salivo,
il cuore alla bocca,
tra voci di madri
e fumo e lamenti.

E là, fu che vidi
mio figlio ammazzato:
il mondo mi parve
che fosse crollato.

IV
Figlio!
Perché t’hanno ucciso,
che male hai fatto,
così gli dicevo:
eri una colomba,
di zucchero e miele.

Figlio!
Quanto sangue hai in faccia!
Tu lascia che lo lavi
con tutte le mie lacrime;
prenditi questo fiato,
l’ultimo che mi resta,
ed apri ora i tuoi occhi:
che li veda brillare
solo ancora una volta!

Figlio!
Non posso più chiamarti
per risvegliarti all’alba,
condirti d’olio il pane.

Figlio!
Mai ti lascerò solo,
se ti metti in cammino
sarò sulla tua strada;
dove tu dormirai
per te sarò cuscino,
le braccia la tua coltre;
e dove tu entrerai
là, io ti seguirò;
e se c’è fuoco che avvampi
dentro mi butterò,
se spine, mie saranno,
se pianto scoppierà
l’assorbirà il mio cuore.

O mio figlio d’amore,
il tuo berretto nuovo,
ora ti servirà in eterno
per il tuo lungo viaggio.
Note

(*) Girolamo Li Causi (1896-1977), primo segretario del PCI siciliano, che per Portella della Ginestra accusò apertamente la polizia di aver coperto i mafiosi e i separatisti autori della strage e Scelba di essere direttamente implicato nella sua pianificazione.



(**) Nicola Barbato (Kola Barbati in albanese, 1856-1923) è stato un politico e medico italiano di etnia arbëreshë. Fu uno dei leader dei Fasci siciliani dei lavoratori e del Partito Socialista siciliano. Memorabili i sui comizi proprio a Portella della Ginestra, che tradizionalmente era luogo d’incontro dei lavoratori. La polizia di Crispi e i mafiosi di Francesco Cuccia gli uccisero il fratello Mariano e l’amico Bernardino Verro, sindaco di Corleone, tant’è che Barbato fu costretto a mettersi in salvo a Milano, dove morì nel 1923.



Non bisogna dimenticare che la maggioranza delle vittime della strage di Portella della Ginestra era di etnia arbëreshë, come il Barbato.

inviata da Bernart Bartleby - 1/6/2014 - 14:10




Lingua: Italiano

Traduzione italiana (della seconda versione) dal sito dell’Istituto Comprensivo “Dusmet” di Nicolosi, Catania
LAMENTO DI UNA MADRE

Figlio, quando eri bambino,
saltavi per le strade come un grillo;
un giorno mi portasti una farfalla
con l'ali d'oro e la testina gialla:

Ahi! Ahi!

Come tuo padre fosti zappatore
e ti levavi con il primo albore;
e fuori dalla porta, con la mano,
mi salutavi ancora da lontano:

Ahi! Ahi!

Quando tornavi fingevi allegrezza,
ma in faccia mostravi stanchezza;
io ti asciugavo la fronte sudata
e tu mi davi il primo bacio
ed io: "Mangia, " e tu: "Mangia con me,"
e si sedevano Gesù con Maria:

Ahi! Ahi!

Poi che il sonno veniva improvviso
ti addormentavi al braccio appoggiato,
io ti svestivo, adagio, adagio,
e ti scaldavo con il mio fiato,
poi mi sdraiavo vicino a te,
con la mia testa sul tuo cuscino:

Ahi! Ahi!

Una nottata sognai che tu eri
diventato un grande cavaliere,
l'imperatore dei paladini,
con Orlando e Rinaldo arditi e fieri,
e tu entravi con le bandiere in testa
in una città e ti facevano festa.
Correva gente a farti regali:
una giumenta alta con le ali
un elmo che sembrava un campanile
e una corazza d'oro ti portavano:

Ahi! Ahi!

