Lingua   

Disamparados

Tazenda


Lingua: Sardo (Logudorese)


Ti può interessare anche...

A David a ninnìa
(Maria Carta)
Italia d'oro
(Pierangelo Bertoli)
Trumas
(Piero Marras)


[1991]
Parole e musica di Luigi Marielli dei Tazenda
Nel disco intitolato “Murales”

Murales

Gabriella Carlucci (conduttrice del Cantagiro, edizione 1991): “Cominciamo dal titolo: chi sono i disamparados?”
Andrea Parodi: “Disamparados significa rifiutati, emarginati, abbandonati... Sono i bambini che si lasciano sulle autostrade, sono i vecchi che si trascurano, sono tutta quella parte del mondo che vive con i rifiuti della nostra società.”
Notte ‘e anneu
Chena una lumera
E in coro meu
No b’at un’ispera
Mì sa die
Chi istoccad’ una nue
E rie - rie
Beni’ innoe...
Beni’ intonende unu dillu...
Beni’ intonende unu dillu...

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende

Bois fizos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos

Dae sos muntonarzos de sa tziviltade
Sa ‘oghe ‘e sos disamparados
Ponimus una cantone
Ei chena alenu picare
Cantamus pro no irmenticare

Bois jajos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Sa vida ue bos at juttu?
In sos muntonarzos!

Coro meu
Fuente ‘ia, gradessida
Gai puru deo
Potho bier a sa vida
Mì sa die
Chi istoccad’ una nue
E rie - rie
Beni’ innoe...
Beni’ intonende unu dillu...
Beni’ intonende unu dillu...

Nois fizos ‘e niunu
In sos annos irmenticados
Sa vida ue nos hat juttu?
In sos muntonarzos!

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende

Bois fizos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende

Beni’ intonende unu dillu...
Beni’ intonende unu dillu...
Nota:

Su dillu: ballo originario del Goceano composto da un solo movimento che consiste in due saltelli sul piede destro e due sul piede sinistro. Di derivazione profana, pare venisse anticamente eseguito come forma di scongiuro per le vittime della puntura della malmignatta (s'argia o arza), un ragno velenoso, per allontanare il pericolo della morte. Tale ipotesi sarebbe suffragata non solo dal fatto che da esso deriva su ballu 'e s'arza (il ballo della malmignatta), eseguito a passo di dillu, ma anche dal nome stesso del ballo. La parola dillu sarebbe infatti una contrazione di "dilliriu" che significa delirio; inoltre le parole che accompagnano spesso la danza "dilliri, dilliri, dilliriana", richiamano per assonanza la stessa parola “dillirium”.
Una seconda ipotesi invece fa risalire il nome del ballo da "dillisu" (“beffa, scherno”) e sostiene che nei tempi antichi il ballo venisse eseguito dopo una razzia di bestiame ("bardana") come festeggiamento per essere riusciti a beffare i proprietari della mandria. (it.wikipedia)

inviata da Bernart Bartleby - 29/5/2014 - 21:30




Lingua: Italiano

Traduzione italiana da wikitesti.com e testitradotti.it
DISPERATI

Notte d’affanno
Senza una luce
E nel mio cuore
Non c’è speranza
Ecco il giorno
Che trafigge una nuvola
E ridendo
Arriva fin qui...
Viene intonando un dillu...
Viene intonando un dillu...

Nelle discariche, i disperati
Cercando da mangiare, cercando
In mezzo alla gente, in mezzo
Alla strada domandando carità
La vita si sveglia piangendo

Voi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Tu ne hai solo 51
Ma sembrano cent’anni

Dagli immondezzai della civiltà
La voce degli abbandonati
Scriviamo una canzone
E senza prendere respiro
Cantiamo per non dimenticare

Voi vecchi di nessuno
Con gli anni dimenticati
Dove vi ha portato la vita?
Negli immondezzai!

Cuore mio
Fonte viva, gradita
Così anch’io
Posso bere alla vita
Ecco il giorno
Che trafigge una nuvola
E ridendo
Arriva fino a qui...
Viene intonando un dillu...
Viene intonando un dillu...

Noi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Dove ci ha portato la vita?
Negli immondezzai!

Nelle discariche, i disperati
Cercando da mangiare, cercando
In mezzo alla gente, in mezzo
Alla strada domandando carità
La vita si sveglia piangendo

Voi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Tu ne hai solo 51
Ma sembrano cent’anni

Nelle discariche, i disperati
Cercando da mangiare, cercando
In mezzo alla gente, in mezzo
Alla strada domandando carità
La vita si sveglia piangendo

Nelle discariche, i disperati
Cercando da mangiare, cercando
In mezzo alla gente, in mezzo
Alla strada domandando carità
La vita si sveglia piangendo

Viene intonando un dillu...
Viene intonando un dillu...

inviata da Bernart Bartleby - 29/5/2014 - 21:31




Lingue: Sardo, Italiano

La versione dei Tazenda con Pierangelo Bertoli, presentata al Festival di Sanremo del 1991.
Presente sia nell’album dei Tazenda “Murales” che in quello di Bertoli intitolato “Italia d'oro” del 1992.

Italia d’oro
Bertoli e Tazenda
SPUNTA LA LUNA DAL MONTE

Notte scura, notte senza la sera
notte impotente, notte guerriera
per altre vie, con le mani, le mie
cerco le tue, cerco noi due.

Spunta la luna dal monte
spunta la luna dal monte.

Tra volti di pietra, tra strade di fango
cercando la luna, cercando
danzandoti nella mente
sfiorando tutta la gente
a volte sciogliendosi in pianto
un canto di sponde sicure
ben presto dimenticato
voce dei poveri resti di un sogno mancato.

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende.

Bois fizos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos.

Coro meu (Cuore mio)
Fuente ‘ia, gradessida (fonte chiara e pulita)
Gai puru deo (così pure io)
Potho bier a sa vida (posso bere alla vita).

Dovunque cada
l’alba sulla mia strada
senza catene
vi andremo insieme.

Spunta la luna dal monte
(Beni’ intonende unu dillu)
Spunta la luna dal monte.

Spunta la luna dal monte
(Beni’ intonende unu dillu)
Spunta la luna dal monte
(Beni’ intonende unu dillu).

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende.

Tra volti di pietra tra strade di fango
cercando la luna, cercando
danzandoti nella mente
sfiorando tutta la gente
a volte sedendoti accanto
un canto di sponde sicure
di bimbi festanti in un prato
voce che sale più in alto
di un sogno mancato.

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
(Spunta la luna dal monte)
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende
(Spunta la luna dal monte).

Beni’ intonende unu dillu
(Spunta la luna dal monte)
Beni’ intonende unu dillu.

inviata da Bernart Bartleby - 29/5/2014 - 21:32


Compagnia Daltrocanto
Di Terra, di mare e di stelle (2017)
di terra
Feat. Alberto Bertoli

Spunta la luna dal monte

Alberto Bertoli e Compagnia Daltrocanto

Dq82 - 25/11/2017 - 17:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org