Lingua   

La vita xe tuto un bidon

Angelo Cecchelin
Lingua: Italiano (Veneto Triestino)

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Lili Marleen (alla triestina)
(anonimo)
Arone Pakitz
(Carolus L. Cergoly)
Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]
(Hans Leip)


(1946?)

Sull'aria di Lili Marleen

 Angelo Cecchelin


Canzone del grande comico triestino Cecchelin scritta probabilmente nell'immediato dopoguerra. Durante il fascismo Cecchelin, pur non scrivendo pezzi apertamente antifascisti, da spirito libero aveva avuto dei guai per alcune battute su Mussolini.

Nel dopoguerra fu vittima di tristi vicissitudini politiche. Accusato di aver denunciato al comando partigiano quale fascista e collaborazionista un altro attore, Giacomo Pellegrina in arte Nino D’Artena che fu poi ucciso nella foiba Plutone, fu per questo condannato ad una pena che molti all’epoca giudiarono comunque eccessiva. Uscito di galera gli fu impedito di calcare i palcoscenici di Trieste e morì a Torino nel 1964.

La trascrizione all'ascolto non è completa e potrebbe essere anche sbagliata in qualche punto... chiedo aiuto ai triestini DOC.
Amici cari, inutile essere filosofi. La vita no xe che un grande bidon. E che bidon. Se odiemo, femo la guerra, se masemo, se parlemo drio. Per cossa? Solo per essere in possesso dei quattro pilastri della vita: vestirse, spoiarse, inpinirse e svodarse.
Eh che bidon, che bidon. Quando che sento dirme “ti amo”, “ti voglio bene”, “tuo per la vita”, “sento di morire per te”... tutto bidoni, solo bidoni. L'unica frase sincera al modo, onesta e senza bidon xe quando che uno le disi: “Crepa che te ven un colpo”. El resto xe tutto bidon. “Ama il tuo prossimo lungo e disteso”.


Quando che son nato
go inteso predicar
“Per far carriera, caro,
te devi assai studiar”
E son diventato un professor
con meno paga de un murator
son proprio a remengon
xe stado un gran bidon

“Fatti una famiglia”
ga dito mio papà
me son sposado e alora
che gran felicità
un grande amor iera fra noi
e oggi son becco con sette fioi
che gran disilusion
xe stado un bel bidon

Quei che iera prima
go sempre detestà
perché la ditatura
xe roba che no va
ma se ogi esprimo un'opinion
i me tira drio col canon
la libertà per bon
xe stada un gran bidon

Democrazia
xe la libertà
che dopo tanti morti
gavemo conquistà
Sta libertà la xe cusì
va' via ti che comando mi
tornemo col canon
e sempre col bidon

La guera i me diseva
si i altri perderà
venierà l'inglesi
e sarà la libertà
oggi l'inglese xe venù
col manganel el comanda lu
noi semo …
col solito bidon

La storiella amici
la pol continuar
anche in eterno
no servi brontolar
tutto il mondo xe un minestron
basato solo sul bidon
con bombe e col canon
va avanti sto bidon

che bidon, che bidon, che bidon...

1/6/2014 - 00:09


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org