Ma ora non ti sogno imperatore,
nè cavaliere e neanche zappatore,
se ti sognassi urlerei atterrita
che sei piantato come Cristo in croce.
Ora non parli, non vedi, non rispondi,
sordo come la terra e come l'onde;
ora non parti e non torni quando è scuro
e i miei occhi trapassano il muro:

Ahi! Ahi!

Ora non ti svesto, figlio, non ti addormento,
se mi accosto al tuo letto mi spavento
e se la testa appoggio sul cuscino,
trabocca il sangue e il letto ne è pieno:

Ahi! Ahi!

inviata da Bernart Bartleby - 1/6/2014 - 14:15




Lingua: Francese

Version française - LAMENTATION D'UNE MÈRE – Marco Valdo M.I. – 2014
d'après la version italienne – LAMENTO DI UNA MADRE – Salvatore Quasimodo – 1954
d'une chanson sicilienne - LAMENTU D’UNA MATRI – Ignazio Buttitta - 1947-53
LAMENTATION D'UNE MÈRE

I


J'entendis en ce premier
Mai, la musique
Résonner dans le quartier,
Et je dis à mon homme,
Qui dormait encore
En le secouant fort :
« Debout lève-toi, Turi
On entend la musique dehors,
Est venu Li Causi ! » (*)
Et à mon fils je dis:
« Aujourd'hui ton béret
Tout neuf, tu le mets,
Pour que ce premier mai
Nous donne l'espoir et la paix ».


II


J'ouvris la porte,
Le soleil entra
Et tout de rouge
La maison se combla.

Je mets à mon homme
Une fleur à la boutonnière ;
Je l'embrasse, je le serre :
Je le respecte et je l'aime.

Au fils et au papa,
Je joins les mains :
« Li Causi parle là-bas ,
Courez sur le terrain ».

Mon fils met aussitôt
Son nouveau béret
On crie « Hourra Barbato ! »
Sur la route, là plus haut.
Mon cœur, il m'a semblé
Fuyait d'un côté ;
Je levais les bras bien haut :
« Hourra Barbato ! »


III


Puis, j'entendis tirer,
Tirer au bout du chemin;
Je ne vis plus rien,
Je me mis à crier.

Sur ma porte :
« Voisins ! Voisines !
De sang innocent,
On fait des torrents ! »

Je fonce à toute allure
Franchissant fossés et pierres
Les épines me déchirent
Jusqu'à la chair.

Je tombe à la renverse,
Courbée sur le terrain,
Mes dents et mes mains
Agrippent la terre.

Et je monte encore,
Le coeur au bord de l'explosion,
Au milieu des voix des mères
De la fumée et des lamentations.

Et là, à la seconde
Je vis mon fils tué
Et le monde
S'écrouler.


IV


Mon fils ! Mon aimé !
Pourquoi t'ont-ils tué,
Quel mal as-tu fait,
Ainsi je lui disais :
Tu étais un ange éternel,
Une colombe de sucre et de miel.

Mon fils ! Mon aimé !
Tu as tant de sang sur le visage !
Laisse-moi le laver
De mes larmes ;
Prends mon souffle,
Le dernier qui me reste,
Ouvre tes yeux, je t'en supplie :
Que je les voie luire
Au moins une fois encore !

Mon fils ! Mon aimé !
Je ne peux plus t'appeler
Pour t'éveiller le matin,
Et te préparer l'huile et le pain.

Mon fils ! Mon aimé !
Jamais, je ne te laisserai,
Si tu te mets en chemin
Je ferai la route avec toi ;
Où tu dormiras
Moi, je serai ton oreiller,
Mes bras seront ta couche ;
Et où tu iras
Je te suivrai ;
Qu'il y ait feu ou flammes
Je m'y jetterai,
Je ferai miennes tes épines ,
Et quand ton pleur débondera
Mon cœur le boira.

Ô mon enfant d'amour,
Ton béret neuf fera usage,
Maintenant et toujours
Tout au long de ton long voyage.

inviata da Marco Valdo M.I. - 9/6/2014 - 21:42



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org